x-files - stagione 4 regia di R W Goodwin, Rob Bowman, Kim Manners, David Nutter, Chris Carter USA 1996
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Serie TVx-files - stagione 4 (1996)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film X-FILES - STAGIONE 4

Titolo Originale: THE X-FILES SEASON 4

RegiaR W Goodwin, Rob Bowman, Kim Manners, David Nutter, Chris Carter

InterpretiDavid Duchovny, Gillian Anderson, Robert Patrick, Annabeth Gish, Mitch Pileggi

Durata: h 0.45
NazionalitàUSA 1996
Generefantascienza
Stagioni: 11
Prima TV nell'Ottobre 1996

•  Altri film di R W Goodwin
•  Altri film di Rob Bowman
•  Altri film di Kim Manners
•  Altri film di David Nutter
•  Altri film di Chris Carter

Trama del film X-files - stagione 4

Fox William Mulder Ŕ un singolare agente dell'FBI: lavora in un settore chiamato appunto X-Files, un archivio dove vengono catalogati e raccolti tutti i casi ritenuti inspiegabili. Mulder deriva la sua ossessione dal traumatico rapimento della sorella, avvenuto (a suo dire) a causa degli alieni, quando l'agente aveva l'etÓ di 12 anni. Il poster appeso nell'oscuro ufficio di Mulder, divenuto uno dei simboli della serie, riporta la memorabile scritta "I Want to believe" - Io Voglio Credere. Mulder cerca infatti di dare spiegazioni e raggiungere la veritÓ prestando fede a prove e testimonianze ritenute "impossibili" o prive di credito da parte dei suoi colleghi e della comunitÓ accademica. All'inizio della serie gli viene affiancato un partner dai suoi superiori, Dana Katherine Scully, medico e scienziata che utilizzando le sue competenze scientifiche avrebbe il compito di screditare le bizzarre tesi di Mulder. In realtÓ con il passare del tempo anche lei si troverÓ di fronte a fatti in grado di scuotere le sue certezze e la sua fede nella scienza ufficiale.

Film collegati a X-FILES - STAGIONE 4

 •  X-FILES - STAGIONE 1, 1993
 •  X-FILES - STAGIONE 2, 1994
 •  X-FILES - STAGIONE 3, 1995
 •  X-FILES - STAGIONE 5, 1997
 •  X-FILES - STAGIONE 6, 1998
 •  X-FILES - STAGIONE 7, 1999
 •  X-FILES - STAGIONE 8, 2000
 •  X-FILES - STAGIONE 9, 2001
 •  X-FILES - STAGIONE 10, 2016
 •  X-FILES - STAGIONE 11, 2018

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   9,31 / 10 (8 voti)9,31Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su X-files - stagione 4, 8 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Colibry88  @  16/02/2017 06:36:36
   9 / 10
Anche nella quarta stagione "The X-Files" si riconferma una strepitosa serie cult. Anche qui non mancano episodi memorabili ('Memento Mori', 'Max', 'Synchrony', 'Musings of Smoking Man') e trovate geniali. Parte della stagione è dedicata (finalmente, dico io) al personaggio di Scully, la quale deve affrontare il dramma del cancro. Senza dubbio un'ottima stagione.

mrmassori  @  15/07/2016 14:27:46
   10 / 10
Insieme a Twin Peaks e Lost, qua siamo ai livelli di capolavoro assoluto.

topsecret  @  19/01/2015 23:17:07
   10 / 10
La quarta stagione si conclude con una notizia potenzialmente sconvolgente e segna il passo di una serie tv che continua ad accumulare consensi, grazie a degli episodi che raggiungono vette di interesse e coinvolgimento difficilmente eguagliabili da altre serie.
Oltre ai due carismatici, affiatati e abili protagonisti prendono piede altri personaggi che si ritagliano un loro spazio fondamentale e contribuiscono prepotentemente alla riuscita di una ennesima stagione di grande effetto e crescente emozione, destinata ad entrare e rimanere nell'olimpo del genere fanta-thriller.

hghgg  @  31/05/2014 13:04:35
   9½ / 10
L'apice di "X-Files", la vetta più alta raggiunta dalla serie di Chris Carter, questa quarta stagione è il punto estremo, oltre il quale non resterà poi che scendere; Uno dei capolavori assoluti in tutta la storia della serialità televisiva.
Ovviamente il distacco tra questa e le tre stagioni precedenti è davvero irrilevante e la mia preferenza verso questa quarta stagione in particolare è soltanto frutto di sottili gusti personali, un po' uno spaccare il capello in quattro. Ma questa è la stagione della definitiva maturità, della scrittura, della regia, dei personaggi, degli interpreti, delle trame stesse; questa è la stagione in cui tanti nodi cominceranno a venire al famoso pettine, questa stagione è un punto d'arrivo clamoroso seppure collegato con i primi due episodi della quinta stagione. Inoltre è la stagione che personalmente ho trovato più intensa in assoluto (e non solo per il cancro di Scully), drammatica e potentissima anche in virtù di un'ispirazione ancora altissima e di una raggiunta maturità che da a mio avviso quel poco in più che non c'era nelle stagioni 1-2 e 3 (dettagli, purissimi dettagli).

A dire il vero fosse stato solo per i primi 6 episodi questa quarta stagione avrebbe avuto un voto in meno e l'avrei considerata leggermente inferiore alle tre precedenti; effettivamente in quei primi episodi si avverte una leggerissima stanchezza e un piccolo calo rispetto ai fasti, ad esempio, dela terza stagione; certo nulla di particolarmente serio, ma un minuscolo calo c'è, all'inizio della quarta. Si parte con la Mitologia, con "Herrenvolk" che chiude i conti lasciati in sospeso da "Talitha Cumi" rispetto al quale risulta comunque leggermente più fiacco, pur restando un eccellente episodio di una Mitologia che d'altronde in questa serie raggiunge il suo apice (e di fatto, essendo la Mitologia il punto focale di X-Files, raggiunge la vetta la serie stessa). La serie di episodi che va dal 4x02 al 4x06 però è nel complesso un po' meno convincente del solito. Intendiamoci sono tutti episodi ottimi (il particolare e in un certo senso "romantico" "The Field Where I Died" ad esempio, diretto molto molto bene, con una gran classe registica) e se parlo di "meno convincenti" mi riferisco solo in confronto agli standard spaventosamente alti della serie anche solo parlando degli episodi "Mostro della settimana". Leggermente meno convincenti sarebbero anche alcuni episodi di mezzo, in particolare le puntate 4x15 e 4x16 ("Kaddish" e "Unrequited"). Dico "sarebbero" perché in realtà sono ottimi episodi, o meglio è ottimo in particolare il 4x16, ma lì c'è già di mezzo la storyline del cancro di Scully e non mi piace per nulla come la cosa è stata momentaneamente "lasciata da parte" in questi due episodi (a dire il vero anche nel successivo "Tempus Fugit" ma lì siamo nella Mitologia ed è un episodio in due parti e ci penserà poi la seconda parte, "Max" a ricordare ciò che sembrava dimenticato...). Voglio dire, avevamo appena avuto "Memento Mori" (4x14), capolavoro di grande intensità drammatica e una delle vette di questa stagione, in cui veniva affrontata e aperta definitivamente e chiaramente la trama della malattia di Scully dopo gli accenni delle due puntate precedenti. "Memento Mori" mette al centro la malattia, la precarietà, la paura della morte, il rapporto fortissimo con Mulder, i tanti dubbi, la sofferenza, con una maturità, una delicatezza e una classe da far venire i brividi, è un episodio perfetto sia tecnicamente che emotivamente parlando, con una Gillian Anderson impeccabile (e bravo anche Duchonvy) e una sceneggiatura tra le migliori dell'intera serie (uno degli autori è Vince Gilligan, che evidentemente l'idea del cancro al protagonista deve averla presa da qui e che altrettanto evidentemente già a metà anni '90 sapeva sceneggiare veramente bene). Alla fine dell'episodio, dopo una girandola emozionale da capogiro, la Scully decide di provare a curarsi e tornare in servizio. Ok, nulla di male anzi, era ovvio. Peccato che appunto nei due episodi successivi già citati il cancro che la affligge praticamente sparisce, proprio così, puf non c'è più. Si indaga come nulla fosse, non se ne parla nemmeno, nessuno dei due, nessun sintomo, niente, nada, niet. E a me 'sta cosa non va giù, eh, mi sembra un po' poco credibile vista anche la gravità della malattia... Gilligan prende appunti e migliorerà la cosa successivamente nella sua serie (In "Breaking Bad" non c'è una puntata, all'inizio, in cui non c'è un'avviso almeno dei sintomi di Walter White, a ricordarci che quello lì starebbe per crepare). Poi per carità riappare eh, ed è sempre più presente nel corso degli ultimi episodi, il cancro di Scully, ed ogni volta che riappare è un episodio capolavoro (soprattutto nella Mitologia of course), in un sempre crescente vortice drammatico che si unisce in più a quei complotti e misteri che pian piano vengono a galla pur facendosi sempre più complessi, intricati e pericolosi per il magico duo. Sempre più carne al fuoco quindi, ma perfettamente gestita e molto ben sceneggiata.

Ma quand'è che questa quarta stagione diviene IL capolavoro di "X-Files" superando le tre precedenti stagioni ? Dopo i primi 6 episodi in leggerissimo calo, arriva il botto. Lo straordinario "Musings of a Cigarette-Smoking Man" (4x07) inaugura un filotto di 4 episodi straordinari, quattro capolavori assoluti uno più bello dell'altro. "Musing of a Cigarette-Smoking Man" potrebbe anche essere, molto soggettivamente parlando, il mio episodio preferito di "X-Files", tanto stimo e adoro il personaggio dell'Uomo che Fuma. Non solo in questa quarta stagione è divenuto un personaggio TOTALE (ma già della seconda stagione eh), infinitamente ambiguo, tremendamente ben caratterizzato e immensamente carismatico, ma addirittura con questo settimo episodio si ritaglia lo spazio di protagonista assoluto. "Musings of a Cigarette-Smoking Man" narra la sua storia, per tutto l'episodio non ci sono Mulder e Scully (una appare in un flashback solo alla fine, dell'altro si sente solo la voce) ma solo lui, lui e la sua vita, vissuta nell'ombra e nella solitudine. Tutto l'episodio è quindi un grande flashback che parte dai primi anni '60 e attraversa la vita dell'Uomo che Fuma per un trentennio fino ai primi anni '90 e, di fatto, all'inizio di "X-Files". Mi è difficile descrivere l'intensità e la profondità di questo episodio, sceneggiato meravigliosamente con uno script molto strutturato e una narrazione matura e tridimensionale che mette in campo tutte le sfaccettature, la complessità e l'ambiguità (nel male, ma forse anche nel bene) di questo grande personaggio, che trasuda da ogni poro tanto spietatezza quanto solitudine. Strepitosa la scena con lui, Gola Profonda e l'alieno... C'è solo da guardare e poco da dire alla fine perché ogni singola scena è memorabile, ogni singola sequenza ha qualcosa da dire e L'Uomo che Fuma raggiunge il suo apice qui, in tutta la sua profondità di personaggio, reso benissimo, una volta ancora, da William B. Davis (ma anche dall'attore che lo interpreta da giovane). Episodio anche commovente, nel finale, profondo, drammatico, potentissimo, scritto, diretto e interpretato senza sbavatura alcuna. Miglior episodio della stagione e della serie tutta ma ovviamente è solo una mia preferenza personale.

Ma non finisce qui (però la faccio breve che le trame ve le scoprite da soli, ed era pure ore che ti stavi zitto, direte): la Mitologia raggiunge livelli sublimi con la doppietta da capogiro "Tunguska" e "Terma" probabilmente la mia doppietta preferita di tutta la Mitologia di "X-Files". Due episodi, due grandi capolavori della fantascienza. Qui la serie raggiunge davvero livelli d'intensità quasi insostenibili (e il bello in realtà doveva ancora arrivare) ed è tutta una goduria da ottanta minuti e passa. E poi, a chiudere il poker di episodi capolavoro che hanno contribuito parecchio al 9 e mezzo c'è "Paper Hearts" altro episodio splendido per scrittura e interpretazioni e con delle sequenze bellissime (quella finale al deposito degli autobus ad esempio) tanto da lasciarmi una volta ancora a bocca aperta alla fine dell'episodio. E poi arriva come detto "Memento Mori", l'altra grande doppietta "Tempus Fugit" e "Max", un altro paio di episodi eccellenti ("Synchrony", in cui però si ri-dimenticano tutti che Scully è gravemente malata e il divertentissimo "Small Potatoes" momento ironico della stagione e che mette anche un bel tassello, a modo suo, per la successiva evoluzione del rapporto tra i due protagonisti) e poi il bellissimo "Zero-Sum" con un immenso Walter Skinner (ovviamente è ormai inutile ribadire la caratura, l'importanza e la complessità del personaggio) divenuto piuttosto "ambiguo" e costretto a collaborare con l'omino delle sigarette per tentare di salvare Scully, il tutto ad insaputa dell'altro pupillo Mulder. Episodio bellissimo, con Scully totalmente assente perché in ospedale, e con il cancro che si aggrava (Così, tutto d'un botto, torna all'attacco per le povere coronarie di noi spettatori). E il successivo "Elegy" altro capolavoro che torna a mettere al centro Scully e la sua malattia, approfondendo di fatto quanto già fatto e detto in "Memento Mori" e dando grande importanza al rapporto tra Mulder e Scully in questa difficile situazione. Ne esce fuori un altro episodio molto intenso e drammatico e tra l'altro per nulla scontato e, come da prassi in questa stagione, molto ben sceneggiato, si respira benissimo l'avvicinamento alla fine per Scully (ah-ah. se, come no...). Poi il Mulder-centrico "Demons" con un Mulder-Duchonvy ottimamente in crisi e Scully che, finché ce la fa, gli da al solito una mano (anche perché se lei non salva lui, poi lui dopo non può salvare lei, ehhhh 'sti volponi degli sceneggiatori e di Carter han pensato proprio a tutto eh...).

E poi c'è "Gethsemane". E che devo dire... Questo episodio è il tutto. C'è tutto. Tutto ciò che abbiamo visto in questa stagione e in quelle precedenti qui sta arrivando al compimento, nulla qui ha termine ma tutti i nodi cominciano a sciogliersi e tutte le strade stanno per arrivare al termine. Trame, sottotrame, situazioni, la malattia di Scully, il Consorzio, il Complotto Governativo, il grande bluff sulle forme di vita extraterrestri che sembra esser stato quasi svelato... "Gethsemane" è un tornado di tensione ed emozione capace di lasciare come non mai con il fiato sospeso, sospeso come le tante situazioni lasciate in ballo con una perfidia e una classe sceneggiatoria da applausi. Ottima anche la gestione temporale degli eventi tra presente (Scully che parla alla commissione) e flashback di eventi di poco precedenti (gli avvenimenti principali dell'episodio) che si incasineranno ancora di più ad inizio quinta stagione. Succede di tutto e tutto è sceneggiato e diretto divinamente. "Gethsemane" è un episodio da triplo infarto: Scully con il cancro ormai allo stadio finale (e infatti nel primo episodio della quinta stagione, alla stessa riunione in cui la troviamo alla fine di questa stagione...), Mulder che vede crollare tutte le sue certezze, avvenimenti che si susseguo ad intensità massima e poi il finale, l'ultimissima sequenza della stagione, con il primo piano di Scully e la sua terrificante rivelazione... Che poi lo sai benissimo che ti sta prendendo per i fondelli, eppure il cazzotto nello stomaco riesce ad arrivare lo stesso, tanto la scena è ben scritte e tanto brava è la Anderson nel recitarla. "Gethsemane" sta per chiudere tutte le porte ma non ne ha ancora chiusa nessuna. E' devastante, e se non fosse per la mia preferenza personale per l'episodio Uomo che Fuma centrico sarebbe questo il miglior episodio di "X-Files".

Mulder e Scully ormai sono personaggi iconici, quasi una seconda pelle per Duchonvy e la Anderson sempre più a loro agio nell'interpretarli. L'Uomo che Fuma è semplicemente uno dei più grandi personaggi televisivi mai creati, Skinner ci va vicino, i membri del Consorzio sono sempre più affascinanti e inquietanti, salutiamo un gran personaggio come Mr.X, Marita Covarrubias è un'ottima new-entry (Laurie Holden quando faceva serie televisive belle) e tutti i personaggi secondari sono azzeccati e con un loro motivo d'esistere. Tante rivelazioni, tanti colpi di scena, tante emozioni, tanti momenti drammatici e strepitosi, livello di sceneggiatura molto alto, ottima regia, ottima fotografia, ottimo montaggio, ottime interpretazioni, ottimo tutto e con un ultimo episodio allucinante. La stagione più intensa ed emozionante di "X-Files" la vetta irripetibile. Chicca: Vince Gilligan è anche il co-produttore dell'intera stagione.

Capolavoro assoluto, è davvero una delle migliori serie televisive di sempre. Stagione clamorosa.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR rain  @  17/03/2014 18:14:52
   9 / 10
Leggermente inferiore alle tre stagioni precedenti, ma sempre su livelli stratosferici. La parte del leone la fanno ancora una volta gli episodi della Mitologia (in particolare "Herrenvolk" che va a concludere il finale della terza stagione e il doppio episodio "Tunguska/Terma" dove alla minaccia alieana si affiancano gli spettri della Guerra Fredda) a cui viene data pausa con episodi autoconclusivi come sempre molto belli. Sempre più affiatati Mulder e Scully, il primo sempre alla ricerca della verità anche a costo della vita mentre la seconda dovrà affrontare la prova più difficile della sua vita.
Una piccola chicca è rappresentata dell'episodio "Musings of a Cigarette-Smoking Man", interamente dedicato al nostro cattivissimo villain.


I miei episodi preferiti:

-Herrenvolk
-Home
-Musings of a Cigarette-Smoking Man
-Tunguska
-Terma
-Paper Hearts
-El Mundo Gira
-Leonard Betts
-Memento Mori
-Unrequited
-Tempus Fugit
-Max
-Synchrony
-Gethsemane

2 risposte al commento
Ultima risposta 20/03/2014 19.51.37
Visualizza / Rispondi al commento
gemellino86  @  10/03/2014 10:33:16
   9½ / 10
La quarta stagione a mio parere è migliore della terza. Più intrigante e più avvincente con grandi personaggi. Da non perdere.

BlueBlaster  @  21/02/2014 02:22:11
   9 / 10
Nulla da aggiungere se non che ormai sono in scena molto altri personaggi e si punta molto il dito contro le forze governative e sperimentazione...il telefilm assume connotati di serial di denuncia per certi versi

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  09/02/2014 16:20:47
   8½ / 10
Oramai X-Files era un fenomeno di costume e si era inserito di prepotenza tra gli show televisivi più iconici degli anni '90.
La quarta serie forse non è al livello della terza, alcuni elementi ripetitivi non mancano specie negli episodi autoconclusivi tra serial killer mostruosi e avvenimenti inspiegabili, ma c'è un fattore fondamentale che almeno per ora riesce a far passare quasi in secondo piano elementi sin troppo ricorrenti: la psicologia indagata a fondo e portata all'estremo di Scully e poi Mulder, il modo in cui si relazionano ad un avvenimento traumatico.
Mentre gli episodi della mitologia e i personaggi ambigui continuano a comparire e a raddoppiare, elementi minacciosi e paurosi all'orizzonte.
Da segnalare:
Unruhe.
Sanguinarium (splatteroso già dal titolo).
Il controverso, almeno per me, Musings of a Cigarette Smoking Man: se da un lato rivela molto sul personaggio più misterioso della serie, il fantomatico e celeberrimo "uomo che fuma", forse è un excursus che poteva anche essere evitato nonostante l'interessante episodio a lui dedicato.
Il doppio "Tunguska".
Paper hearts.
Never again (uno dei momenti fondamentali per la tensione anche erotica e sentimentale che da sempre è uno dei punti focali di X-Files, ovvero quella tra Mulder e Scully).
Memento mori.
Altro ottimo finale di stagione, che non ho mai segnalato ma in realtà è sempre di buon livello anche nelle 3 serie precedenti.

C'è una curiosità: tra gli sceneggiatori di questa quarta stagione è presente anche Vince Gilligan, il futuro creatore di Breaking Bad, già unitosi alla truppa dalla stagione 2 e autori di singoli episodi. Qui il suo spazio è molto più esteso e scrive alcune tra le puntate migliori.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticato
 NEW
il re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verrÓl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
morbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di saw
 NEW
star lightstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmus
 NEW
un lungo viaggio nella notte
 NEW
una intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1007021 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net