the shield - stagione 4 regia di Guy Ferland, Scott Brazil, Clark Johnson, Dean White, Stephen Kay, D.J. Caruso, Michael Chiklis, Stephen Gyllenhaal, Brad Anderson, David Mamet, Frank Darabont, altri USA 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Serie TVthe shield - stagione 4 (2005)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE SHIELD - STAGIONE 4

Titolo Originale: THE SHIELD - SEASON 4

RegiaGuy Ferland, Scott Brazil, Clark Johnson, Dean White, Stephen Kay, D.J. Caruso, Michael Chiklis, Stephen Gyllenhaal, Brad Anderson, David Mamet, Frank Darabont, altri

InterpretiMichael Chiklis, Walton Goggins, Jay Karnes, Benito Martinez, CCH Pounder, Catherine Dent, Michael Jace, Cathy Cahlin Ryan, David Marciano, Forest Whitaker, Glenn Close

Durata: h 1.00
NazionalitàUSA 2005
Generepoliziesco
Stagioni: 7
Prima TV nel Marzo 2005

•  Altri film di Guy Ferland
•  Altri film di Scott Brazil
•  Altri film di Clark Johnson
•  Altri film di Dean White
•  Altri film di Stephen Kay
•  Altri film di D.J. Caruso
•  Altri film di Michael Chiklis
•  Altri film di Stephen Gyllenhaal
•  Altri film di Brad Anderson
•  Altri film di David Mamet
•  Altri film di Frank Darabont

Trama del film The shield - stagione 4

Il protagonista, Vic Mackey, è un detective dai modi bruschi e spesso violenti, bugiardo, corrotto e dalle spiccate tendenze criminali, ma che ottiene quasi sempre ciò che vuole. La sua particolarità è di venire spesso a patti con la malavita, talvolta non per scopi criminali, ma per trovare un equilibrio di potere ed evitare inutili spargimenti di sangue nelle strade del quartiere; altre volte, invece, lo fa proprio per guadagno personale (anche se c'è da precisare che quasi sempre, però, il "bottino" viene utilizzato per i tre figli, di cui due autistici e che richiedono scuole e cure costose). Questo comportamento ambiguo gli procura incessanti attriti con i colleghi e soprattutto con i superiori. Dopo varie inchieste e vicissitudini il gruppo si sfalda e Vic Mackey con un escamotage riesce a cavarsela mentre i restanti componenti del suo gruppo andranno incontro ad un destino avverso.

Film collegati a THE SHIELD - STAGIONE 4

 •  THE SHIELD - STAGIONE 1, 2002
 •  THE SHIELD - STAGIONE 2, 2003
 •  THE SHIELD - STAGIONE 3, 2004
 •  THE SHIELD - STAGIONE 5, 2006
 •  THE SHIELD - STAGIONE 6, 2006
 •  THE SHIELD - STAGIONE 7, 2007

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,23 / 10 (11 voti)8,23Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The shield - stagione 4, 11 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

7219415  @  08/03/2016 13:02:00
   8 / 10
ottima quarta stagione al livello delle precendenti

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  26/09/2015 21:09:46
   8 / 10
Il cambio al comando del distretto di Farmington, Morris/Glen Close (acquisto indovinatissimo) ha influito su un certo riposizionamento dei personaggi. La squadra d'assalto formalmente sciolta, ma sostanzialmente in azione su fronti diversi e nella fase iniziale della stagione tale riposizionamento influisce creando un leggero straniamento. Buona tutta la maxitrama Antoine Mitchell, ma non certo al livello degli armeni tanto per fare un esempio. Vengono evidenziati maggiormente i giochi politici a scapito dell'azione sulla strada. La qualità comunque non si discute ed il finale di stagione offre ottime prospettive.

alex94  @  29/05/2015 18:52:31
   8 / 10
Ottima quarta stagione,i primi episodi non mi avevano detto molto,li avevo trovati poco interessanti e poco coinvolgenti,poi invece fortunatamente la qualità della serie si rialza tornando ai livelli della terza stagione.
Molto bello anche il finale.
Televisiva ma buona la regia,ottima la recitazione.
"The shield" è sicuramente una delle più belle serie tv poliziesche di sempre,da vedere assolutamente.

hghgg  @  04/01/2015 18:37:45
   8½ / 10
Sicuramente è una stagione di transizione, che inizia e finisce in maniera completamente autonoma rispetto alle altre stagioni, non fosse per l'indagine degli affari interni che sfocerà nella quinta stagione coinvolgendo, almeno inizialmente, Lem (paradossale al massimo, proprio lui, il più pulito e sensato dei quattro).

Però quello che c'è da tenere in considerazione è che a volte le stagioni "di transizione" o cosiddette "minori" possono riservare splendide sorprese; questa quarta stagione a mio avviso è splendida e non ha nulla da invidiare alle precedenti, risultando inferiore, di pochissimo, soltanto alla terza stagione.

Ritmo molto più lento ma questo decisamente non è un problema perché l'adrenalina a mille e la rapidità forsennata di regia e montaggio è sostituita con una raggiunta maturità nelle sceneggiature e nella gestione delle tempistiche, delle vicende e dello sviluppo narrativo, ancora più realista e ora anche capace di prendersi i suoi tempi e dare più respiro agi episodi, alle scene chiave e ai personaggi. Lo staff degli sceneggiatori ha sempre fatto un lavoro egregio ma qui si vede la maturità che hanno raggiunto.

Nel mio gradimento è contato molto anche l'inserimento del mondo Cinema in quello televisivo, ossia l'arrivo di Glenn Close nei panni del nuovo capitano del distretto di Farmington. Un'attrice di cinema e non una qualunque ma pure una brava davvero che entra a far parte di una serie tv valorizzandola tantissimo; come si vede la differenza tra lei e gli altri, che pure sia chiaro il loro lavoro lo fanno bene, ma Glenn Close è due spanne sopra a tutti, è cinema, è un altro livello (o almeno lo era nel 2005). Lei è stata la prima, successivamente The Shield arruolerà ancora, per fortuna, attori attivi soprattutto nel cinema, cosa poi divenuta sempre più comune nelle serie tv (lo Steve Buscemi immenso di "Boardwalk Empire" la dice lunga, ma è solo uno degli esempi possibili). "The Shield" in questo è stato tra i più convincenti precursori (come l'infinito "Six Feet Under" che addirittura attingeva anche dal teatro).

Splendido il personaggio interpretato dalla Close, in una serie in cui l'approfondimento morale e psicologico dei personaggi è ben curato lei è uno dei caratteri più riusciti e carismatici e la sua collaborazione con Mackey catalizza una buona fetta dell'attenzione dello spettatore, visto che è lei che riesce (quasi) a rimetterlo sulla retta via o perlomeno riesce a tenerlo "buono", guadagnandosi fiducia e collaborazione, fino a che intrecci e sconvolgimenti vari (con Shane di mezzo è ovvio) non porranno più o meno fine a questa situazione.

Per quanto riguarda la storia qui vengono presentate alcune delle situazioni più sporche, corrotte e interessanti viste fino ad ora nella serie nonostante Vic Mackey dopo la fine della squadra d'assalto e gli eventi della terza stagione si tenga fuori da corruzione e criminalità come mai prima d'ora. Prima affiancato dal solo fedele Ronnie, poi di nuovo da Lem e infine da uno Shane con il quale, per il momento, il rapporto di lealtà e amicizia viene alla fine ricostruito (anche tra Shane e Lem, sempre per il momento) quando i quattro si ritrovano ad affrontare un nemico comune come Antwon Mitchell, signore del crimine di Farmington, e inoltre l'omicidio di due colleghi (Carl e Scooby) contribuirà a rendere le cose ancora più cupe e difficili ma anche ad unire ulteriormente la ritrovata squadra e l resto del distretto.

Il tutto con a capo il personaggio del capitano Rowling e la sua politica delle confische, osteggiato fin dall'inizio dai piani superiori e da un Aceveda sempre più disgustosamente politicante interessato a "questioni superiori" complice anche il trauma subito nella passata stagione che lo porterà perfino, nel penultimo episodio, a fare accordi con Mitchell (la storia dell'abuso ad Aceveda comunque è stata tirata un po' troppo per le lunghe a mio avviso).

La narrazione, più matura, continua ad essere appassionante e sfaccettata e i personaggi sempre molto ben caratterizzati. C'è tanto schifo e tanta corruzione, devastante il finale della puntata in cui Mitchell incastra Shane e il collega ammazzando senza pietà la bambina informatrice.

Dutch e Clodette mi piacciono sempre di più, soprattutto il primo, che intreccia perfino una relazione con Corinne, ex-moglie di Vic, inimicandosi ancora di più quest'ultimo, fino ad un finale conciliante (ma sottilissimo, credo proprio che anche tra loro due non ci sarà mai grande intesa).

Nulla da dire, puntate ottime e serie davvero molto bella, un gran poliziesco. Sotto con la quinta stagione, che tutti dicono essere la migliore.

david briar  @  27/07/2014 16:43:18
   8 / 10
Seppur sia effettivamente più lenta delle altre tre stagioni,non sono d'accordo sul fatto che sia peggiore.Il difetto maggiore sono i primissimi episodi che hanno un ritmo molto basso e anche ripetitivo,il resto forse è il meglio visto per ora in "The shield".

Il botto arriva col finale della quinta puntata e i suoi successivi sviluppi,forse una delle cose più scioccanti che abbia mai visto sullo schermo.Non solo per quello che succede,ma anche per la schiettezza con cui è rappresentato,senza mezzi termini.La figura di Shane Vendrell acquista maggiore complessità,e a tratti antipatia,ma è assolutamente funzionale ai rapporti coi personaggi.Vic Mackey continua a essere un grande protagonista,ma mentre ormai Corinne è un personaggio completo e approfondito,i suoi figli ci appaiono ancora come degli sconosciuti di cui non sappiamo niente,stesso problema con Ronnie.Non si possono avere dei personaggi presenti o comunque citati in ogni puntata senza conoscerli in modo più completo,è una cosa fastidiosa e trovo sia la mancanza peggiore di tutta la serie.

Per il resto comunque siamo su alti livelli,soprattutto per le indagini di Dutch e Claudette,che a volte passano in sordina rispetto al resto,mentre sono molto interessanti e stimolanti,ma anche importanti dal punto di vista umano e sociologico.Le situazioni presentate a tratti sono quasi insostenibili e fanno riflettere sulle ombre dell'animo umano e su quello che si è disposti a fare per il proprio tornaconto.Monica Rowling,interpretata dalla brava Glenn Close,rappresenta una ricerca disperata ad una moralità difficile da ottenere;il suo pianto finale è la sconfitta di questa moralità contro il potere e quello che si fa per ottenerlo.

Magari c'è un po' meno azione,ma nel complesso la trovo migliore alle altre tre stagioni.Spero nelle successive stagioni si risolvano alcuni difetti,potrebbe diventare un capolavoro.Per ora,rimane una serie lodevole e importante..

Neurotico  @  18/07/2014 18:54:47
   7½ / 10
E' stato già detto tutto nei commenti precedenti riguardo questa quarta, e più debole, stagione di The Shield. Inferiore alle tre meravigliose stagioni precedenti, è transitoria, è sostenuta dal personaggio di Glenn Close e, in generale, soffre di qualche ripetitività e lungaggine. Cala leggermente la tensione, ed è il preludio alla quinta, monumentale stagione.

2 risposte al commento
Ultima risposta 16/01/2015 09.45.59
Visualizza / Rispondi al commento
giraldiro  @  24/03/2014 03:23:37
   8½ / 10
Ritmi un po' più bassi in questa quarta stagione ma qualità sempre altissima.

Grandi meriti anche a Glenn Close che interpreta un personaggio di grande personalità.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR HollywoodUndead  @  21/03/2014 15:36:27
   8 / 10
Nella quarta stagione di The Shield si pigia un po' troppo il piede sul freno, ma comunque rimane un'ottima stagione. Siamo ad un punto leggermente più in basso rispetto alle stagioni 2 e 3, ma diciamo che ancora una volta la serie si mantiene a grandi livelli. Guest star d'eccezione Glenn Close, che mette a disposizione il suo straordinario talento per questa grande serie di successo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  31/01/2014 23:18:04
   8½ / 10
Verissimo, la quarta è una stagione di transizione. Alcune delle trame più importanti che la serie aveva affrontato sembrano essere messe a tacere ma è solo per la durata di 13 episodi fortunatamente di altissimo livello, con l'arrivo determinante di Glenn Close che, anticipando l'altra star Whitaker, risolleva le sorti di uno show che ha bisogno anche del carisma di grandi attori capaci di costruire grandi personaggi.
Il capitano Rawling purtroppo non apparirà più ma la sua presenza rende questa quarta serie al livello delle altre tre, migliore anche della terza.
Ed è una sorta di oasi felice per Vic e il suo team, anche se sappiamo già che le cose stanno per mettersi malissimo e la tragedia è annunciata.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  29/01/2014 11:59:52
   8 / 10
Stagione di transizione che mantiene altissimo il livello grazie alla presenza strepitosa di una guest star come Glenn Close.

Gruppo REDAZIONE Invia una mail all'autore del commento cash  @  29/01/2014 10:42:56
   9½ / 10
La quarta stagione della stagione più bella di sempre.
Ommamma.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
antebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1005018 commenti su 43502 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net