rita hayworth, biografia, filmografia, galleria fotografica
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

RITA HAYWORTH

RITA HAYWORTH
Vero Nome: Margarita Carmen Cansino
Data di nascita: 17/10/1918
Luogo di nascita: Brooklyn - New York - New York - USA
Data di morte: 14/05/1987
Luogo di morte: New York - New York - USA
Altezza m1,68

E' stata soprannominata 'Ruggine' per il colore fulvo della sua chioma, ed ha fatto sognare una vita avventurosa e passionale ad una moltitudine di uomini.
E' stata soprannominata "L'atomica" per le curve sinuose del suo corpo, ed ha fatto impazzire milioni di uomini che hanno tappezzato le pareti con i ritratti di quella donna da sogno.

Il suo nome non può che evocare il periodo aureo della storia del cinema, quando Hollywood era il regno di star quasi sovrumani e divo era sinonimo di mito.
E come tutti i grandi miti il suo si nutriva di pochi, piccoli gesti: un guanto nero sfilato con estenuante e sensuale lentezza; le mani tra i capelli a scompigliare quella magnifica cascata rosso fuoco.

Spesso nei suoi film, Rita Hayworth diventava corpo, semplice corpo languido e sensuale, esibito nella danza per il puro piacere di catturare lo sguardo e i sensi del suo pubblico.
Che fossero i balli sudamericani dei suoi primi film, o il ballo strip-teas di "GILDA", oppure il ballo gitano di "CARMEN" o, infine, il ballo dei sette veli di "SALOME'"; Rita è la femmina tentatrice per antonomasia del cinema americano degli anni '40.
Femmina focosa e seducente, fatale e sensuale, ma al tempo stesso donna forte e fragile insieme, e provocante anche al di là della sua volontà.

Nata a New York, il 17 ottobre 1918, Margarita Carmen Cansino era figlia primogenita di Volga Haworth, olandese, ballerina di Zigfield e di Eduardo Cansino, maestro di ballo di origine spagnola.
Precoce bambina prodigio, a quattro anni i suoi genitori la inseriscono nel loro spettacolo, "The Dancing Cansinos" con cui si esibiscono, riscuotendo grande successo, nei locali della east coast degli Stati Uniti.
A dodici anni è già una bravissima ballerina, tanto da insegnare i passi di flamenco, fandango e tip tap agli allievi della scuola di ballo di suo padre, a Los Angeles.
Tra di loro c'è un giovane, di nome James Cagney, che diventerà attore, e con cui, più tardi, Rita reciterà in uno dei suoi primi film di successo.

Il suo debutto artistico avviene a tredici anni, sui palcoscenici dei night club di ambiente messicano, dove si esibisce come ballerina di ritmi latino-americani.
Nel 1935 firma un contratto con la Fox, dopo che un produttore l'ha vista ballare in un night di Agua Caliente, ed appare, non accreditata, nel film "IL SEGNO DI ROBIN HOOD"; e con il nome di Rita Cansino, in "LA NAVE DI SATANA", di Harry Lachman, in cui la si vede per pochi minuti, con la chioma nera raccolta in un nodo, ballare sulla pista di una nave bisca, di proprietà di Spencer Tracy.
Il cammino verso il successo, però, è difficile e tormentato, e le occasioni per continuare la strada intrapresa le vengono offerte solo dagli immancabili film di serie B, seguiti dalle immancabili delusioni per il successo che non arriva.

Nel 1937, dopo essere stata licenziata dalla Fox, quando la società si fonde con 20th Century, il primo marito, Edward C. Hudson, un uomo che ha il doppio della sua età, rappresentante di automobili che ben presto si trasforma nel suo intraprendente press-agent, le procura un contratto con la Columbia, il cui presidente, Harry Colin le inventa il nome d'arte, facendolo derivare, con l'aggiunta di una y, dal cognome della madre, Haworth.
Nonostante ciò viene confinata ancora in film di scarso rilievo, fino a quando, nel 1939, il regista Howard Hawks non le affida un ruolo in "AVVENTURIERI DELL'ARIA", sulle vicende, ora liete, ora drammatiche, di un gruppo di piloti civili americani in un aeroporto del sudamarica, e in cui un'ancora giovanissima Rita Hayworth si prende una brocca d'acqua in testa dall'ex fidanzato, CARY GRANT.
Con questo film l'attrice si avvia a diventare qualcosa di più di una bella a brava ballerina, anche se, un giorno fa dichiarare a Fred Astaire: "Impara i passi più rapidamente di chiunque io abbia mai conosciuto".
Con lui ballerà in "L'inarrivabile felicità"; e in "Non sei mai stata così bella", due musical dalle trame alquanto improbabili ma con formidabili numeri di ballo, sfolgoranti coreografie e tante bellissime canzoni (con la Hayworth doppiata).
Prima dei musicol però, c'erano stati il buon successo di "PECCATRICI FOLLI", di George Cukor ('40), feroce ritratto del fanatismo religioso, diretto con eleganza da George Cukor e il ruolo dell'ambigua donna accusata di omicidio, in "SEDUZIONE", di Charles Vidor, qui per la prima volta accanto a Glenn Ford.
Seguono i film "ANGELI DEL PECCATO", di L. Garmes e B. Hecht, con a fianco Douglas Fairbanks Jr., in cui impersona una cantante di night club che aiuta un imbroglione a salvare un aspirante suicida; e il già citato "L'INARRIVABILE FELICITA'", di Sidney Lanfield, dove fa la ballerina di varietà che corteggia il suo partner, il quale, per sfuggirla prima si arruola nell'esercito, ma poi quando deve organizzare uno spettacolo per i commilitoni la richiama con sè e scopre di amarla.

C'è poi il primo, vero, grande successo di "BIONDA FRAGOLA", di Raoul Walsh, dove ritrova il suo vecchio amico del tempo della scuola di ballo, James Cagney, e nel quale interpreta la ragazza che un aspirante dentista si vede soffiare da un amico imbroglione, per colpa del quale finisce anche in prigione. Tornato libero scoprirà che è stato fortunato ad aver sposato una donna fedele e comprensiva..

Nel 1941 compare per la prima volta con i famosi capelli color rosso fuoco in "SANGUE E ARENA", di Rouben Mamoulian, con Tyron Power e Linda Darnell.
Seconda trasposizione, dopo quella del 1922 con Rodolfo Valentino, del romanzo di Vicente Blasco Ibanez, nel film di Mamoulian la Hayworth interpreta il ruolo di una seducente avventuriera che fa perdere la testa al torero Tyron Power il quale, sopraffatto dalla passione, abbandona moglie e corride; quando però si accorge di aver sbagliato tutto, torna nell'arena ma la visione della donna, durante la corrida gli sarà fatale.
Spettacolare per lo sfolgorante technicolor e indimenticabile per la prepotente bellezza della Hayworth, che fece letteralmente perdere la testa alle platee maschili di tutto il mondo, "SANGUE E ARENA" ebbe un enorme successo negli USA in guerra, ed oggi viene considerato un monumento alla Hollywood dell'epoca.
Sempre del '41 è la commedia "CON MIA MOGLIE E' UN'ALTRA COSA", di Lloyd Bacon; mentre nel '42 torna a recitare accanto a Fred Astaire nel musicol di William A. Seiter "NON SEI MAI STATA COSI' BELLA".

Nella primavera del 1942 si separa dal marito e intreccia una relazione amorosa con l'attore Victor Mature, suo partner nel film "FOLLIE DI NEW YORK", di Irving Cummings.
Chiude il '42 interpretando "DESTINO" di Julien Duvivier e mettendo fine alla relazione con Victor Mature.
I pettegolezzi si sprecano e le vengono attribuiti diversi altri flirt, ma a sorpresa, il 7 settembre 1943, quando il divorzio dal primo marito diventa esecutivo, sposa il grande Orson Welles, da cui nel 1946 avrà la figlia Rebecca.

Nel 1944 gira "FASCINO", di Charles Vidor, altro bel musicol con Gene Kelly; e nel '45 "STANOTTE E OGNI NOTTE", di Victor Saville, musicol ambientato a Londra, al tempo della guerra durarante i bombardamenti tedeschi, quando un ufficiale dell'esercito inglese si innamora di una ballerina conosciuta in un rifugio antiaereo.
Poi arriva "GILDA", di Charles Vidor, con Glenn Ford: classico triangolo noir e classico personaggio di dark lady mangiauomini, bugiarda a traditrice, ma anche donna bisognosa d'amore e di tenerezza.
Il film le darà notorietà mondiale inimmaginabile e il personaggio le rimarrà attacato addosso come un alter ego che condizionerà non poco le sue future interpretazioni.
GILDA si muove sinuosa e provocante al centro di un pericoloso triangolo, che si salda quando Johnny Farrel accetta di lavorare nella bisca, che in realtà fa da copertura alla attività di ex nazisti, di Ballin Mundson, l'uomo che gli ha salvato la vita. Ma la sua riconoscenza viene messa in crisi quando scopre che la moglie di costui non è altro che GILDA, la donna che ha amato appassionatamente e che l'ha profondamente deluso al punto da renderlo misogino.
Carico di simbolismi, le valenze del film sono molte: l'amore distruttivo (quello di GILDA per Johnny), il rapporto filiale (di Johnny per Ballin), la gelosia che diventa odio (di Ballin per Johnny), tutti temi che i film noir hanno sempre sfiorato ma mai trattato con tanta fascinazione.
Ma GILDA è soprattutto lei, Rita Hayworth, dark lady irraggiungibile, perfetta nel suo primo ruolo drammatico, trionfo della femminilità quando si toglie i lunghi guanti neri; desiderio irrefrenabile quando languidamente sussurra, 'Amado mio, love me forever and let forever begin tonight' o, seduta sul bancone del bar, canta (doppiata) 'Put the Blame on Mame'.
Il ciclone GILDA fu talmente forte che pochi mesi dopo l'uscita della pellicola, la foto della Hayworth e il nome GILDA vennero incollati sulla bomba atomica sganciata nel 1946 sull'atollo di Bikini.

Dopo "GILDA" Rita interpreta "BELLEZZE IN CIELO o GIU' SULLA TERRA" di Alexander Hall ; poi, il 1 dicembre 1948, finisce anche il suo matrimonio con Orson Welles.
Nonostante ciò i due restano amici ma, sadicamente e, forse anche volutamente, lui comincia a distruggerne l'immagine, quando dirigendola in "LA SIGNORA DI SHANGAI", scandalosamente le fa tagliare corti i capelli e tingerli di biondo platino.
Il film, un bel thriller di eccezionale forza visiva, racconta di un marinaio che salva la moglie di un avvocato da un'aggressione e come ricompensa viene imbarcato sullo yacht del marito; qui viene coinvolto sentimentalmente dalla donna, e convinto dal marito ad aiutarlo in un finto tentativo di suicidio. Rischierà la sedia elettrica prima di accorgersi di essere stato usato da entrambi.
Il film, però, non ha il successo sperato e la nuova immagine di Rita non piace al pubblico, tanto che i produttori aspettano le ricrescano i capelli prima di farle girare "GLI AMORI DI CARMEN", di Charles Vidor, ancora con Glenn Ford.
Tratto dall'opera di Georges Bizet, la pellicola narra dell'amore di una bella zingara per un caporale dei dragoni, il quale, su istigazione di lei, uccide un superiore; poi, vistosi tradito, uccide anche lei.

Nel frattempo, in Costa Azzurra, conosce il principe Ali Khan, figlio dell'Aga Khan, uno dei capi spirituali dell'Islam, e con una fastosa cerimonia, il 27 maggio 1949, lo sposa in Francia.
Le nozze furono avversate dal 'Club delle donne americane', che propose di boicottare i suoi film; e condannate dal Vaticano, che arrivò a scomunicarla per il suo comportamento, definito scandaloso.
Lo stesso anno nasce la sua seconda figlia, Yasmine, e intanto Hollywood dimentica la diva.
Lei che era stata la pin up più amata d'America, l'Atomica fotografata su 'Life' durante la guerra, che si prodigava a firmare autografi negli ospedali e nelle caserme, una delle attrici meno capricciose e più disponibili dello star system hollywoodiano.
Rita Hayworth , dal canto suo, non fa nulla per riconquistare il suo pubblico, continua a vivere al di là dell'Atlantico, e per due anni fa solo la moglie e la madre amorevole, finchè, nei primi anni cinquanta, dopo la rottura con Ali Khan, avvenuta il 26 gennaio 1953, torna in America e riprende a lavorare con la Columbia.

In "TRINIDAD", di Vincent Sherman, la Hayworth e Glenn Ford continuano ad amarsi e a farsi del male, ma la sua carica sensuale, anche se un po' sbiadita c'è ancora.
Poi c'è "SALOME'", di William Dieterle e la celeberrima scena della danza dei sette veli a rinverdirne gli allori.
Sorretto dall'alcool che le brucia dentro, il declino è già cominciato, ma Rita sullo schermo continua a dare il meglio di sè, come in "PIOGGIA" di Curtis Bernhardt, tratto da un racconto di W. Somerset Maugham.
Quì interpreta il ruolo di una ballerina che, arrivata in un'isola del sud, si innamora, ricambiata, di un ufficiale; ma il responsabile la missione, innamorato respinto, minaccia di rivelarne i burrascosi trascorsi.
Indimenticabile la scena, in tridimensionale, in cui la Hayworth si avvicina al ventilatore e, aprendosi la camicetta, si rinfresca il seno; e bellissime le numerose canzoni cantate dalla diva (doppiata come sempre).

Altrettanta bravura la dimostra nello struggente "PAL JOE", di George Sidney, dove supera brillantemente il confronto con la più giovane Kim Novak e duetta con Frank Sinatra, interpretando il ruolo di una vedova miliardaria che soccombe al fascino di un cantante squattrinato, permettendogli di aprire un locale tutto suo, per poi vedersi tradire per una più giovane ballerina di fila. Grande colonna sonora, con Frank Sinatra che si esibisce in alcuni dei suoi più grandi successi
Spettacolare anche il melodramma "FUOCO NELLA STIVA", di Robert Parrish, dove il fascino della Hayworth colpisce due contrabbandieri che si innamorano di lei. Sceglierà il sensuale e volgare ROBERT MITCHUM, disilluso come lei, a scapito del romantico Jack Lemmon, scatenando così il suo odio.
Dopo la fine del suo quarto matrimonio con l'attore cantante Dick Haymes (24/09/1953 - 12/12/1955), che contribuisce ad accrescere le sue numerose delusioni, gira "TAVOLE SEPARATE", di Delbert Mann, in cui è lei la piacente divorziata per cui Burt Lancaster perde la testa, smettendo, così, di corteggiare la direttrice della pensione del villaggio turistico di cui è ospite.

Il 2 febbraio 1958 arriva il quinto matrimonio con James Hill, anche questo destinato a finire con un divorzio tre anni dopo, nel settembre del 1961.

Nel cinema però, la sua classe valorizza anche un modesto melò giudiziario come "INCHIESTA IN PRIMA PAGINA", di Clifford Odets; mentre, dello stesso anno ('59) è "CORDURA", di Robert Rossen, un western ambientato al tempo di Pancho Villa, in cui la sua prorompente sensualità riesce ancora a creare tensione tra gli uomini di Gary Cooper, a cui è affidata una pericolosa missione contro il rivoluzionario messicano.

Lavora poi a fianco di Rex Harrison in "FURTO SU MISURA", di George Marshall, dove compare anche sua figlia, Yasmine Khan.
Successivamente è accanto a John Wayne in "IL CIRCO E LA SUA GRANDE AVVENTURA", di Henry Hathaway, con il quale ottenne l'unico, importante, riconoscimento della sua prestigiosa carriera: la nomitation ai Golden Globe.
Poi Glenn Ford, Joseph Cotten ed Elke Sommer la affiancano nel melò poliziesco "LA TRAPPOLA MORTALE", di Burt Kennedy.

Intanto l'alcol continua, lento ma inesorabile, a corrodere il fisico di colei che un tempo venne definita 'Il corpo'; ma, nonostante ciò, la ritroviamo ancora accanto ad Anthony Quinn in "L'AVVENTURIERO", di Terence Young; poi, strano ma vero, in un film di Duccio Tessari, "I BASTARDI".
Nel '71 e '72 le sue ultime apparizioni al cinema con "QUANDO IL SOLE SCOTTA", di George Lautner; e "LA COLLERA DI DIO", di Ralph Nelson, accanto a ROBERT MITCHUM.

Stanca e spersa, in una Hollywood che non appare più interessata a lei, delusa e amareggiata per la fine del suo quinto matrimonio, la 'Dea dell'amore' si ritira tristemente dalle scene.
Appena compiuti i sessant'anni viene colpita da una terribile malattia, il morbo di Alzheimer.
Scompare a sessantanove anni, il 14 maggio 1987, all'Albert Einstein College and Hospital di New York, assistita amorevolmente dalla figlia Yasmine.
Malgrado la scomunica di quaranta anni prima, è stata seppellita nel cimitero cattolico di Culver City.
Usciva così di scena colei che fu una tra i grandi comunicatori di sogni che solo la magia del cinema ci sa regalare.

FILMOGRAFIA

1934 - Il segno di Robin Hood (non accreditata) regia di Fernando De Fuentes
1935 - Paddy O'Day ( come Rita Cansino) regia di Lewis Seiler
1935 - Under the Pampas Moon (Come Rita Cansino) regia di James Tinling
1935 - La nave di Satana (come Rita Cansino) regia di Harry Lachman
1935 - Il segreto delle piramidi (come Rita Cansino) regia di Louis King
1936 - Meet Nero Wolfe (come Rita Cansino) regia di Herbert J. Biberman
1936 - Il pirata bellerino (come Rita Cansino) regia di Lloyd Corrigan
1936 - Human Cargo (Come Rita Cansino) regia di Allan Dwan
1936 - Carmencita (come Rita Cansino) regia di Lynn Shores
1937 - The Shadow regia di Charles C. Coleman
1937 - A mezzanotte.... regia di Charles C. Coleman
1937 - La vita comincia con l'amore regia di Ray McCarey
1937 - Girls Can Play regia di Lambert Hillyer
1937 - The Game That Kills regia di Ross Lederman
1937 - Criminal of the Air regia di Charles C. Coleman
1937 - Old Louisiana (come Rita Cansino) regia di Irvin Willat
1937 - Hit the Saddle (come Rita Cansino) regia di Mack V. Wright
1937 - Fiamme nel Texas (come Rita Cansino) regia di Robert N. Bradbury
1938 - Chi ha ucciso Gail Preston? regia di Leon Barsha
1938 - The Renegade Ranger regia di David Howard
1938 - Juvenile Court regia di D. Ross Lederman
1938 - Convicted regia di Leon Barsha
1938 - C'è sotto una donna regia di Alexander Hall
1939 - Special Inspector regia di Leon Barsha
1939 - La squadra volante regia di Charles C. Coleman
1939 - La preda regia di Peter Godfrey
1940 - Peccatrici folli regia di George Cukor
1940 - Blondie on a Budget regia di Frank R. Strayer
1940 - Music in My Heart regia di Joseph Santley
1940 - Seduzione regia di Charles Vidor
1940 - Angeli del peccato regia di Lee Garmes e Ben Hecht
1941 - L'inarrivabile felicità regia di Sidney Lanfield
1941 - Bionda fragola regia di Raoul Walsh
1941 - Con mia moglie è un'altra cosa regia di Lloyd Bacon
1942 - Non sei mai stata così bella regia di William A. Seiter
1942 - Follie di New York regia di Irving Cummings
1942 - Destino regia di Julien Duvivier
1944 - Fascino regia di Charles Vidor
1945 - Stanotte ed ogni notte regia di Victor Saville
1947 - Bellezze in cielo regia di Alexander Hall
1948 - Gli amori di Carmen regia di Charles Vidor
1952 - Trinidad regia di Vincent Sherman
1953 - Salomè regia di William Dieterle
1953 - Pioggia regia di Curtis Bernhardt
1957 - Pal Joe regia di George Sidney
1957 - Fuoco nella stiva regia di Robert Parrish
1959 - Inchiesta in prima pagina regia di Clifford Odets
1959 - Cordura regia di Robert Rossen
1962 - Furto su misura regia di George Marshall
1964 - Il circo e la sua grande avventura regia di Henry Hathaway
1965 - La trappola mortale regia di Burt Kennedy
1967 - L'avventuriero regia di Terence Young
1968 - I bastardi regia di Duccio Tessari
1971 - The Naked Zoo regia di William Grefe
1971 - Quando il sole scotta regia di Georges Lautner
1972 - La collera di Dio regia di Ralph Nelson
1935 - LA NAVE DI SATANA regia di Harry Lachman
1939 - AVVENTURIERI DELL'ARIA regia di Howard Hawks
1940 - PECCATRICI FOLLI regia di George Cukor
1941 - BIONDA FRAGOLA (1941) regia di Raoul Walsh
1941 - SANGUE E ARENA regia di Rouben Mamoulian
1941 - L'INARRIVABILE FELICITA' regia di Sidney Lanfield
1942 - NON SEI MAI STATA COSI' BELLA regia di William A. Seiter
1944 - FASCINO regia di Charles Vidor
1946 - GILDA regia di Charles Vidor
1947 - BELLEZZE IN CIELO (GIU' SULLA TERRA) regia di Alexander Hall
1948 - LA SIGNORA DI SHANGHAI regia di Orson Welles
1948 - GLI AMORI DI CARMEN regia di Charles Vidor
1952 - TRINIDAD regia di Vincent Sherman
1953 - PIOGGIA regia di Curtis Bernhardt
1953 - SALOME' (1953) regia di William Dieterle
1957 - PAL JOEY regia di George Sidney
1957 - FUOCO NELLA STIVA regia di Robert Parrish
1958 - TAVOLE SEPARATE regia di Delbert Mann
1959 - CORDURA regia di Robert Rossen
1959 - INCHIESTA IN PRIMA PAGINA regia di Clifford Odets
1961 - FURTO SU MISURA regia di George Marshall
1965 - LA TRAPPOLA MORTALE regia di Burt Kennedy
1966 - IL PAPAVERO E' ANCHE UN FIORE regia di Terence Young
1967 - L'AVVENTURIERO regia di Terence Young
1968 - I BASTARDI regia di Duccio Tessari
1972 - LA COLLERA DI DIO regia di Ralph Nelson

Clicca il nome del film per visualizzarne la scheda

Galleria Fotografica


Biografia a cura di Mimmot - ultimo aggiornamento 21/01/2006

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

150 milligrammi - una donna dorte come la verita'
 T
4021a german lifea good americana united kingdom - l'amore che ha cambiato la storiaabsolutely fabulous: il filmaeffetto dominoalla ricerca di un sensoallied - un'ombra nascosta
 HOT
arrivalausterlitz
 T
autobahn - fuori controllo
 T
ballerina
 T
bandidos e balentes - il codice non scritto
 T
barriere
 T
beata ignoranzabilly lynn - un giorno da eroebleed - piu' forte del destinocaro lucio ti scrivochi salvera' le rose?
 T
cinquanta sfumature di nero
 T
crazy for footballdavid lynch: the art lifedoraemon il film - nobita e la nascita del giappone
 NEW
ellefalchifallen
 T
gimme dangergod's not dead 2 - dio non e' morto 2gomorroideheadshotho amici in paradisoi am not your negroil diritto di contareil padre d'italiail pugile del duceil viaggio di fanny
 NEW
in viaggio con jacquelineincarnate
 R T
jackiejohn wick capitolo 2kong: skull islandla battaglia di hacksaw ridgela bella e la bestia (2017)
 NEW
la cura dal benessere
 HOT
la la landla legge della nottela luce sugli oceani
 T
la marcia dei pinguini: il richiamo
 NEW
la tartaruga rossale concoursle spie della porta accanto
 T
lego batman - il film (2017)les ogres
 NEW
life - non oltrepassare il limitelife, animatedlogan - the wolverinel'ora legaleloving - l'amore deve nascere liberomaestro
 T
mamma o papa'?
 T
manchester by the seamister universo
 NEW
moda mia
 T
moonlight - tre storie di una vitanebbia in agosto
 NEW
non e' un paese per giovaniomicidio all'italianaozzy - cucciolo coraggiosopasseriphantom boypiena di graziapino daniele - il tempo restera'proprio lui?qua la zampa!questione di karma
 T
resident evil: the final chapterriparare i viventirosso istanbul
 NEW
sfashionsilence
 NEW
slam - tutto per una ragazzasleepless - il giustizieresmetto quando voglio 2 - masterclass
 HOT
splitstrane stranierethe belko experiment
 T
the founder
 T
the great wallthe ring 3
 T
trainspotting 2
 T
un re allo sbandoun tirchio quasi perfettovarichina - la vera storia della finta vita di lorenzo de santisvedete, sono uno di voivi presento toni erdmann
 NEW
victoria
 NEW
vieni a vivere a napoli!vista marexxx: il ritorno di xander cageyour name

952987 commenti su 36801 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net