don camillo regia di Julien Duvivier Italia 1952
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

don camillo (1952)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DON CAMILLO

Titolo Originale: DON CAMILLO

RegiaJulien Duvivier

InterpretiGino Cervi, Fernandel, Leda Gloria, Franco Interlenghi

Durata: h 1.25
NazionalitàItalia 1952
Generecommedia
Al cinema nel Gennaio 1952

•  Altri film di Julien Duvivier

Trama del film Don camillo

In un paese della Bassa Padana, nell'immediato dopoguerra, viene eletto un sindaco comunista: Giuseppe Bottazzi detto Peppone. A contrastarlo in tutti i modi Ŕ il parroco, il combattivo don Camillo. I "rossi" proclamano uno sciopero agricolo e don Camillo fa di tutto per farlo fallire, ma poi non rifiuta di benedire la Casa del Popolo e dÓ il battesimo all'ultimo nato del rivale.

Film collegati a DON CAMILLO

 •  IL RITORNO DI DON CAMILLO, 1952
 •  DON CAMILLO E L'ONOREVOLE PEPPONE, 1955
 •  DON CAMILLO MONSIGNORE MA NON TROPPO, 1961
 •  IL COMPAGNO DON CAMILLO, 1965

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,64 / 10 (47 voti)8,64Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Don camillo, 47 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Arkantos  @  11/06/2020 07:46:20
   9 / 10
Arkantos = Chissà cosa posso fare oggi…
Aiace = … Commentare Goldeneye? Non ti manca molto sul progetto Bond.
Arkantos = Potrei anche farlo, anzi, il film l'ho già visto e il commento è già pronto, il problema è che mi piacerebbe spendere due parole pure sul videogioco…
Wowowiwowa = Ma i tie-in fanno cag.are!!!
Arkantos = Il videogioco di Goldeneye è un'eccezione, addirittura è considerato uno dei videogiochi più importanti di tutti i tempi, portando alla nascita degli FPS su console come Halo!
Setna = Pensi che una saga breve come… Don Camillo… Possa andare?
Arkantos = Sì, va più che bene, almeno così alterno i suoi film col videogioco.

ATTENZIONE SPOILER!!!

Ringrazio Setna perché i film di Don Camillo li volevo commentare fin dal momento in cui sono iscritto su questo sito (8 ANNI FA!!!), ma probabilmente solo ora potrei riuscire a commentarli in maniera decente. Preciso che verranno fatti pure "Don Camillo e i giovani d'oggi" e il Don Camillo con Terence Hill. Ahimè saranno tralasciati molti adattamenti, principalmente sudamericani (già, Don Camillo ha molti più adattamenti di quanto si pensi…).
Magari non chiacchierato quanto i film di Monicelli o quelli con Alberto Sordi, Don Camillo rimane tuttavia un film freschissimo: oltre alle gag dissacranti, riesce infatti a dare uno scorcio verosimile di un comune, qua Brescello, che sente ancora le ferite della guerra appena passata, con la gente pronta a tutto pur di dare anche solo un piccolo contributo per ricostruire e migliorare il paese anche se ciò non sarà facile principalmente a causa delle correnti politiche causando discordia tra le persone.
Don Camillo, prete reazionario (seppur a volte considerato dagli altri bolscevico, insomma, raffigura un po' me che mi affibbiano 300 etichette diverse), e Peppone, sindaco comunista, hanno un rapporto incredibile di inseparabili nemici-amici: nonostante le visioni differenti, sapranno sempre trovare un accordo che possa migliorare loro e la gente del paese.
Gli attori interpretano molto bene i loro ruoli, le gag, che siano le risse di Don Camillo o le frecciatine contro la politica dell'epoca, sanno tuttora divertire e le ultime danno pure momenti di riflessione, infine il film è diretto magnificamente dando scene degne di un film d'autore come ad esempio la scena dove Don Camillo fa la processione sul fiume Po.

Film ingiustamente bistrattato dall'America, non so se questa notizia è vera ma da quel che ho capito aveva tutte le carte in regola per essere nominato agli Oscar, però venne bloccato dalla CIA a causa di una presunta simpatia comunista quando ciò non è affatto vero: qua non è la cristianità o il comunismo a vincere, bensì l'amicizia e il rispetto verso il prossimo; solo questi valori permettono la maturazione interiore di se stessi e la pace, andando oltre le apparenze che disgregano gli uni dagli altri (il funerale di Cristina ne è un esempio, seppur spesso venga frainteso dai soliti politicanti).
Iconico, divertente e veramente ben fatto, per me è addirittura uno dei film più importanti del cinema italo-francese; essendo una coproduzione dove gli attori recitavano nella loro madrelingua, ci sono due versioni: seppur la versione francese sia più "integrale" con alcune scene più esplicite, al momento ho visto solo la versione italiana più che altro per affezione verso l'ottimo doppiaggio.

horror83  @  26/12/2018 10:28:24
   7 / 10
il caro vecchio Don Camillo, l'ho guardato molte volte in tv, simpatico e divertente!

gemellino86  @  26/03/2018 18:51:03
   8½ / 10
Un classico d'altri tempi. Spero che attori e costumi siano stati candidati agli oscar. Regia francese quasi da antologia. Imperdibile.

BlueBlaster  @  22/01/2018 14:46:52
   7½ / 10
In tutti questi anni, a parte qualche pezzetto, non avevo mai visto per intero un film della serie Don Camillo-Peppone...
Devo dire che l'ho guardato ben volentieri (sto guardando anche tutti gli altri film) perché rappresenta davvero uno spaccato del nord Italia del dopoguerra...molte cose che si vedono e di cui si parla combaciano con i racconti dei miei genitori e dei miei nonni!
Non si ride a crepapelle ma ci si diverte piuttosto bene con sarcasmo ed ironia pungente specie riguardo la politica ovviamente, non mancano sottotrame romantiche e drammatiche per renderlo un film "importante".

alex94  @  25/04/2017 09:41:08
   8½ / 10
Un classico della commedia,splendidamente recitato da una coppia di grandi attori....
Visto decine di volte ma sempre divertente.

KitaVerde  @  19/05/2016 20:18:32
   8 / 10
Vita rurale e campane ridondanti in questo film ormai divenuto classico. Don Camillo e Peppone due icone del cinema nostrano. Credo che da piccolo lo passavano spesso su Rete 4 o la Rai?? Boh, comunque da piccolo mi piacque molto, ecco perchè conservo un buon ricordo dopo tanti anni ;) Fernandel e Gino Cervi grandi!

fabio57  @  11/04/2016 14:41:24
   9 / 10
Dalla geniale penna di Guareschi è tratto questo film che da inizio ad una fortunata saga, con diversi titoli. Ambientato a Brescello, che deve la sua fama a questi lavori, gioca sul dualismo affettuoso e impetuoso dei due protagonisti, Don Camillo, parroco tradizionalista ,reazionario, ma generoso e amoroso e il suo rivale, il sindaco comunista, rivoluzionario ma non troppo, che si disputano il consenso dei concittadini, dando vita a siparietti divertentissimi in cui spesso coinvolgono anche amici, parenti, conoscenti La trovata geniale è il colloquio continuo e serrato che si stabilisce tra Gesù (il crocifisso della chiesa)e il parroco che gli confida le sue peripezie e gli chiede consiglio.
Storie delicate, fatte di umorismo ma anche di solidarietà e amore per il prossimo, vere e proprie lezioni di vita

Oskarsson88  @  15/11/2015 23:03:37
   6 / 10
Per me purtroppo sente molto degli anni passati.. lento e un po' faticoso, non fa ridere, perche' e' piu in stile ironia leggera. I protagonisti son comunque bravissimi, soprattutto Fernandel nel ruolo del prete.. che ghigna!

Gualty  @  12/04/2015 18:42:02
   9 / 10
Dalla mano che scrisse il famoso motto " Nelle cabine elettorali Stalin non può vedervi mentre Dio sì" nasce questa incredibile saga, così lontana dai nostri tempi eppure così cara a chi ancora crede nella possibilità che l'umanità possa, pian piano, migliorarsi.
Commovente come le fazioni opposte, tra liti dispetti e mascalzonate, riescano sempre e comunque ad unirsi nei momenti importanti, a riconoscere il valore delle persone indipendentemente dal colore politico.
Realtà più ingenua che utopica forse, ma nulla toglie alla forza visionaria di quest'opera, dolce, divertente, poetica, politica, spietata
"Ha più valore questa donna da morta che tutti voi da vivi".
"Non avevo percosso il ministro di Dio, ma l'avversario politico! "

pernice89  @  03/02/2014 12:02:56
   8½ / 10
Davvero bello questo film. Le battute tra Don Camillo e Peppone sono esilaranti.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento Project Pat  @  27/10/2013 22:56:10
   8½ / 10
Un trattato, un gioiello. Con una sola mossa, l'accostamento di un prete a un comunista, Duvivier riesce nientepopodimeno che a descrivere col cuore anche realtà aggiuntive a quelle che inevitabilmente scaturebbero da un confronto simile, come le antinomie politiche e religiose. Quali sono queste ulteriori aspetti? La vita, la morte, l'amore per il proprio paese, la grottesca complessità dei rapporti interpersonali (tanto per usare un solo aggettivo a riguardo). Magnifico. Il film è stato inserito nella lista dei 100 film italiani da salvare e ci credo.

Regista Ricky  @  08/08/2013 20:38:30
   10 / 10
non posso dare meno di 10 per un motivo molto semplice.
ieri come oggi questo film dimostra che per fare un grande film non servono chissà quanti soldi, effetti speciali e quant'altro.
bastano due Attori ( non ho messo la a maiuscola a caso) una sceneggiatura sempre frizzante e via il capolavoro è fatto.

alcuni registi di oggi dovrembbero guardarsi indietro e imparare cosa vuol dire fare un film.

Anonimo ABC  @  05/11/2012 07:42:54
   1 / 10
UN'IMMANE C4CATA ZEPPA DI STALINOFILI, DEMOCRETINI E MONARCHIAVICI. VISTA LA REGIA FRANCESE MERITEREBBE 10 E LODE COME GARBATA PRESA PER IL CHIULO AGLI ITALIANI, QUASI MEGLIO CHE ASTERIX... MA NUN SE REGGE.

1 risposta al commento
Ultima risposta 27/10/2013 22.32.11
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Elly=)  @  19/10/2012 22:42:28
   10 / 10
Don Camillo: Ha del talento quel bambino. 

Peppone: Eh...

Don Camillo: Davvero... Peccato che abbia un padre così.

Peppone: Eh?

Don Camillo: Ma insomma che Dio glielo conservi.

Peppone: E che conservi anche voi...

Indimenticabile il rapporto di odio-amore tra Don Camillo e Peppone, un rapporto che ha fatto storia e DON CAMILLO ha il diritto, se non l'obbligo, di essere messo tra i maggiori capolavori della comicità italiana.
Il film, tratto dal romanzo di Guareschi, non è diretto da un italiano (Duvivier) e nemmeno l'attore protagonista (Don Camillo) lo è, sono entrambi francesi, ma il film ha un chiaro sapore italico, grazie al magnifico affresco di un'epoca, di una piccola realtà del dopoguerra, un paesino sperduto nella quotidianità dei piccoli gesti (che non è "il piccolo villaggio di Pescatori" cit. The Gaunt) e che trova la sua carica nei litigi memorabili tra il prete, un Fernandel superbo, e il lavoratore politicamente coinvolto nell'altra fazione, un grandissimo Gino Cervi. Entrambi i personaggi son ben caratterizzati e la sceneggiatura è brillante composta da dei dialoghi geniali come quelli fra Don Camillo e Gesù, la cui voce e di Ruggero Ruggeri e indubbiamente quelli dei litigi e delle riconciliazioni dei due che alla fine dopo essersi insultati come da dovere in realtà sotto sotto scopriranno di volersi bene.

Cose che succedono in quel paese, dove il sole picchia come un martello sulla testa della gente, dove spesso si ragiona con i pugni, ma dove almeno si rispettano i morti.

Testu  @  23/07/2012 02:05:48
   8 / 10
Due ottimi interpreti per due grandi personaggi. L'inizio di una pentalogia che nelle serate estive rivedevo sempre fedelmente, al pari delle commedie di Bud e Terence, rimanendo però affascinato da quel bianco e nero con voce narrativa che tratteggiavano con cura documentaristica quel paesello di gente rozza e di cuore.


Impossibile fare un rifacimento all'altezza.

Crazymo  @  23/07/2012 01:02:51
   8½ / 10
Cultone immortale che va aldilà degli anni, bellissimo!

TheGame  @  01/04/2012 20:27:50
   8 / 10
Indiscutibile evergreen del Cinema italiano, spaccato di un'epoca del Bel Paese in quel della Bassa Padana e, in più, la comicità è di quelle genuine che fanno ridere di gusto. L'Italia disincantata del dopo guerra racchiude sogni e speranze su celluloide.

ValeGo  @  21/02/2012 17:38:26
   8½ / 10
Quanta nostalgia quando rivedo questo film...quanti ricordi, storico.

Leonardo76  @  02/08/2011 22:15:36
   8 / 10
Bella fiaba che fa sempre piacere rivedere. Tanto buonismo (troppo?) considerando che si era nel bel mezzo della guerra fredda ma si fa perdonare anche grazie agli attori straordinari.

Invia una mail all'autore del commento marco986  @  09/06/2011 15:40:42
   8 / 10
il primo dei cinque film della saga di Don Camillo e Peppone.Grandi Fernandel e Cervi



vodici  @  06/06/2011 08:52:35
   6½ / 10
Un film che ben descrive la realtà italiana degli anni 50 e in particolar modo mette in risalto usi e costumi nazionali. Eccellente il cast! Nessun altro attore potrebbe essere Don Camillo al posto di Fernandel. L’attore francese, dal viso da cavallo estremamente espressivo, è assolutamente perfetto nella parte del prete dal pugno facile. Come spalla dell’irascibile prete, troviamo un grandissimo Gino Cervi nel ruolo del Sindaco Peppone, in assoluto la sua migliore interpretazione dopo quella del Commissario Maigret. I due si daranno battaglia in ogni campo, nn risparmiandosi anche alcuni colpi bassi, ma alla fine trionferà la loro grande amicizia. Film abbastanza buono, anche se decisamente troppo datato: la sua lentezza fa venire una voglia matta di premere il pulsante “stop”. Ma se si resiste alla tentazione di spengere (cosa che con il passare dei minuti si fa sempre più minacciosa) e si finisce di vedere il film, ci si può ritenere soddisfatti.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  22/11/2010 15:47:53
   8 / 10
Snobbato da tanta critica ma adorato dal pubblico, Don Camillo è un film che dopo più di mezzo secolo ancora diverte e intrattiene.
Bellissimo ritratto di un'Italia che non c'è più. Fantastica la coppia Cervi-Fernandel.

Invia una mail all'autore del commento polamidone  @  22/11/2010 08:29:53
   9 / 10
bello dall'inizio alla fine. ogni volta che lo passano in televisione non posso fare a meno di vederlo (sono più di 20 anni che lo guardo almeno 3 volte l'anno e ancora non me lo sono stancato)

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

dobel  @  29/08/2009 14:23:40
   10 / 10
Vero quanto la verità!! Se si vuole capire la gente del Po non si deve vedere 'Novecento' di Bertolucci ma ogni capitolo di questa saga sempre meravigliosa.
Un capolavoro senza tempo: un classico dello spirito.
Le 'favole vere' di Guareschi sono vita vissuta e nel 'piccolo mondo' della bassa assistiamo all'intero scorrere dell'esistenza. Ma sapete che Guareschi (affiancato da uno staff di teologi) venne interpellato nientemeno che da Giovanni XXIII perché stendesse il nuovo catechismo della Chiesa Cattolica una volta finito il Concilio Vaticano II? Guareschi declinò umilmente l'offerta che venne espletata quarant'anni dopo da Joseph Ratzinger su ordine di Giovanni Paolo II. Come sarebbe stato il catechismo di Guareschi? Certo di grande semplicità... e sappiamo quanto essere la semplicità una virtù evangelica!

2 risposte al commento
Ultima risposta 30/08/2009 15.25.13
Visualizza / Rispondi al commento
Drugo.91  @  13/12/2008 14:07:44
   9 / 10
troppo divertente!!

smellow  @  22/11/2008 19:30:07
   10 / 10
Uno dei più grandi attori italiani mai esistiti (Gino Cervi). Il bravissimo Fernandel. Un film con più di 50 anni che fa ridere ancora tantissimo, con idee geniali e riflessioni che ancora toccano e sono attuali. Capolavoro!

1 risposta al commento
Ultima risposta 22/11/2008 19.31.46
Visualizza / Rispondi al commento
greenday2  @  29/10/2008 02:25:23
   10 / 10
Semplicemente favoloso.

Guareschi descrive con semplicità e realismo la realtà paesana del dopoguerra.

Alcune scene chiave fanno capire come di fatto, sebbene la rivalità sulla carta fra comunisti e reazionari, all'interno di un paese si e' tutti uniti contro i VERI problemi della vita.

Fernandel e Cervi sembrano creati proprio per i loro ruoli

topsecret  @  02/10/2008 19:27:55
   10 / 10
Ragazzi,che film. Ogni volta che lo vedo e' una gioia per gli occhi e per il cuore. Oramai Peppone e don Camillo fanno parte di noi. Guardatelo e riguardatelo.

diamanta  @  29/03/2008 23:34:53
   8 / 10
Bè un film che ti fa ridere anche a distanza di 25 anni é solamente un GRANDE FILM!!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 29/03/2008 23.36.30
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI julian  @  18/03/2008 13:33:25
   8 / 10
Fernandel e Gino Cervi: gli unici e soli Don Camillo e Peppone.
Le loro avventure sono storia nel cinema italiano e si ride, si ride, si ride.
E come dimenticare ai tempi degli album Panini lo scudetto della squadra del Brescello con i loro ritratti ?
Una leggenda eterna.

NandoMericoni  @  15/02/2008 18:05:43
   9½ / 10
questi film sono speciali, ritratto di quegli anni dell'Italia di provincia.
L'accoppiata fernandel/gino cervi è una delle più azzeccate della storia del cinema.

Bbip  @  15/11/2007 14:57:13
   10 / 10
Io adoooooooooro questo film!!! Credo che sia il film che ho visto più volte in assoluto...
Splendida e intelligentissima rivalità tra il mitico Don Camillo e il burbero Peppone che, pur scontrandosi per ideali e convinzioni totalmente differenti, sono in assoluto il miglior esempio di generosità, altruismo e buon senso.
Film colmo di insegnamenti che consiglio DECISAMENTE a tutti di vedere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  12/11/2007 10:36:40
   8½ / 10
ormai è diventato un classico...la lotta tra l'idea fascista è quella comunista non è mai stata cosi divertente...
io ovviamente "tifo" per Don Camillo...

lampard8  @  23/10/2007 13:17:15
   9 / 10
Un evergreen
Un film da tramandare ai posteri
Un film da proiettare nelle scuole
Un film di un Italia che non c'è più

Grazie Gino Cervi e Fernandel quanti pomeriggi ci avete fatto divertire! Grazie

satko  @  06/01/2007 09:39:02
   10 / 10
Un capolavoro senza tempo,una pietra miliare del cinema Fernandel e Gino Cervi immensi.

frangipani79  @  03/01/2007 12:31:58
   10 / 10
Un capolavoro. Basterebbero queste due parole per commentare il primo, favoloso don Camillo.
Girato con due soldi nel 1951, ripercorrendo i vicini anni del primo dopoguerra post-referendario, questi film sono ancora attualissimi nel ritrarre un'Italia divisa fra due fazioni. Orazi e Curiazi, Guelfi e Ghibellini, Rossi e Scudocrociati.

L'organizzazione dei comunisti in Italia, proverbiale, con l'aiuto finanziario di Mosca, che cozza terribilmente con la semplicità dei cattolici, in schiacciante minoranza in consiglio comunale, ma portatrice di valori che anche i più rossi rispettano. Serviva allora un prete combattente come don Camillo per far valere la ragione almeno sulle questioni più calde. Per tirare le orecchie a padroni e lavoratori, indipendentemente dal colore politico, perché di questo l'Italia ha tuttora bisogno. Bastone e carota e un maggiore senso nazionale.

Cangrande  @  12/10/2006 10:17:45
   10 / 10
Un film bellissimo, divertente e commovente.......

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR frine  @  12/10/2006 01:12:09
   9 / 10
Non mi stancherei mai di rivederlo. Un'Italia che vuole rinascere, e che ha tutti i numeri per farlo: energia, convinzione, onestà, voglia di vivere.
Due punti di vista molto diversi, ma sostanzialmente conciliabili, grazie anche alla ragionevolezza e al buon senso dei due magnifici protagonisti.
Stupendo il personaggio della maestra monarchica Cristina, superata dalla storia eppure rispettata e amata da tutti.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  24/07/2006 18:52:57
   9½ / 10
lo ridedrei sempre, ul capolavoro senza tempo

randal mcmurphy  @  19/07/2006 14:45:56
   9½ / 10
se non è un capolavoro questo,bellissimi scontri politici e tanto amore per il paesello di provincia

fagin  @  17/07/2006 22:17:30
   9½ / 10
mitiche le storie di paese di un italia che non c'è più

Gruppo COLLABORATORI Harpo  @  27/06/2006 15:15:43
   8 / 10
Una delle migliori produzioni comiche italiane del dopoguerra. Gag esaltanti un ottimo Fernandel e un grandissimo Gino Cervi (qui in una delle sue migliori interpratazioni di sempre) rendono questo film intramontabile.

Paolo70  @  07/04/2006 21:26:24
   8 / 10
E' quel genere di film che non ti stanchi mai di vedere perchè pieni di sani valori .

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento thohÓ  @  03/02/2006 13:58:04
   9 / 10
Quante, quante volte l'avrò visto? Eppure non mi stanca mai.
Fernandel nei panni del mitico Don Camillo, con il suo viso rustico, le manacce pronte a menare, la sua voce che risuona come le trombe di Gerico.
Gino Cervi eccellente: burbero, avversario credibile ma che deve comunque, alla fine, soccombere.
Guareschi era una genio. E il film si regge su due attori ineguagliabili per interpretare questo tipologia di personaggi, insostituibili.
Faccio fatica a dare di meno.

polbot  @  30/01/2006 13:53:28
   9 / 10
Invia una mail all'autore del commento NNIICCKK  @  26/01/2006 11:58:51
   10 / 10
Un 10 secco per un pezzo di storia del cinema .

Assolutamente irraggiungibile , inremekabile ....più lo si guarda e più lo si apprezza.

Gruppo COLLABORATORI bungle77  @  25/01/2006 16:53:35
   9½ / 10
... nessuno ha ancora commentato Don Camillo... film che non mi stanco mai di rivedere.... uno dei ritratti più veritieri dell'italia del dopo guerra... malgrado la censura un film che riesce ad essere pungente come pochi...

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1011114 commenti su 44513 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net