climax (2018) regia di Gaspar NoÚ Francia 2018
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

climax (2018Film Novità

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CLIMAX (2018)

Titolo Originale: CLIMAX

RegiaGaspar NoÚ

InterpretiSofia Boutella, Romain Guillermic, Souheila Yacoub, Smile Kiddy, Claude Gajan Maude

Durata: h 1.35
NazionalitàFrancia 2018
Generehorror
Al cinema nel Giugno 2019

•  Altri film di Gaspar NoÚ

Trama del film Climax (2018)

Un gruppo di giovani viene drogato senza apparente motivo ma non tutti reagiscono allo stesso modo.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,29 / 10 (7 voti)7,29Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Climax (2018), 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

7219415  @  05/05/2019 19:41:29
   8 / 10
Belle le scene di ballo, bella e incalzane la musica, riprese dall'alto e capovolte, citazione di Possession, un bel delirio. Bel film

Oskarsson88  @  05/05/2019 17:42:07
   8 / 10
Molto di stile, classici magaggi alla Noè, e citazioni varie tra cui esplicitissimo Possession. Sul finale un po' forse troppo lento, ma nel complesso molto bello e originale. Il finale mi è piaciuto molto

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  28/03/2019 22:57:19
   7½ / 10
Immagini in VHS dove i giovani protagonisti rivelano i loro sogni ed ambizioni. A lato di queste registrazioni, lo scaffale con i precisi riferimenti cinematografici di questo film di Noè: Suspiria, Zombie, Possession e tanti altri. Una normale festa di ballo condita da sangria "allungata" con LSD, diventa un rito baccanale dove si oltrepassano le barriere, si abbatte ogni punto di riferimento sociologico e culturale e si dà libero sfogo al puro istinto primordiale in un inferno distruttivo ed autolesionista, dove il tambur battente della musica eletrronica è il tappeto ipnotico della follia pura. Noè può non piacere questo è certo, ma il suo cinema non lascia mai indifferenti. Come viaggiare in mare accompagnati da un uragano, in cui il lungo piano sequenza accompagna i personaggi nel loro inferno personale, chiusi come dei topi in gabbia.

Jolly Roger  @  22/03/2019 11:15:37
   7½ / 10

Molto disturbante, molto intelligente, ma anche un po' troppo manieristico e forzato.

______________________________Spoileroso_____________________________

I punti di riferimento non esistono più.
Gli ideali non esistono più. E, anche laddove ancora esistano, suonano tanto pomposi e tanto urlati da risultare vuoti e falsi – come, ad esempio, la gigantesca bandiera francese, che fa il paio con la frase in sovrimpressione: "un film francese, orgoglioso di esserlo".
Perché oggi anche l'amor patrio, come tante altre cose, è urlato da ignoranti che l'amor patrio manco sanno cos'è, se non una scusa per avercela con qualcun altro, come il tifo per la squadra di calcio, o per sentirsi migliori per nascita, visto che di meriti non se ne vede alcuno.
W la Francia suona qui come sinonimo di W la libertà.
Una libertà pomposa e urlata, tanto da risultare anch'essa vuota, priva di riferimenti e ideali, e falsa – perché, con segno opposto, diventa opprimente come la stessa privazione della libertà. E così, mentre una ballerina ci dice che "E' giusto scegliere se abortire o no", appare una frase in sovraimpressione che dice "il nascituro non può scegliere di nascere un'altra volta". Non mi pare una critica all'aborto (o almeno io non l'ho letta come tale), pare invece una riflessione intelligente sull'aspetto più pericoloso di questa libertà "sfrenata", ovvero la perdita del significato delle cose, del loro valore, il pericolo che l'assenza di (errati) limiti esterni si ripercuota però sulla cancellazione di (idonei) limiti interni, quelli imposti dal buon senso, della morale, dalla nostra stessa umanità. Non quindi una critica alla libertà in sé, ma ai suoi effetti collaterali: una massa di zombi che si muove con apparente sinuosità in balli che, con il procedere della festa, diventano sempre più isolati e spersonalizzati, come se i ballerini fossero automi, animali meccanici, "cose" che si muovono in modo alienato e creando un effetto grottesco, come quello che avrebbero la musica ed il movimento della ballerina di un carillon se il meccanismo partisse improvvisamente in un teatro di guerra.
La telecamera ruota vorticosamente tra i ballerini ad imitare lo stesso movimento vorticoso delle loro anime che, in questa gigantesca placenta, galleggiano vorticosamente superando i limiti di ogni legge o morale, in una spirale discendente che conduce ad un mondo sottosopra, dove tutta la sporcizia interiore, che ribolle in loro - repressa - nella vita quotidiana e che spesso viene sublimata in voglia di sballarsi, sfonda il coperchio e viene a galla, priva ormai di ogni argine.
Viene a galla la rivalità estrema, nascosta sotto orde di reciproci complimenti melensi e smancerie dopo il primo ballo, tra i ballerini che si accusano l'un l'altro di aver drogato la sangria fino a insultarsi, picchiarsi o a uccidersi.
Vengono a galla l'astio e l'invidia, che culminano con l'aborto procurato a calci.
Vengono a galla gli istinti incestuosi di un fratello nei confronti della sorella.
E anche un bambino, in questo mondo distorto e al contrario, può diventare "colpevole", perché con la sua nascita ha "rovinato" la carriera come ballerina di sua madre, un bambino che finisce per essere "nascosto" in uno sgabuzzino per proteggerlo da un mondo alla quale la madre appartiene, senza riuscire a rinunciarne fino in fondo.
La sangria è la chiave che sprigiona i demoni. Ma la sangria è stata realmente drogata con LSD? Oppure no? E se sì, chi avrebbe messo la droga? E soprattutto perché?
Sono domande che non hanno risposta, perché nella vita di tutti i giorni non ce l'hanno. Ognuno vive e vede la sua piccola parte del tutto, così piccola da non poter comprendere più il senso globale, senza più capire il chi, il cosa ed il perché, ed arrivando a smettere di chiederselo nell'impossibilità di avere una risposta. Gli unici punti fermi sono gli uomini della polizia, in piedi ed immobili nell'ultima scena, e il loro cane che sembra un cerbero, stagliato come un'ombra su una porta che si apre su un mondo rosso, straniante e sottosopra, come l'Inferno, dove le anime stanno appese ad un filo e ondeggiano a testa in giù, come pendoli senza senso.

C'è però una scena, alla fine, che mi lascia un forte dubbio.
Una ragazza, in camera, con un libro intitolato "LSD" sul letto, che si mette il collirio negli occhi (probabilmente corretto con la droga). Infatti, il suo sguardo si rivolge al cielo, completamente in estasi – e il suo viso sfuma in un bianco lattiginoso, proprio come se stesse vedendo il Paradiso.
Forse è stata lei a drogare tutti.
E forse non c'è un perché.
Lo ha fatto solo per lo sballo.
Solo per vedere il Paradiso.
Solo perché altri vedessero il Paradiso con lei.
Poco importa se qualcuno, lungo il "viaggio", ci rimette le penne – perché anche "morire è un'esperienza meravigliosa". Sì, anche morire è uno sballo.

Forse, quindi, siamo noi ad accanirci troppo, ogni volta, a cercare un Chi, un Cosa, un Perché.
Spesso abbiamo già tutte le risposte davanti agli occhi e la spiegazione è così semplice, anzi così stupida, che il nostro cervello non riesce nemmeno a categorizzarla e renderla intellegibile, o comunque digeribile.

VincVega  @  28/02/2019 08:53:20
   7 / 10
Gaspar Noè dimostra ancora una volta di saperci fare eccome dietro la macchina da presa, tra piani sequenza e virtuosismi tecnici, insieme alle sue sceneggiature non proprio adatte a tutti. Questo è il suo modo di fare cinema e, piaccia o no, è riconoscibile nella sua soggettività di autore. Ma questo si sa e la cosa continua con "Climax", un dramma horror musicale (non musical), piuttosto semplice nella trama (prima parte, presentazione personaggi-seconda, delirio), ma girato in modo anti-commerciale (ci sono anche i titoli di testa a metà film). E' un esercizio di stile? Non so, comunque sia disturbante è dire poco. Perfetta la colonna sonora.

1 risposta al commento
Ultima risposta 28/02/2019 08.54.48
Visualizza / Rispondi al commento
Larry Filmaiolo  @  05/02/2019 16:05:04
   4½ / 10
Noe fa lo stesso film, o meglio si segha allo stesso modo (a testa in giu' tipo opossum appeso a una sbarra di titanio, mentre con l'altra mano shakera una camera nella luce purpurea) da anni. Se i dialoghi tra due afrofrancesi intenti a contemplare e illustrarsi a vicenda il piacere della sodomia sono la cosa piu' interessante c'e' qualcosa che non va nevvero Gasparone. Meglio di Love in ogni caso, anche se in certi frangenti piu' ridicolo (ed e' dir tanto).
Ah, bellissime donne come sempre, ma si sa il Gasparone apprezza

5 risposte al commento
Ultima risposta 06/02/2019 13.51.25
Visualizza / Rispondi al commento
Spera  @  27/01/2019 22:39:58
   8½ / 10
Gaspar Noè ha in serbo per noi l'ennesimo viaggio all'inferno.
Visto durante il Milano Film Festival, la proiezione si è aperta con un avviso agli spettatori da parte dell'organizzatore riguardo il fatto che il film avrebbe potuto, in alcuni passaggi, essere offensivo o disturbante...turbando così le nostre già, abbastanza, turbate vite.
Così iniziava il film.
Un vero viaggio. Un brutto viaggio.
Di quelli dove il cuore batte forte e ti senti soffocare.
I film di Noè sono così, li ami perchè ti fanno del male perchè vuoi arrivare a toccare quella profondità che in pochi sanno raggiungere.

La sua filmografia è immensa ma ci vuole coraggio.
Non per tutti.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebangla
 NEW
beautiful boy (2018)bene ma non benissimo
 NEW
blue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaoche fare quando il mondo e' in fiamme?
 NEW
christo - walking on water
 NEW
climax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sisters
 NEW
i morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposa
 NEW
il grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malel'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatol'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema cosa ci dice il cervello
 NEW
maryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormaloro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapiscimired joanrocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!
 NEW
shelter: addio all'eden
 NEW
soledadsolo cose bellestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe intruder (2019)the mirror and the rascaltorna a casa, jimi!tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark webwonder parkx-men: dark phoenix

988876 commenti su 41438 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net