il centro del mondo regia di Alain Tanner Svizzera 1974
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il centro del mondo (1974)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL CENTRO DEL MONDO

Titolo Originale: LE MILIEU DU MONDE

RegiaAlain Tanner

InterpretiPhilippe LÚotard, Olimpia Carlisi, Juliet Berto, Denise PÚron

Durata: h 1.52
NazionalitàSvizzera 1974
Generedrammatico
Al cinema nell'Agosto 1974

•  Altri film di Alain Tanner

Trama del film Il centro del mondo

Paul (LÚotard) Ŕ riuscito a fare carriera, ora Ŕ dirigente di una piccola azienda ed Ŕ candidato alle elezioni comunali. Durante una riunione incontra Adriana (Carlisi), emigrata italiana che lavora in un bistrot: sola e indipendente. Paul si innamora di lei e ne fa la sua amante, con il risultato che alla fine perde le elezioni. Quando poi Paul chiede ad Adriana di sposarlo, lei rifiuta e va a lavorare in fabbrica: la libertÓ, prima di tutto.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,00 / 10 (1 voti)7,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il centro del mondo, 1 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Crimson  @  29/04/2013 15:14:07
   7 / 10
Luogo: il centro del mondo. Tempo: anni '70, ovvero è in corso la "normalizzazione" sociale, politica e economica che mortifica la speranza di un cambiamento. Per rappresentare il processo di stagnazione viene inventato l'ambiente: Moruz (il paese in cui approda e lavora Adriana) e Eligoz (il paese di Paul con il ristorante 'Il centro del mondo') sono fittizi così come il partito centrista di cui Paul diviene candidato. I due sceneggiatori dunque realizzano un "centro" inesistente nella realtà per rappresentare l'epoca del film, il preciso momento storico che viene colto in tempo reale. Il processo di verosimiglianza dei ritratti descritti segue il solito corso. Il candidato Paul viene scelto perchè ha tutte le caratteristiche del politico (classe a cui neppure appartiene) medio, neutrale, con famiglia e una carriera promettente in divenire. Un film politico di quegli anni avrebbe probabilmente messo in scena l'appiattimento del protagonista, inghiottito dalla sete di potere e ruolizzato nella sua nuova identità. Ma al duo Berger e Tanner interessa il contrario, ossia raccontare ciò che il protagonista non diventa. Man mano che il film scorre i suoi interventi pubblici vengono smorzati fino a sgonfiarsi del tutto. Alla fine Paul riferisce ad Adriana di aver perso le elezioni ma ormai la trama del film è totalmente assorbita da altro. Come per La salamandra la superficie si sgretola a poco a poco per lasciar spazio alle altre pieghe del film. Stavolta però siamo dinanzi ad un'idea di Cinema più maturo ed intimista. La reiterazione delle sequenze degli amplessi crea un effetto di straniamento della coppia rispetto a tutto il resto. Un abile sovraddosaggio di lande innevate investe i protagonisti. La camera lentamente mobile coglie situazioni stantìe.Viene generato un effetto singolare di torpore che fa da contrappunto alla passionalità apparente che la coppia sprigiona. Se in ogni film del regista elvetico i personaggi intessendo legami tra loro effettuano uno scambio, ciò avviene anche ne Il centro del mondo. Gli spostamenti continui di Paul da un paese all'altro scalfiscono il ruolo a cui si è legato (famiglia e lavoro) verso la costruzione di un futuro che persegua la sua volontà. Di che natura essa sia, non ha molta importanza. Paul non è un personaggio negativo o positivo, semplicemente agisce e realizza un'idea di Adriana. "Sa quello che vuole".
La cameriera italiana al contrario "sa quel che non vuole". Non può rinunciare alla propria libertà. Quando Paul le comunica che divorzierà e vuole convivere con lei, fugge. Si legge che Tanner sia portavoce di un cinema utopico. Senz'altro in altre pellicole questa è una parola adatta a determinare quella sensazione prevalente. Ne Le milieu du monde, complice l'abbandono dei toni grotteschi, la voce off finale suona come un macigno. Malgrado ciò non ci resta neppure un senso di sconforto. Adriana non soccombe, sceglie. La storia d'amore è un compromesso nell'inciso politico del film. Tanner è tra i pochi cineasti ad aver rapportato efficacemente l'ombra connettiva del momento storico e politico alle relazioni umane. Olimpia Carlisi mette a nudo integralmente il proprio corpo e la propria anima nel rappresentare un personaggio limpido e sincero. Philippe Leotard nel suo momento migliore di attore (nello stesso anno nello straziante film di Pialat La guele ouverte) è il vettore del film e determina sul suo personaggio la direzione dell'intera pellicola.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giorno
 NEW
arrivederci professoreasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebanglabeautiful boy (2018)bene ma non benissimoblue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaoche fare quando il mondo e' in fiamme?christo - walking on waterclimax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sistersi morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposa
 NEW
il flauto magico di piazza vittorioil grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikursk
 NEW
la bambola assassina (2019)la caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del male
 NEW
la prima vacanza non si scorda mail'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietato
 NEW
lucania - terra sangue e magial'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema cosa ci dice il cervellomaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormalnureyev. il mondo, il suo palcooro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleaners
 NEW
rapina a stoccolmarapiscimired joanrocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!shelter: addio all'eden
 NEW
sir - cenerentola a mumbaisoledadsolo cose bellestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abisso
 NEW
the elevatorthe intruder (2019)the mirror and the rascaltorna a casa, jimi!tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark webwonder parkx-men: dark phoenix

989087 commenti su 41450 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net