godzilla - il ritorno regia di Hideaki Anno, Shinji Higuchi Giappone 2016
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitŕ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

godzilla - il ritorno (2016)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film GODZILLA - IL RITORNO

Titolo Originale: SHIN GOJIRA

RegiaHideaki Anno, Shinji Higuchi

InterpretiSatomi Ishihara, Hiroki Hasegawa, Yutaka Takenouchi, Nicolas Reillabahc, Jean Laurent Oibur

Durata: h 2.00
NazionalitàGiappone 2016
Genereavventura
Al cinema nel Luglio 2017

•  Altri film di Hideaki Anno
•  Altri film di Shinji Higuchi

Trama del film Godzilla - il ritorno

Tokyo č attaccata da un mostro misterioso arrivato dal mare. Le autoritŕ non sanno come affrontare la situazione e chiamano gli americani, che propongono di nuclearizzare la creatura. Parte cosě una corsa contro il tempo per evitare il bombardamento sulla cittŕ.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,35 / 10 (10 voti)6,35Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Godzilla - il ritorno, 10 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento kampai  @  20/11/2017 09:14:27
   6½ / 10
Mi ha lasciato un pò esterrefatta questo nuovo godzilla. Nuovo.. .oddio sembra il rifacimento del vecchio che ho adorato. Qui riprende le tematiche di allora, disastri nucleari di varia natura,e come allora viene trattata l'incapacità di gestirla.il mostro è un pò strano perché è sempre gommoso ma i movimenti sono fluidi. Esilarante la trovata delle didascalie per spiegare ogni cosa.

-Uskebasi-  @  28/07/2017 15:12:49
   5 / 10
COMMENTO UTILMENTE SPOILEROSO

Si arriva a rimpiangere gli americani, tanto per capirci...
"Shin Gojira" è un'esperienza comica più unica che rara. Fossi stato con le persone giuste non starei scrivendo adesso, sarei matematicamente deceduto in sala dal ridere. Il film si svolge non attorno a Godzilla, ma attorno dei tavoli, tavoli di tutti i tipi, circondati da dei tizi che parlano in continuazione, ma quasi sempre uno per volta come a una recita di bimbi. Sarebbe di un burocratico asfissiante se non fosse (come accennavo prima) così involontariamente comico. Ogni persona, ogni singola persona inquadrata ci viene presentata con una didascalia che ci dice vita morte e miracoli, come se ce ne fregasse qualcosa se Tizio è il Segretario, il Direttore o il Pescivendolo, ma stigrancàzzi. E soprattutto come se fosse importante e utile specificare i ruoli, ci fosse anche un solo spettatore al mondo che riesca a distinguere e ricordarsi i 100 uomini asiatici e le loro mansioni. E non è finita qui, c'è qualcosa di ancora più esilarante nella precisione maniacale giapponese. Si perché non solo le persone ci vengono indicate; ogni luogo, ogni stramaledetto luogo del càzzo ci viene presentato con una didascalia. No no, forse non mi spiego. Non sto parlando di segnalazioni di città, piazze o grandi zone urbane, o proprio per essere pignoli edifici importanti, nooooo, sto parlando di ogni càzzo di luogo, che sia un cunicolo, una stanza, un cesso; roba del tipo che ci sono 4 persone che camminano e sotto c'è scritto "2° piano - Corridoio"!! Ma che càzzo mi dovrebbe fregare se sono sul corridoio? E se erano al 5° piano cosa càzzo cambiava? E la trama infierisce sul ragazzo che ha dovuto scrivere tutte ste cose inutili, infatti capita che nel mezzo di una conversazione tutti prendono e vanno in un'altra stanza, una stanza adibita a quell'argomento. Mi spiego? C'è una stanza per ogni cosa con annessa scritta sotto. Nel senso che non possiamo parlare di pomodori qua nella Sala delle Minacce alla Nazione, andiamo a farlo nel Salotto degli Ortaggi perdio...
E' pieno, pieno, pieno zeppo di didascalie, una cosa indescrivibile. Siamo più vicini al leggere un libro che a guardare un film...
Passiamo al co-protagonista, Gojira o Godzilla. Come si potrebbe far capire a parole tutta la dolcezza della sua prima forma... è un pupazzone sanguinante che chiede affetto, con gli occhi perennemente spalancati da ebete, ma purtroppo la folla cattivissima scappa anziché abbracciarlo. Poi evolve nella sua classica figura, poi evolve in una discoteca e spara luci per segnalare la sua posizione agli adolescenti, poi si addormenta per riposarsi, poi si risveglia e decide di collaborare al piano senza senso degli umani. Così, in una zona completamente distrutta e piena di macerie, la creatura si stende prestando gentilmente il suo volto verso l'unica strada intatta percorribile dai camion, affinché questi le possano versare con comodità del liquido refrigerante in bocca. Gli americani sarebbero stati linciati per una scena del genere.
Gran finale con l'inquadratura della coda che mostra forse esseri autonomi pronti a staccarsi da essa. Non si sa bene il significato. Strano che non abbiano usato una didascalia per spiegarlo.

2 risposte al commento
Ultima risposta 19/08/2017 13.38.59
Visualizza / Rispondi al commento
enrico_ghezzi  @  26/07/2017 14:08:45
   7½ / 10
è il cinema japponese dell esempio catastrofe. non ci sono monadi o diaframmi di insieme che il gozilla di Hideaki Anno propone, ne rivela la sua maturita' ad un livello di inferenza forse placido. quegli anni 50 del jappone del pericolo. il percorso della bomba atomica, ne trasfigura un insieme di livelli che vendono forse attesti ad un carattere dire quasi pasoliniano nel suo essere fedele all elisse di insieme e di intervalli allegorici e filologici diretta che ne denotano un diatriba cocente se vogliamo, la fotografia è quella dei 50, forse con quel miele e sapore della cultura allieva che separa il jappone dalla marionetta esibita fino al flagrante ricorso della scoperta del mostro che inalbera una dialettica di stato- è quello stato che ne vediamo poi riflessa alla base una insinuata e ansiosa anemica del cinema di genere, che rifugge nel prevalente ma mai nell assente di quello che puo' produrre a livello enerigco. forse un fumetto o un cartone ma non un cinema che richiede eccessi se non conditi del sapore popolare del burattino informe .se ne ritrae molti aspetto di natura piacevole se non lo si rivede nella sua vera varieta' di elementi diretti che non separano un film nel suo insieme storico.
il cinema japponese ricalca la sua vera soglia del proibito mostrare senza avere rivalse ne commenti da assumere come antefatti.
questo gozilla ne è un esempio portante-

_Hollow_  @  24/07/2017 00:29:06
   8 / 10
Siete caduti così in basso negli ultimi tempi da capirci meno di faluggi? Annamo bene ..

Un film coi suoi difetti ma dove alla fine prevale il cervello di Anno, capace di realizzare un kaijou eiga finalmente atipico e più vicino all'originale, in cui Gojira torna ad essere l'emblema del nucleare fuori controllo (v. rimandi alla distruzione provocata dallo tsunami del 2011).
Tante denunce: al nucleare, ai metodi del governo (che gestisce, male, il prima e il dopo), alle potenze straniere (con gli americani che fan gli americani) e tanta altra roba che non sto ad elencare, perché i simbolismi, come da tradizione di Anno, son veramente tanti, e fate decisamente prima ad andarvi a leggere un qualche speciale a riguardo.
Ovviamente il target del film è più lo spettatore giapponese; per uno straniero certe cose risultan quasi impossibili da capire, ma basta informarsi nel caso.
Già il titolo, ad esempio, è una gran bella differenza rispetto al passato: Gojira è sempre stato scritto in katakana, l'alfabeto usato principalmente per tradurre parole straniere non presenti originalmente in giapponese. Ovviamente possono esserci diversi motivi a riguardo, come imputare il nucleare agli americani ma soprattutto lasciare il "mostro" in un alone di mistero, di ignoto. Adesso compare in katakana non solo il nome del mostro, ma pure l'aggettivo "shin", che senza esser scritto in kanji può avere, in giapponese, almeno una decina di significati. E ovviamente, come classico di Anno, molti di questi sono riferibili alla cosmologia di Evangelion. "Nuovo", "rinascita", "resurrezione", "morte", "quattro". Tutti elementi centrali nella poetica di Anno con forti legami alla cristianità. E sull'argomento mi fermo qui, se non conoscete Evangelion è affar vostro.
Tornando al film, veramente degna di nota rimane pure la colonna sonora. E anche qui il compositore è Shirō Sagisu, lo stesso di Evangelion. Per citarne una su tutte, ascoltate "Who will know (tragedy)" e godete della sua genialità, essendo praticamente un requiem per Godzilla stesso, dipinto come essere pensante, dotato di emozioni, e vittima. Ma l'ost è un vero e proprio forziere del tesoro con altre piccole perle come "Persecution of the masses". Ovviamente per godersele vanno contestualizzate e abbinate alle immagini, immagini che, ancora una volta, hanno un sapore molto forte di Evangelion con i suoi angeli.

Io il film l'ho visto svariato tempo fa, non in quei tre giorni in croce in cui è stato in due/tre sale a regione, quindi il voto, che alla fine è la cosa meno importante in un commento, prendetelo con le pinze. Potrebbe essere mezzo punto in meno come qualcosa in più.

Rimane il fatto che è il solito lavoro di Anno, fortemente simbolico e verboso (la sceneggiatura era lunga il doppio rispetto ad un film simile); ci son gusti e gusti e capisco possa non piacere (a me spesso non piacciono i lavori di O.Welles, ed è quasi eresia parlando di Cinema), ma un conto è non apprezzare, ad esempio, i ritmi, un altro è sputarci sopra e bollarlo come un brutto film senza capire una mazza di quel che è stato visto. Non sopporto la gente che spara sentenze come chi è tirato in causa nelle sequenze dal reale di The End of Evangelion. Guardatevi per quel che siete realmente come grazie ai poteri di Sogno nella scena della "convention sui cereali". A buon intenditor poche parole.

Manticora  @  09/07/2017 17:55:13
   6½ / 10
Hideaki Anno o lo si ama o lo si odia:
L'ho amato dal primo all'ultimo minuto di tutta la serie di evangelion, vista su MTV REGISTRATA E RIVISTA FINO A CONSUMARE LE VHS.
L'ho amato per la degna conclusione SEMPRE di Evangelion QUELL END CHE HA RISCRITTO I TOPOI DELL'ANIMAZIONE GIAPPONESE DEL 20 SECOLO.
Infine, mi ha sorpreso Evangelion 3.0 la rivisitazione in lungometraggi di TUTTA LA SERIE DI EVANGELION, che ha portato ad un capitolo semi-finale tragico in cui il dopo è PEGGIO , molto PEGGIO.
Ma con questo shin godzilla Hanno ha praticamente esaurito il tubetto del dentifricio, soprattutto perchè è un FILM CON ATTORI IN CARNE ED OSSA.
Intendiamoci, la messa in scena, gli attori e la storia funzionano, ma c'è sempre un ombra che si staglia dietro il re dei mostri, ebbene si il kajiu qui deve molto della sua interazione ad un ombra enorme e anche FASTIDIOSA a tratti, quella degli Eva, della Nerv e di Neo-Tokyo 3. Purtroppo è tutto DERIVATIVO DA EVANGELION, e questo più che aggiungere toglie. L'idea migliore, non a caso Anno è anche un discreto sceneggiatore, è l'idea di mostrare per la prima volta tutto dal punto di vista dei membri del governo giapponese, TUTTI I MEMBRI. In sostanza i pregi e difetti di questo collettivo mostrano anche i limiti della società nipponica. Così che emergono le anime di tutti i personaggi, con l'immancabile musichetta di Evangelion, ovviamente...
Però il film parla di Gojira, ed è quando il kajiu è in azione che il film acquista maggiore consistenza, anche se l'interazione con l'esercito assomiglia a quella con gli ANGELI. Manca solo l'ATFild e sarebbe il film di Evangelion, con annessi EVA. Indubbiamente

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Effetti speciali un pò più curati in certi casi avrebbero donato maggior fluidità e credibilità al film, così come il finale

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Insomma il film ha luci e ombre, che purtroppo ne fanno un capolavoro mancato, ed è un peccato perchè Anno ha ancora parecchio da narrare credo.

Strix  @  07/07/2017 20:13:32
   4 / 10
Sarà che non sono un orientofilo, ma di questa boiata proprio non si sentiva l'esigenza.
Semplicemente è un film che non ha nulla da dire, non aggiunge nulla alla mitologia di Godzilla.

Certe cose lasciamole fare agli americani, meglio un film vuoto fatto bene che un film vuoto fatto...male (eufemismo).

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/07/2017 10.43.09
Visualizza / Rispondi al commento
faluggi  @  05/07/2017 22:27:56
   10 / 10
C-A-P-O-L-A-V-O-R-O finalmente un Gozzilla che rispecchia l'originale giapponese del '54, e non intendo la vaccata versione americana riadattata con scene ex-novo, ma proprio quella giapponese da noi uscita solo coi sottotitoli.

Gli americani ormai col cinema sono plebei, i giapponesi invece sono i veri maestri, Anno, quello di Evangelion per capirsi, prende Gojira dopo che sono stati fatti 780 film seguiti trashoni e ci tuori fuori un filmone registicamente perfetto e recitato come si deve.

Il tizio che sotto ha messo 2 probabilmente non l'ha visto.

2 risposte al commento
Ultima risposta 08/07/2017 15.02.45
Visualizza / Rispondi al commento
lucasssss  @  05/07/2017 17:54:39
   2 / 10
una domanda........ non ho ben capito se questo film e un restyling di quello del 1954 o un film ex novo, ma suppongo si tratti della seconda ipotesi

ebbene si, allora assolutamente da evitare

indecente sotto tutti gli aspetti, a partire dal mostro prima di evolversi, pare un pupazzo dei muppet show, ridicolo

e poi, anche da evoluto, sempre statico, senza espressione, sembra un manga giapponese di pessima qualità

e che dire degli attori, recitato da cani, ripetitivo, sensa senso, inutile

beh, oltre alle due ore perse in sala non voglio perdere altro tempo


......uomo avvertito mezzo salvato!!!!!!!





ciao
Lucasssss


P:S: con il voto mi sono tenuto largo!!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 18/08/2017 13.06.00
Visualizza / Rispondi al commento
mikeP92  @  04/07/2017 11:23:05
   5½ / 10
Nonostante il film possieda uno stile registico inusuale ma interessante, con didascalie, veloci cambi di scena, numerosi primissimi piani alla faccia dei singoli attori per simulare gli interlocutori, non merita la sufficienza. I problemi sono più o meno gli stessi del film di Edwards, ovvero che Godzilla fa troppo poco e si dà eccessivo risalto al lato umano. Hanno cercato in tutti i modi di costruire una sceneggiatura originale con una trama così trita e ci sono riusciti ma il ritmo narrativo ne ha risentito troppo. Evidentemente tutti questi monster movie hanno fatto il loro tempo.

2 risposte al commento
Ultima risposta 19/09/2017 16.02.24
Visualizza / Rispondi al commento
fistignaccheri  @  03/07/2017 20:23:24
   8½ / 10
Un gran bel Kaiju Movie !

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

120 battiti al minuto19222 biglietti della lotteria40 sono i nuovi 20addio fottuti musi verdi
 NEW
agadahalibi.comall eyez on meammore e malavitaappuntamento al parcoauguri per la tua mortebaby driver - il genio della fugababylon sistersbarry seal - una storia americana
 HOT
blade runner 2049borg mcenroebrutti e cattivicapitan mutanda: il filmcars 3chi m'ha vistocold groundcome ti ammazzo il bodyguardcosi' parlo' de crescenzocure a domiciliodavid gilmour - live at pompeiideath ward 13dementia 13dove cadono le ombredove non ho mai abitatoearth - one amazing dayemoji - accendi le emozioniferrante feverfinche' c'e' prosecco c'e' speranzafottute!franca: chaos and creationfuori c'e' un mondogatta cenerentolageostormgifted - il dono del talentogli asteroidiglory - non c'e' tempo per gli onestigood timehouse on elm lakehuman flowibiil colore nascosto delle coseil contagioil culto di chuckyil mio godardil palazzo del vicere'
 NEW
i'm - infinita come lo spazioin dubious battle - il coraggio degli ultimiin questo angolo di mondo
 HOT
it (2017)ivory. a crime storyjohnny gruesomejukai - la foresta dei suicidi
 NEW
justice leaguekingsman: il cerchio d'orokoudelka fotografa la terra santal’ordine delle cosela battaglia dei sessi (2017)
 NEW
la casa di famigliala forma della vocela fratellanza (2017)la ragazza nella nebbia
 NEW
la signora dello zoo di varsavial'altra meta' della storialbjleatherfacelego ninjago - il filml'equilibriol'esodo
 NEW
lezione di pittural'incredibile vita di normanl'inganno (2017)l'intrusa (2017)loving vincent
 NEW
l'ultimo sole della nottel'uomo dal cuore di ferrol'uomo di nevemade in china napoletanomadre!malarazzamanifestomarrowbonemazinga z - infinitymiss sloane - giochi di poteremistero a crooked housemonster familymr. ovemy name is adilmy name is emilynemesinever ending man - hayao miyazakinico, 1988noi siamo tuttonon c'e' camponove lune e mezza
 NEW
ogni tuo respirootherlifepaddington 2party bus to hell
 NEW
pipě, pupů e rosmarina in il mistero delle note rapitepokemon: scelgo te!renegades - commando d'assaltoritorno in borgognarock paper deadsaw: legacyterapia di coppia per amanti
 NEW
the big sick
 NEW
the broken keythe devil's candythe midnight manthe night watchmenthe paris operathe placethe ritualthe square (2017)the teacherthe third murderthor: ragnaroktiro liberotragedy girlsuna di noiuna donna fantasticauna famigliauna questione privata (2017)una scomoda verita' 2valerian e la citta' dei mille pianetivampirettovelenivelenovita da giungla: alla riscossa! - il filmvittoria e abdulwalk with mewe are x

964433 commenti su 38334 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net