Recensione last night (2010) regia di Massy Tadjedin USA, Francia 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione last night (2010)

Voto Visitatori:   6,26 / 10 (41 voti)6,26Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LAST NIGHT (2010)

Immagine tratta dal film LAST NIGHT (2010)

Immagine tratta dal film LAST NIGHT (2010)

Immagine tratta dal film LAST NIGHT (2010)

Immagine tratta dal film LAST NIGHT (2010)

Immagine tratta dal film LAST NIGHT (2010)
 

Bisogna riconoscere che Stankey Kubrick colse nel segno, quando scelse un'ambientazione contemporanea per il suo "Eyes wide shut" tratto da "Doppio Sogno" di Schnitzler. Lo sceneggiatore Raphael ebbe a manifestargli perplessità, relativamente alla trasposizione nella New York di fine secolo di un romanzo ambientato nella Vienna dei primi del Novecento. Oggi le coppie si tradiscono e si lasciano senza troppi complimenti: le problematiche matrimoniali sarebbero cambiate profondamente, come le dinamiche di coppia. "Non sono così sicuro", obiettò Kubrick.

Ci vedeva giusto, il grande maestro, se è vero che oggi, nel 2010, ci vengono proposte – con questo film scritto e diretto dalla giovane esordiente Massy Tadjedin (di origine persiana, ma nata e formatasi negli Stati Uniti) – le stesse problematiche da cui partiva Kubrick nel suo ultimo capolavoro.

La regista Tadjedin ha riconosciuto delle analogie tra l'impianto drammaturgico del suo film e quello di "Eyes wide shut". A nostro avviso le analogie sono molteplici, e non si limitano allo sviluppo della trama, ma investono anche le implicazioni dei temi di partenza (gelosia in ambito coniugale, tentazione di tradire, reminescenze che solleticano la fantasia, e i meccanismi psicologici per cui proprio la gelosia dell'altro può indurci in tentazione).

Fatta la debita premessa che i due film sono molto lontani per stile e sensibilità, resta forte la sensazione che specie i primi venti minuti di "Last night" si svolgano sulla falsariga di "Eyes wide shut". Il film si apre con una coppia sposata (Joanna e Michael) che si sta preparando, nel suo appartamento di Manhattan, per andare a un ricevimento; una volta lì, Joanna (Keira Knightley, che fornisce, misurata e intensa, un'altra delle sue splendide interpretazioni – purtroppo parzialmente deturpata dal doppiaggio italiano) si accorge delle attenzioni che il marito Michael (interpretato dall'australiano Sam Worthington, reso celebre da "Avatar") riceve da Laura (Eva Mendes, fisico e volto giusti per rappresentare la femme fatale di turno), una donna che da mesi viaggia molto insieme a lui per lavoro, senza che Micheal ne abbia mai fatto cenno alla moglie.

La gelosia di Joanna si manifesta quando i due tornano a casa (proprio come succedeva nel film di Kubrick, è esaltata dall'alcool).

Quindi, l'azione si sposta al giorno seguente: Michael parte per Philadelphia insieme a Laura e a un altro collega, Joanna rimane sola in casa, alle prese con un suo blocco creativo di scrittrice.

Per tutto il resto del film, assisteremo alle vicende della notte seguente. In un montaggio alternato gestito con maestria, seguiremo da un lato il gioco di seduzione innescato da Laura su Michael, nel quale la gelosia della moglie giocherà un effetto importante, mentre dall'altro seguiremo la ricomparsa nella vita di Joanna di un suo ex, il mai dimenticato Alex (interpretato da un appassionato Guillaume Canet).

Non andremo oltre, nello svelare i dettagli della trama.

Il film ha un impianto molto "di sceneggiatura": si regge sui dialoghi, davvero ben scritti, sul disegno dei personaggi (più interessanti quelli di Joanna e Alex), e sulle convincenti interpretazioni del cast. L'autrice della sceneggiatura è la stessa Tadjedin, che qui è alla sua prima prova come regista, ma di sceneggiature ne ha già scritte.

Per le atmosfere, il milieu sociale, e per una certa somiglianza nelle psicologie di alcuni personaggi, il film ricorda "Two lovers" (2008) di James Gray, film che ruota attorno a dubbi ed incertezze di un uomo che deve sposarsi, di fronte alla comparsa di un'altra donna nella sua vita.

"Last night" è un film esile solo in apparenza, ma si regge su di una sceneggiatura tutt'altro che banale, e su una regia che si tiene a distanza dalle convenzioni narrative più commerciali, per accostarsi – a metà tra commedia e dramma – all'intimità dei personaggi, colti in momenti di esitazione in cui la fasatura dei rapporti di coppia diventa unità di misura delle proprie (in)certezze esistenziali.

Percepiamo una lontana eco pure di Rohmer. Anche se quasi del tutto priva della sottile ironia del compianto maestro francese, questa pellicola svela il potenziale drammatico delle nostre frivolezze insieme all'assoluta frivolezza dei nostri drammi interiori. In "Last night" ritroviamo il rapporto tra il caso e la scelta; l'ostinazione di certi personaggi a non cedere agli istinti pur di mantenere fede ai propri principi; dialoghi o monologhi autoreferenziali su come si è, o si vorrebbe essere. Un tocco di mordace ironia non avrebbe guastato, per demistificare la seriosità eccessiva rispetto alla consistenza delle vicende.

La regista ha ammesso che un'altra fonte di ispirazione è stato il "Breve incontro" di David Lean, film del 1945 in cui un uomo e una donna, entrambi sposati, non arrivano mai a dare sostanza alla loro relazione, mantenendosi sempre sull'orlo dell'adulterio senza mai consumarlo.

Insomma c'è sicuramente molto, forse troppo cinema, in questo "Last night". E' il suo limite – insieme a quello di raccontare vicende risapute. D'altra parte però, sì, Kubrick aveva proprio ragione: fedeltà e tradimento, gelosia e tentazione conservano un valore inalterato nel tempo, nel definire l'identità di una coppia. Anche le dinamiche che si innescano seguono percorsi universali: e celano, dietro ogni svolta del racconto, le stesse inquietudini e le stesse domande.

La bravura della Tadjedin consiste – oltre che nella maturità con cui ha diretto gli attori – nell'originalità con cui ha saputo immergere il suo film in atmosfere molto dense, che assorbono lo spettatore, mettendolo in condizione di intercettare ogni cenno e cogliere ogni sfumatura.

Giova molto la scelta di avvolgere il film, dall'inizio alla fine, in una suadente musica di piano. Particolarmente originale, a riguardo, il costante sottofondo pianistico che tiene insieme le sequenze iniziali, il che contribuisce non poco a calare sin da subito lo spettatore nell'interiorità dei protagonisti.

E' più grave il tradimento fisico rispetto a quello interiore? E' tanto diversa, nei suoi effetti, l'attrazione fisica per una nuova collega, rispetto a un amore mai dimenticato? E' più grave la leggerezza della tentazione o la persistenza di un diverso sogno di vita?

Sono domande che il film lascia aperte, avendo il merito di non fornire chiavi di lettura univoche o moraleggianti. Consente invece, a ciascuno, di cogliere quelle sfumature a noi più vicine, identificandoci più in uno o più in un altro personaggio, senza stigmatizzare le debolezze di nessuno.

La sensibilità dell'autrice tiene insieme un film che pulsa sottotraccia, sotto la superficie degli eventi, attento alle sensazioni più sussurrate quanto a quelle più manifeste.

In un film incentrato su tematiche quanto mai universali, merita considerazione la relativa "novità" costituita da un personaggio – quello di Alex – esempio contemporaneo di uomo romantico: sensibile ma sprovveduto, sicuro di sé ma anche immaturo e superficiale. Come si è espresso il suo interprete Guillaume Canet, il rapporto fra uomo e donna è oggi più paritario, ma l'uomo è spesso un "uomo-bambino". Non meno "bambino" è il Michael di Sam Worthington (che possiede il volto perfetto per restituire la prevalente passività di carattere).

Né gli uomini né le donne, in questo film, escono dalla "notte scorsa" uguali a prima. Tutti hanno maturato una consapevolezza: ma se la "coppia" costituita da Michael e Laura vive una vicenda in fondo banale, su Joanna (e su Alex) la notte ha lasciato il segno di sentimenti intensi e contrastanti, al cui dilemma non è concessa via d'uscita. Un cenno melodrammatico chiude la loro vicenda, senza stonare, in un film che punta anzitutto a essere uno specchio per chi lo guarda. Ci invita a guardarci senza maschere: amplifica i nostri dubbi, e assottiglia le nostre certezze.

Commenta la recensione di LAST NIGHT (2010) sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Stefano Santoli - aggiornata al 29/10/2010 16.16.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdadea proposito di rosea sona spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebrave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre australfigli del set
 NEW
finche' morte non ci separi (2019)fulci for fakegemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundigrazie a diogretaguest of honourhava, maryam, ayeshahole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil criminaleil mio profilo miglioreil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2jesus rolls - quintana e' tornato!
 HOT R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigatela scomparsa di mia madrela verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmaola voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)maleficent 2: signora del malemanta raymarriage storymartin edenmes jours de gloire
 NEW
metallica and san francisco symphony: s&m2mio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibet
 NEW
nell'erba altanever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la bufera
 NEW
panama papersparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscalesscary stories to tell in the darkscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligarise mi vuoi benesearching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wallthe informer - tre secondi per sopravviverethe kill teamthe king (2019)the kingmakerthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttapposto
 NEW
tutto il mio folle amoreun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkweathering with you - la ragazza del tempowomanyesterday (2019)you will die at 20yuli - danza e liberta'zerozerozero - stagione 1zumiriki

993302 commenti su 42194 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net