angoscia regia di George Cukor USA 1944
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

angoscia (1944)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ANGOSCIA

Titolo Originale: GASLIGHT

RegiaGeorge Cukor

InterpretiJoseph Cotten, Charles Boyer, Ingrid Bergman, Angela Lansbury, May Whitty

Durata: h 1.54
NazionalitàUSA 1944
Generethriller
Al cinema nel Settembre 1944

•  Altri film di George Cukor

Trama del film Angoscia

Paula ha sposato Gregory, che molto tempo prima ha strangolato la zia per impadronirsi dei suoi gioielli. La coppia abita nella casa in cui il crimine fu commesso. Anton cerca di rendere folle la giovane moglie per mezzo di una messa in scena destinata a terrorizzarla: rumori notturni, luce delle lampade che si abbassa senza motivo e altre cose simili. Fortunatamente interviene un giovane ispettore che intuisce quanto sta avvenendo, ma...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,18 / 10 (22 voti)8,18Grafico
Migliore attrice protagonista (Ingrid Bergman)Miglior scenografia bianco e nero
VINCITORE DI 2 PREMI OSCAR:
Migliore attrice protagonista (Ingrid Bergman), Miglior scenografia bianco e nero
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Angoscia, 22 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  14/09/2019 15:28:48
   8½ / 10
Thriller psicologico tra i più raffinati che abbia visto, merito della sceneggiatura ed un cast veramente impeccabile. La fragilità del personaggio della Bergman opposta alla volontà manipolatrice del marito, interpretato da un perfetto Boyer, donano quel grado di empatia coinvolgente ed appassionante. Stupenda tutta la ricostruzione e la fotografia in bianco e nero. Un titolo irrinunciabili per gli appassionati di questo genere.

Dom Cobb  @  08/07/2018 17:33:09
   6 / 10
La giovane e ingenua Paula incontra l'affascinante Gregory e se ne innamora così tanto da convolare a nozze con lui; alla fine della luna di miele, con perplessità di lei, il marito suggerisce di trasferirsi entrambi nella casa della defunta zia di Paula, uccisa molti anni prima. Giusto il tempo di arrivare lì, che una misteriosa serie di eventi che si susseguono ogni notte inizia a far dubitare Paula sempre più della propria sanità mentale...
Un altro gioiello cult del genere noir degli anni '40, stavolta è il veterano George Cukor a dire la sua al riguardo, producendo una pellicola che viene anch'essa annoverata da tanti esperti in materia fra i migliori del suo genere. In effetti, sulla carta, questo "Gaslight" (orrendamente distorto il titolo italiano) ha tutte le carte in regola per essere l'ennesimo vincente, fra storie d'amore venate di ambiguità, atmosfere gotiche e tenebrose e anche un po' di sano mistery thriller, giusto per non farci mancare niente.
Fin dall'inizio, il film da l'impressione di mantenere intatte le potenzialità della premessa: la regia di Cukor è ispiratissima ed è coadiuvata magistralmente da una fotografia favolosa ad opera di Joseph Ruttenberg, capace di trasformare una villa vittoriana nell'equivalente di una fortezza gotica e rendere le strade di Londra venate di mistero perfino durante una giornata di sole. I forti contrasti luce-ombra e gli altri classici stilemi portati dall'espressionismo tedesco vengono qui portati all'estremo, rendendo il film una gioia per gli occhi; è uno di quei casi dove il bianco e nero costituisce un elemento fondamentale per la riuscita dello stile visivo, impossibile da replicare a colori. Le musiche di Bronislaw Kaper aiutano inoltre anch'esse a creare l'atmosfera giusta.
Di per sé, anche la storia è congegnata in maniera brillante (o quasi), con l'iniziale idillio dei due sposini che viene progressivamente sostituito dalla crescente tensione per l'apparente insanità mentale della moglie. Sotto questo aspetto, gli attori fanno la parte del leone, con Charles Boyer che svetta su tutti gli altri, carismatico e mefistofelico, supportato dalla sorprendente prova dell'esordiente Angela Lansbury, futura signora in giallo. Cotten invece resta un po' in disparte, merito anche del risicato screentime che gli viene riservato.
Arrivati a questo punto, dopo quella che è stata essenzialmente una serie di elogi sfrenati, vi starete forse chiedendo perché, alla luce di questi pregi, io mi sia deciso per un voto così basso; ebbene, il motivo è da ricercare nell'unico, enorme, gargantuesco difetto che ho trovato nel film. Potete indovinare quale, visto che è l'unico che ancora non ho menzionato: Paula, ossia Ingrid Bergman. Badate, non metto in discussione l'abilità dell'attrice, che oltre ad essere un'icona di bellezza femminile per una buona ragione, dimostra qui capacità non indifferenti considerato il ruolo che è chiamata ad interpretare. Il punto è che il suo ruolo è, per farla breve, un insulto all'intelligenza umana.
Come era stato il caso per "Rebecca", anche qui la protagonista si rivela il solo anello debole della catena, ed è talmente debole da far quasi crollare tutta la baracca, per motivi simili eppure diversi: la protagonista del film di Hitchcock si limitava ad essere passiva e paurosa all'inverosimile, mentre qui si va nella direzione opposta. Paula è l'apice dell'ingenuità, delle urla e degli strepiti, delle scenate melodrammatiche e dei piagnistei; più il tempo passa, più ogni singolo evento le causa un attacco isterico che sembra non voler finire più, annullando qualsiasi empatia lo spettatore potrebbe avere per la sua situazione. Il dramma vero, però, è che il suo personaggio, oltre ad essere tutto ciò che ho appena descritto, per tutta la durata del film non mostra la benché minima intelligenza, forza interiore o minima capacità di ragionare.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Qui inoltre viene messa in mostra l'unica pecca nella regia di Cukor e, più in generale, nell'impostazione della trama: infatti, una storia come questa aveva il potenziale per esser trasposta in un sublime thriller psicologico, in cui lo spettatore viene calato letteralmente nei panni della protagonista che crede di uscire di senno in seguito agli strani fenomeni che si susseguono nella casa. Invece, fin dall'inizio ci viene mostrato che è tutto una messinscena, che il marito è il vero "cattivo" della vicenda, che di psicologico nella vicenda ci sono solo le sue manipolazioni nei confronti di Paula. Questo ci permette di stare sempre e comunque due passi avanti rispetto a lei, impedendoci di provare la benché minima simpatia per i suoi attacchi isterici e di panico. Certo, la Bergman fa del suo meglio, e in effetti ammetto di non aver mai visto urla e strepiti così teatrali prima d'ora, ma il suo ruolo non merita tanto sforzo.
E' solo un difetto lo so, ma trattandosi della protagonista principale della storia, quella con il maggiore spazio sullo schermo e con cui dovremmo identificarci, si rivela una mancanza così grave da rendere la visione spesso una tortura. Per fortuna, l'idea di fondo è abbastanza solida, gli attori talentuosi e il lato tecnico sufficientemente curato da meritarsi almeno la sufficienza; e a conti fatti il finale, dove tutta la trama si svela e i nodi vengono al pettine, riesce ad essere abbastanza soddisfacente.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

A conti fatti, "Gaslisght" è un prodotto profondamente contraddittorio: infatti contiene tutti gli elementi ideali per un capolavoro, ma essi vengono in parte annullati da un singolo, grave difetto, che per quanto mi riguarda mi spinge a non volermelo riguardare di nuovo tanto presto. Un'avversione come quella che ho provato nei confronti di Paula è davvero rara da provare per un personaggio, tanto meno per un protagonista.

Kit Carson  @  08/11/2017 23:49:07
   8 / 10
Splendidamente girato in un bianco nero e bianco tenebroso e atmosferico, Angoscia espone tutti i classici elementi visivi del film noir del '40. La sempre perfetta Bergman vinse l'Oscar per questa interpretazione ma Boyer forse ci regala una interpretazione ancora più efficace

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER. Notevole la direzione intelligente di George Cukor. Il film appare forse un po' datato ma il fascino rimane intatto.

Dottor Fener  @  16/06/2017 23:09:13
   8½ / 10
ANGOSCIA sotto molti aspetti è un film veramente notevole, rare sono le occasioni di poter assistere a una favola nera e sinistra di tale ammaliante bellezza tanto da ricordare alla lontana gli scenari altrettanto lugubri e cupi di "Rebecca, la prima moglie" di Hitchcock.
Cukor ancora una volta si dimostra una validissimo direttore d'attori e sotto la sua sapiente guida il cinico e delirante Charles Boyer e la disturbante ed angosciante Ingrid Bergman raggiungono vette altissime.
La linearità e compostezza surreale dell'opera la rendono a tutti gli effetti uno dei più riusciti esempi di "teatro" nel cinema.

Invia una mail all'autore del commento bart1982  @  07/05/2017 22:42:04
   7½ / 10
Scenografia eccezionale, se si pensa che tutti gli esterni sono stati riprodotti all'interno del set.
Ingrid bravissima anche se forse un po' troppo teatrale , non ci sono colpi di scena e la storia è indirizzata da metà film peró lo si può definire capolavoro per l'epoca in cui fu fatto.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  12/09/2016 09:52:21
   8 / 10
Bel proto-thriller degli albori, che basa gran parte del suo fascino sulle scenografie barocche ma claustrofobiche e sulle straordinarie interpretazioni di tutti i suoi attori (Bergman su tutti). In vecchiato purtroppo non benissimo, rispetto ad altri thriller o noir psicologici dell'epoca (come Lo specchio scuro, Vertigine o Io ti salverò). Terribile il titolo italiano.

Invia una mail all'autore del commento Jason XI  @  28/04/2013 00:10:12
   10 / 10
Film di una tensione unica merito di uno straordinario Boyer..... notevole anche Ingrid anche se la sua passività alla lunga disturba addirittura...... E' un film tremendo, micidiale.... e tecnicamente sublime... lo ritengo il capolavoro di Cukor....

Lory_noir  @  02/04/2013 14:27:31
   7½ / 10
Vale la visione anche solo per l'interpretazione straordinaria di Ingrid Bergman. Per il resto il film è bello, a parte un piccolo calo nella parte centrale che diventa un po' piatta.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  10/01/2013 17:11:59
   9 / 10
Thriller micidiale diretto magistralmente da Cukor, ed é anche uno dei più bei film degli anni '40 con un Ingrid Bergman meravigliosa e bravissima. Una storia tesa che tanto è piaciuta a svariati registi ( come Hitchcock ad esempio ) che ne hanno preso spunto nel corso del tempo. Un bianco e nero glaciale e spaventoso, un Boyer ( che somiglia molto al Jude Law di oggi ) spietato e una sceneggiatura intrecciata in modo perfetto. C'è anche una giovane Angela Lansbury ( mi pare sia il suo primo ruolo importante ) nella parte della domestica. Assolutamente da non perdere.

Goldust  @  24/10/2012 12:14:51
   6½ / 10
Esco dal coro che definisce questo film superbo e affermo che secondo me si tratta "solo" di un discreto dramma, invecchiato non benissimo, ingentilito dalla padronanza tecnica di Cukor e dalla presenza di tre attori in ottima forma.
C'è qualche debolezza all'origine dello script, ed infatti l'intento del marito è chiaro da subito, i personaggi sono pochi e sempre intorno a quelli gira la storia, l'atmosfera malsana che il regista vuole rappresentare è si buona ma mai travolgente; per tutti questi motivi la definizione di thriller và un pò stretta.

censurableah  @  31/05/2011 18:20:42
   8½ / 10
Uno dei miei film preferiti da bambino, eccelsa la Bergman, di gran classe Boyer.....

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

dave89  @  26/05/2011 23:02:04
   8½ / 10
bellisimo film. atmosfera tetra e angosciosa con interpretazioni magistrali e memorabili, da vedere,

Suskis  @  11/05/2010 09:52:13
   8 / 10
Un film di grandissima atmosfera (dove un po'tutto si intuisce fin dall'inizio e nonostante questo non si perde una goccia della suspance) con ottimi attori (il primo film della Lansbury, già allora a 19 anni con la stessa faccia che avrà tutta la vita!) magari con qualche ingenuità e qualche cartonato di troppo, ma comunque notevolissimo.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  15/11/2009 20:14:35
   8½ / 10
Assolutamente splendido, un drammatico thriller in costume teso ed incalzante, interpretato da una Bergman bellissima e in letterale stato di grazia, capace di trasformare semplici momenti di suspense in autentico panico domestico. Formidabile anche il viscido Boyer e la vezzosa camerierina interpretata dalle giovane Angela Lansbury. La regia di Cukor sa infondere la giusta dose di eleganza e di atmosfera, tale da rendere il racconto il più suggestivo e sinistro possibile. Grande classico!

LoSpaccone  @  07/03/2009 19:42:19
   8 / 10
Bellissimo, invecchiato benissimo, con una Ingrid Bergman straordinaria.

Gruppo COLLABORATORI Marco Iafrate  @  20/04/2008 22:19:43
   8 / 10
Sono d'accordo con la pochezza delle scelte della distribuzione Italiana nel tradurre i titoli dei film dall'inglese, la maggior parte delle volte in maniera a dir poco imbarazzante, penso che con l'elenco dei film "rovinati" dalla traduzione inglese-italiano si potrebbe scrivere un libro, ma devo ammettere che in questo caso il titolo "Angoscia" non mi ha infastidito più di tanto, se analizziamo il termine introdotto dal buon Kierkegaard dagli oscuri meandri della filosofia esistenzialistica scopriamo che essere angosciati significa trovarsi in uno stato di inquietudine metafisica che si avverte attraverso tormentosi stati di oppressione, sensazione di penosa ansietà, sofferenza fisica e morale, paura ed incubi, non credo che Paula si sia trovata molto distante da uno stato d'animo come questo.
Violenza psicologica allo stato puro magistralmente orchestrata da Gregory (Charles Boyer) e drammaticamente subita da Paula (Ingrid Bergman) in un thriller visionario diretto in modo impeccabile da George Cukor, nessuno come lui ha saputo sfruttare meglio le capacità delle protagoniste femminili dei set cinematografici, una parte del meritatissimo oscar vinto da Ingrid Bergman come migliore attrice và anche a lui.
La Bergman supera egregiamente la prova di una interpretazione tanto difficile quanto impegnativa, riuscire a trasmettere lo sgomento, il terrore, il disorientamento, la pazzia, l'angoscia, non era facile ma basta guardare il film per rendersi conto di trovarsi di fronte ad una grande attrice.
Innamoratasi del giovane Gregory in breve tempo convola a nozze venendo, giorno dopo giorno, completamente e morbosamente soggiocata dalla personalità dell'uomo che, in un crescendo angosciante, esercita su di lei una pressione psicologica tale da condurla alle soglie della follia. Anche a rischio di ripetermi segnalo questo film soprattutto a chi non ha mai visto "recitare" ( termine più che appropriato) questa straordinaria attrice; penetrare nel suo sguardo ogni volta che una situazione diversa le fa cambiare espressione equivale a condividere con lei i diversi stati d'animo che si provano quando la psiche umana si trova a combattere tra la razionalità e la pazzia. Bellissimo il finale, sceneggiatura e fotografia impeccabili.

Crimson  @  07/12/2007 16:18:42
   8 / 10
Giallo/thriller notevole, basato su sottili e sinistri giochi psicologici che destabilizzano la protagonista sul piano razionale, lo spettatore su quello emotivo. Splendidamente interpretato da tutti, specie la coppia Boyer-Bergman, e sceneggiato benissimo.
Tensione al culmine nella parte finale.
Splendidi gli esterni in una Londra avvolta dalla nebbia.
C'è anche una giovanissima Angela Lansbury.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  24/08/2007 19:09:57
   8½ / 10
Un grandissimo noir (non so fino a che punto sia lecito inserirlo nel genere) di Cukor, con un'intreccio che in qualche modo sembra aver contaminato sia Hitchcock ("Il peccato di Lady Considine" sempre con la Bergman e Cotten) e "Dietro la porta chiusa" di Lang.
Nonostante il risibile titolo della distribuzione italiana, resta un film superbo, ricco di suspence, con un Boyer letteralmente superbo e detestabile nella sua ambigua crudeltà.
Del resto sono convinto che Hitchcock abbia scelto Ingrid Bergman per ben tre volte solo dopo aver visto questo film. Da non perdere

Dick  @  20/02/2007 16:38:33
   8½ / 10
Coinvolgente melodramma con un Boyer proprio malefico ed una fragile Bergman nel ruolo di vittima oppressa che per˛ alla fine avrÓ la sua rivalsa.

Mavors84  @  04/02/2007 11:10:39
   9 / 10
faccio notare come l'altro ragazzo che il titolo è davvero fuori luogo... per il resto il film è ben riuscito e strappa qua e la qualche risata (un bel melodramma vecchio stile)

1 risposta al commento
Ultima risposta 28/04/2013 00.11.47
Visualizza / Rispondi al commento
fred legh davis  @  27/06/2006 16:06:23
   9 / 10
non capisco xke in italiano il film si debba chiamre angoscia..quando in inglese si chiama gaslight....il titolo angoscia non ti invita vederlo.
ora andando oltre il titolo brutto..si nasconde un film bellissimo..tra triller e giallo....george cukor non delude questa volta.
ingrid bergman splendida nella parte...spettacolare...vinse l'oscar
charles boyer...molto tetro e sinistro..grande anke lui
e poi e il prima fil della grandissima angela lansbury.
da vedere

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  05/10/2005 20:35:11
   8 / 10
Angoscioso melodramma thriller di George Cukor, che abbandona le vesti abituali di autore di commedie sofisticate, perdirigere un film davvero molto riuscito che fonde sapientemente melodramma thriller e Horror.

Il successo del film Ŕ anche dovuto all'interpretazione fantastica di una bravissima Ingrid Bergman (che ha vinto l'Oscar).
E Hitchcock dovrÓ qualcosa a Cukor quando due anni dopo, dirigerÓ la stessa Bergman in "Notorius - l'amante perduta".

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1010802 commenti su 44483 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net