speciale stanley kubrick - tra guerra, noir e ninfe - la harris-kubrick
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Tra guerra, noir e ninfe

La Harris-Kubrick

Un decisivo punto di svolta nella carriera di Kubrick è da imputarsi ad un nuovo incontro, quello con James B. Harris. Amico di Alexander Singer, conobbe quest'ultimo durante la guerra di Corea. Accomunati dal medesimo interesse per la regia e la fotografia, dal '50 al '52 lavorarono insieme producendo vari filmati per l'addestramento. Scrissero anche una sceneggiatura di un poliziesco destinato ad essere girato durante i week-end. Fu proprio durante una fase di queste riprese che Singer invitò Kubrick sul set, facendogli così conoscere Harris. Stanley era impegnato alla lavorazione de Il bacio dell'assassino e agli occhi di Harris sembrava già un regista famoso e consolidato. Una volta visionati anche i cortometraggi e il primo film, Fear and desire, Harris comprese che doveva in qualche modo seguire quell'uomo. Accantonate per ora le ambizioni registiche, Harris era una persona che, seppur molto giovane, possedeva uno spiccato senso degli affari e aveva modo di ottenere finanziamenti per Kubrick inaccessibili. Era in grado, ad esempio, di fornirgli particolari attrezzature o comprare i diritti di un libro, da convertire in sceneggiatura. I due si piacquero subito; decisero di creare una società che chiamarono la Harris-Kubrick. Il primo, oltre a svolgere le funzioni di produttore, era dotato inoltre di buon occhio per le storie, che Kubrick avrebbe trasformato in film con il suo spiccato talento visionario. Infatti una delle prime cose che Harris fece fu di proporre a Stanley la lettura di un libro che aveva acquistato per caso, folgorato dalla copertina. Kubrick lo lesse e lo trovò perfetto per farne un film. Harris telefonò subito all'agenzia letteraria per accaparrarsi i diritti del romanzo, che sembrava però sul punto di essere opzionato dall'agente di Frank Sinatra. Con una proposta di 10.000 dollari, Harris strappò a The voice i diritti. Quel libro parlava di una rapina all'ippodromo; era stato scritto da Lionel White e s'intitolava Rapina a mano armata.


Torna suSpeciale a cura di cash - aggiornato al 26/10/2004