ultracorpi - l'invasione continua regia di Abel Ferrara USA 1993
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

ultracorpi - l'invasione continua (1993)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film ULTRACORPI - L'INVASIONE CONTINUA

Titolo Originale: BODY SNATCHERS

RegiaAbel Ferrara

InterpretiGabrielle Anwar, Meg Tilly, Christine Elise, Forrest Whitaker, R. Lee Ermey, Terry Kinney

Durata: h 1.27
NazionalitàUSA 1993
Generefantascienza
Al cinema nell'Aprile 1993

•  Altri film di Abel Ferrara

Trama del film Ultracorpi - l'invasione continua

Il padre di Marty Malone fa il biologo per l'esercito americano. Marty ha diciassette anni, una matrigna che non sopporta e una voglia matta di scappare via da Fort Daly. Anche perché lì succedono cose strane: c'è un maggiore medico sull'orlo della nevrosi, un incidente con sostanze chimiche e in più, non visti, degli strani bozzoli che si formano sotto i letti o sui tetti delle case.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,00 / 10 (12 voti)6,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Ultracorpi - l'invasione continua, 12 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

zerimor  @  29/07/2021 16:18:07
   3½ / 10
Il peggior remake del classico di Don Siegel.
Ogni singolo aspetto è da mani nei capelli, ad eccezione delle musiche che offrono comunque qualche discreta "melodia".
Sceneggiatura reinterpretata nel peggior modo possibile.
Personaggi caratterizzati malissimo e interpretazioni prive di personalità.
Brutta e anonima la location della base militare adiacente alla piccola cittadina.
Zero tensione.
Effetti speciali orridi (la scena sull'elicottero nel finale, il "clou").
Permangono poi le urla degli ultracorpi che come in "Terrore dallo spazio profondo" cercano di trasmettere angoscia ma che invece producono l'effetto opposto.
Per non parlare dell'epilogo, con il monologo "alieno" proferito con voce diabolica che rende tutto ancora più comico.

Filman  @  15/04/2020 16:37:02
   5 / 10
L'idea malsana che i classici del genere fanta-horror necessitino di una rivisitazione moderna non è un'idea solo dell'ultimo decennio. Ed esattamente come mettere mano oggi ai film degli anni 80 vuol dire conferire ad un soggetto di trent'anni fa i tempi e i gusti del cinema di oggi, rifare negli anni 90 un film degli anni 50 voleva dire sostanzialmente deturparlo.
Si vede che BODY SNATCHERS soffre di breve durata e di una cattiva distribuzione degli eventi, perché in un cinema fatto di eroismi militari e famiglie da salvare una storia così non può che faticare a trovare il proprio ossigeno. Di conseguenza abbiamo una serie di personaggi che funzionano malissimo e poca tensione per tutto il film.
Abel Ferrara non può evitare il flop con una sceneggiatura così tra le mani, scritta male non solo artisticamente ma anche in ottica finanziaria tanto da prevedere un'esplosione finale più costosa di tutti gli altri effetti speciali messi assieme.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  21/08/2018 12:59:22
   6½ / 10
Un fanta-horror sicuramente decoroso; mancano troppi passaggi relativi alle origini di questo male, alla caratterizzazione dei singoli personaggi (piccola parentesi, la protagonista è odiosa ed incoerentissima), alle relazioni tra questi ultimi, ed in generale su come si è propagato il contagio (a meno che non ci si accontenti del basilare "ti prendono quando dormi") ma d'altronde il film di Siegel era, forse, ancora più sbrigativo in tutti questi campi. Un degenerare davvero troppo rapido che personalmente non ho mai apprezzato in nessuna delle due opere e che credo ne sminuisca di molto il mistero, anche dopo un finale aperto (per l'appunto, inefficace).
Tutto ciò comunque inficia solo fino ad un certo punto la godibilità generale dell'opera in quanto il ritmo non incontra mai momenti di stanca grazie alla regia di Ferrara che tra suggestivi movimenti di macchina e l'impostazione di svariate singole scene o inquadrature riesce ad infondere al tutto una dose di tensione non indifferente (complice, spesso, l'accompagnamento musicale del fidato Joe Delia); la punta di diamante del film la si trova comunque nei pregiatissimi effetti speciali, realizzati talmente bene da poterli quasi accostare a quelli di Rob Bottin per "La Cosa" di Carpenter (capolavoro che questo "Ultracorpi, per certi aspetti, ricorda molto da vicino). Davvero notevoli.
Bella anche l'idea da parte degli stessi "ultracorpi" di testare l'empatia degli umani per stanarli, roba da Dick e Nexus 6.
 
Nel complesso godibile, ma è un peccato perché, con un po' di approfondimento, avrebbe potuto essere un film decisamente più memorabile, volendo anche come semplice "zombie movie". Così com'è rimane nient'altro che un filmetto carino buono per passare 90 minuti.
Su una cosa siamo tutti d'accordo: il Ferrara che piace a noi è quello dei bassifondi di NY dove prostituzione, droga e violenze di ogni tipo regnano incontrastate.

dagon  @  03/11/2017 19:41:23
   6 / 10
Ennesimo remake/update del meraviglioso romanzo di Jack Finney "Gli invasati", perde molto nel passaggio da critica del Maccartismo e dell'omologazione sociale ad una più generica velleità antimilitarista. Non è malissimo, se non lo si confronta con i film di Siegel e Kaufman, ma è un Ferrara un po' al minimo sindacale.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  11/09/2015 11:25:24
   6 / 10
Terzo adattamento del celebre romanzo "The body snatchers" di Jack Finney (ne seguirà poi anche un quarto molto mediocre con la coppia Kidman/Craig).
Al timone Abel Ferrara in probabile crisi economica, visto che dirige col pilota automatico banalizzando parecchio i concetti che stanno alla base dell'inquietante invasione aliena, notoriamente perpetrata attraverso infidi baccelli che sostituiscono gli esseri viventi annullandone emozioni e il libero arbitrio.
Un' omologazione dai significati profondi, inerenti nel primo film alla "minaccia" comunista e nel secondo alla predisposizione verso il conformismo e all'organizzazione di una società facilmente manovrabile in quanto priva di qualsiasi slancio.
Sono comunque innumerevoli le tematiche attribuibili al subdolo attacco, che in questo caso si smarriscono tra le maglie di una storia privata dell'effetto sorpresa e appiattita a causa di personaggi stereotipati. La superficialità di fondo è abbastanza sorprendente per un regista del calibro di Ferrara.
La mano dell'autore di spessore però si vede tutta nella creazione di alcune sequenze piuttosto inquietanti e nella capacità di generare una buona tensione. Addirittura c'è una scena cult difficilmente dimenticabile (quella dell'elicottero), ed è pregevole la confezione delle scene notturne adattissime nell'alimentare l'ansia da complotto. Ferrara si salva grazie al suo talento, nonostante uno script mediocre con sottotesto antimilitarista e quello pro-ambiente fuori fuoco.
Le urla d'allarme dei "sostituiti" –come già in "Terrore dallo spazio profondo"- restano da pelle d'oca.

antoeboli  @  27/06/2013 00:57:21
   6½ / 10
Visto stasera , dato che lo proponevano in tv . non mi sono mai avvicinato a questa serie di film e come primo approccio ho trovato un film discreto , girato bene , con ottimi ancora oggi effetti speciali e trucco splendidamente caratterizzato .
Abel Ferrara si dimostra uno di quei registi poco rivalutati al giorno d 'oggi, che sa far recitare anche attori sconosciuti come in questa pellicola , anche grazie alla sceneggiatura del mitico Gordon che per quanto è banalotta , perchè comunque gli ultracorpi ricordano un po le creature del film la cosa, riesce e sa intrattenere per quell oretta e mezza.
Secondo me il film paga la prima parte parecchio lenta , e per quanto riesce a rifarsi nella seconda parte attraverso alcune scene geniali risulta un prodotto più che accettabile.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  13/06/2011 00:29:19
   4 / 10
Pessimo sotto tutti i punti di vista. Ancora una volta una terrificante discesa nel mediocre per Ferrara dopo un film meravigliosamente doloroso come Il Cattivo tenente.
Commerciale fino a un certo punto,questo ennesimo remake sugli ultracorpi alieni ha effetti speciali ottimi ma una storia e uno svolgimento non del miglior Ferrara e da b-movie fatto male.
Nessuna emozione e piattissimo fino al finale dove si sente la critica all'umanità che però scivola via tra mille banalità ed è stata già sentita mille volte in tutte le salse. Insomma non credo si possa salvare nulla se non gli effetti speciali e un Ferrara che sa fare di certo le inquadrature ma che quando non ci si mette d'impegno e sembra dirigere tanto per sfamarsi (una volta ogni tanto) è capace anche di risultati brutti come questo se non peggio.
Come parziale giustificazione va ricordato che nello stesso anno girò anche Snake Eyes,non a questi livelli di bruttezza.
Stupisce ancora di più sapere che in sceneggiatura c'è il fido St.John,stavolta non capace di regalare una delle sue storie di redenzione e peccato tanto coinvolgenti anche quando piene di pecche (merito del regista).

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  07/05/2010 13:57:38
   7 / 10
E' un remake del film di Don Siegel ed è praticamente uguale ma qui cambiano i personaggi e il finale. Il Film di Ferrara è convincente soprattutto per qualche trovata terrorizzante ( gli "Urli" tremendi ) e per la cupa e glaciale ambientazione notturna. Pensavo di non appassionarmi e invece mi son dovuto ricredere. Interessante.

Gruppo COLLABORATORI ULTRAVIOLENCE78  @  21/07/2009 17:32:20
   7½ / 10
Abel Ferrara rivisita, in forma di B-movie, l'opera di Don Siegel, e sembrerebbe farlo riprendendo il discorso lì dove quest'ultimo s'era fermato nel messaggio che (volontariamente o involontariamente?) aveva sotterraneamente lanciato con la sua pellicola: la concezione di un'umanità consacrata alla sofferenza, perché dominata da sentimenti perniciosi e conflittuali. In questo senso, una dichiarazione d'intenti da parte di Ferrara potrebbe risiedere nel momento dell'assalto all'ufficio del dottor Collins, allorchè gli alieni, nell'appressarsi minacciosamente a quest'ultimo, gli spiegano che "la razza umana lasciata a se stessa è condannata" e che, se vuole salvarsi, deve annullarsi nell'"assorbimento" in una specie superiore dove l'individualismo, sempre dannoso nella sua tendenza prevaricatrice, è soppiantato da un "collettivismo" puro, mondato da ogni forma di egoismo.
La soluzione sarebbe, dunque, in una condizione evoluta (aliena), nella quale l'armonia e l'equilibrio sono garantiti dall'atarassia, o ancora di più dallo spossessamento delle proprie pulsioni, le quali lasciano il posto all'agire esclusivo di una ragione fredda e calcolatrice? Forse, ma è una prospettiva utopistica: la natura ingovernabile e soverchiatrice non si lascia sconfiggere e prende, come sempre, il sopravvento. Il finale, nel frenetico susseguirsi di conflagrazioni, sarebbe allora il segno di una tensione vindice quale espressione di quelle spontanee e inestirpabili inclinazioni naturali che, proprio nella loro valenza distruttiva, si fanno garanti della prosecuzione della specie umana e –conseguentemente- del suo martirio.
Oppure, più semplicemente, siamo di fronte all'ennesima allegoria sul fenomeno dell'omologazione di massa nella società contemporanea: tematica già ampiamente ed efficacemente sviscerata da precedenti capolavori, come il referente originale del film di Ferrara, nel suo più esplicito significato, o il "carpenteriano" "Essi vivono".
Tensione e "suspence" non latitano in quest'opera giocata, in massima parte, su un montaggio serrato e su inquadrature che, "facendosi strada" da angoli, fessure e spazi interstiziali, mirano a generare una costante sensazione di pericolo, che incombe fuori-campo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento agentediviaggi  @  09/04/2008 15:02:17
   7 / 10
Il tema ultracorpi (l'idea venne a Jack Finney negli anni 50) è per me tra i preferiti in assoluto; l'idea di una invasione subdola, silenziosa, e quindi per questo ancora più angosciante di una stile Guerra dei mondi si presta a molte analisi sociali e a parecchie metafore (i comunisti, i convenzionali). Io dico spesso che l'Italia di oggi è il paese degli ultracorpi per affermare l'appiattimento emotivo delle persone che ormai vivono più per imitare mode e masse che non per creare una propria identità. Finita questa lunga digressione e passando al film ritengo belli tutti e 3 le pellicole della serie (non parlo del film colla Kidman di cui non si sentiva la mancanza) con una predilezione particolare per il film di Kaufman , ma anche questa pellicola soprattutto nella prima parte è molto ben fatta. L'appiattimento delle persone si presta particolarmente bene in un ambiente militare dove sembrano tutti marionette. La seconda parte mi ha deluso di più, perchè gli alieni acquisiscono caratteristiche umane (diventano furbi) per scoprire coloro che non sono stati ancora duplicati. Il richiamo (l'urlo alieno) è fantastico, ma credo che sia di derivazione kaufmaniana. Notevoli anche gli effetti speciali. Da segnalare una delle prime presenze di Forrest Whitaker.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  07/04/2008 15:00:52
   7½ / 10
A prescindere da disquisizioni varie sul fatto che sia un ennesimo remake, il seguito del remake di Kaufmann, ecc. il film di Ferrara mi è piaciuto. Manca certamente di originalità, ma questo era da mettere nel preventivo. Nonostante ciò, la prima parte è ben fatta nella sue ambientazioni notturne dove il male lentamente ma inesorabilmente si insinua, disgregamdola, la famiglia della protagonista e contemporaneamente microcosmo della base militare. Un film molto pessimista, in cui la fiducia nelle persone che ti circondano viene meno e dove non puoi fare affidamento se non a te stesso. Agghiacciante l'urlo di Meg Tilly nel momento cruciale del film.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  04/04/2008 23:44:41
   5½ / 10
non ho visto l'originale...ma questo fantasy mi ha convinto per buona parte della sua durata...forse il problema è che inizia tardi,ci mette un po prima di decollare!
poi quegli "urli" sono davvero agghiaccianti...
finale aperto a diverse ipotesi...

1 risposta al commento
Ultima risposta 23/04/2009 15.49.45
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or diebanel e adama
 NEW
cuckoocult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torre
 NEW
deadpool & wolverineeileenel paraiso
 NEW
era mio figlio (2024)fantastic machinefederer: gli ultimi dodici giornifly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortaligli indesiderabili (2023)
 NEW
glory hole
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent nature
 NEW
indagine su una storia d'amoreinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
l'invenzione di noi duelonglegsl'ultima vendetta
 NEW
madame lunamade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomatrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablancanon riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurrotwisters
 NEW
un messicano sulla lunaun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052585 commenti su 50961 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

AYKAMA' ROSA

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

ON THE JOB: THE MISSING 8
Locandina del film ON THE JOB: THE MISSING 8 Regia: Erik Matti
Interpreti: John Arcilla, Dennis Trillo, Dante Rivero, Joel Torre, Christopher De Leon, William Martinez, Lotlot De Leon, Ina Feleo, Ricky Davao, Vandolph, Isabelle De Leon, Rayver Cruz, Soliman Cruz, Andrea Brillantes
Genere: poliziesco

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


LA ZONA D'INTERESSE
Locandina del film LA ZONA D'INTERESSE Regia: Jonathan Glazer
Interpreti: Christian Friedel, Sandra Hüller, Medusa Knopf, Daniel Holzberg, Ralph Herforth, Maximilian Beck, Sascha Maaz, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Freya Kreutzkam, Lilli Falk, Nele Ahrensmeier, Stephanie Petrowitz, Marie Rosa Tietjen, Ralf Zillmann, Imogen Kogge, Zuzanna Kobiela, Julia Polaczek, Luis Noah Witte, Christopher Manavi, Kalman Wilson, Martyna Poznanski, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Andrey Isaev
Genere: drammatico

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

MARILYN HA GLI OCCHI NERI
Locandina del film MARILYN HA GLI OCCHI NERI Regia: Simone Godano
Interpreti: Miriam Leone, Stefano Accorsi, Thomas Trabacchi, Mario Pirrello, Orietta Notari, Marco Messeri, Andrea Di Casa, Valentina Oteri, Ariella Reggio, Astrid Meloni, Giulia Patrignani, Vanessa Compagnucci, Lucio Patané, Agnese Brighittini
Genere: commedia

Recensione a cura di Severino Faccin

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net