io, daniel blake regia di Ken Loach Gran Bretagna, Francia 2016
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

io, daniel blake (2016)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IO, DANIEL BLAKE

Titolo Originale: I, DANIEL BLAKE

RegiaKen Loach

InterpretiHayley Squires, Micky McGregor, Natalie Ann Jamieson, Dave Johnson, Colin Coombs

Durata: h 1.40
NazionalitàGran Bretagna, Francia 2016
Generedrammatico
Al cinema nell'Ottobre 2016

•  Altri film di Ken Loach

Trama del film Io, daniel blake

Per la prima volta nella sua vita, Daniel Blake, un falegname di New Castle di 59 anni, è costretto a chiedere un sussidio statale in seguito a una grave crisi cardiaca. Il suo medico gli ha proibito di lavorare, ma a causa di incredibili incongruenze burocratiche si trova nell'assurda condizione di dover comunque cercare lavoro - pena una severa sanzione - mentre aspetta che venga approvata la sua richiesta di indennità per malattia. Durante una delle sue visite regolari al centro per l'impiego, Daniel incontra Katie, giovane madre single di due figli piccoli che non riesce a trovare lavoro. Entrambi stretti nella morsa delle aberrazioni amministrative della Gran Bretagna di oggi, Daniel e Katie stringono un legame di amicizia speciale, cercando come possono di aiutarsi e darsi coraggio mentre tutto sembra beffardamente complicato.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,06 / 10 (18 voti)8,06Grafico
Miglior film dell'Unione Europea
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior film dell'Unione Europea
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Io, daniel blake, 18 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Spera  @  22/06/2017 09:23:14
   7 / 10
Riproposto ieri al cinema all'aperto non mi sono perso l'occasione di vedere questo film sul grande schermo.
Ken Loach mi piace molto e non delude mai, uno dei pochi capaci di farti ribollire il sangue già nei primi 3 minuti di film, questa volta senza nemmeno le immagini: geniale il dialogo iniziale sui titoli di testa.
Questo è un film necessario e attualissimo che, nonostante qualche difettuccio (qualche passaggio ripetitivo/didascalico ma obbligato e qualche dissolvenza a nero di troppo), riesce a convincere con la sua critica feroce verso la burocrazia moderna (più volte ho pensato al modulo A38 di Asterix); burocrazia che ormai sembra essere in tutto e per tutto un' azienda al servizio dello stato che produce ricchezza a scapito dei propri cittadino (c'è di mezzo anche una società americana, figuriamoci).
E' un pezzo grosso quello buttato sul piatto dal regista, che schifo che fa il mondo degli uomini, per fortuna ogni tanto qualche cittadino tosto alla Blake c'è ma il prezzo da pagare per questa tenacia è spesso molto alto.
La critica di Loach verso il sistema appare limpida, chiara e senza fronzoli, scondita di tutti i clichè, i buonismi strappalacrime e le ipocrisie che caratterizzano il cinema hollywoodiano.
Loach rimane un regista da seguire e apprezzare come ce ne sono ancora pochi in giro, uno dei miei preferiti sui temi sociali.
Purtroppo un voto in meno per il doppiatore di Robin Williams, hanno proprio toppato: ci voleva una voce più profonda e risoluta per questo personaggio, qui si stempera troppo con quel tono e sembra sempre di stare in una mezza commedia (capiamoci una sottile ironia di fondo c'è, voluta, e l'ho apprezzata tutta ma qui la questione è un altra). Il tono dato al protagonista mi ha estraniato dal primo minuto di film, peccato perchè una voce adeguata avrebbe dato un peso diverso alla vicenda.
Comunque sia non perdetelo per nessun motivo e se potete guardatelo in lingua originale.

Thorondir  @  16/06/2017 15:29:20
   7½ / 10
Amo la straordinaria sobrietà registica ed evocativa di Ken Loach, il suo saper rendere lancinante storie di vita vera senza doverle inzuccherare come accade oltreoceano e il suo essere completamente avulso dai normali schemi produttivi. Per esempio in questo film non esiste colonna sonora, non ci sono enfatizzazioni, ma solo la storia di Daniel Blake, cocciuto e testardo cittadino. Forse c'è una sceneggiatura a tratti banalotta, ma non si può non amare il cinema di Ken Loach, perchè è un cinema che documenta, rende reale, non filtra il realismo per la voglia di spettacolarizzare. Ne servirebbero molti di più come lui.

topsecret  @  26/05/2017 22:26:56
   7½ / 10
Tutto il mondo è paese quando si tratta di burocrazia lenta e contraddittoria che lede la dignità umana.
E Ken Loach è un maestro nel trattare argomenti che riguardano la classe operaia, il ceto medio, la cosiddetta middle class inglese, con le problematiche, le necessità e le mancanze che ruotano attorno ad essa. IO, DANIEL BLAKE è una pellicola molto intensa, capace di coinvolgere e far riflettere senza la necessità dell'uso massiccio di retorica, che pure esiste ma non è inficiante o banale, rendendoci partecipi delle emozioni e delle sofferenze che vivono i protagonisti, ai quali va un plauso per come vengono caratterizzati e interpretati da un cast abile e credibile.
La storia non cala mai di tono, non cerca di calcare troppo la mano per arruffianarsi il pubblico e non tenta la carta della facile enfatizzazione per strappare consensi, poichè la storia funziona ed è ben costruita che non ha bisogno di certe furbate.
Un film da vedere e consigliare.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  24/05/2017 23:46:21
   7½ / 10
Quando entri nelle maglie della burocrazia statale sei finito. E ci finisce dritto Daniel Blake, uomo onesto e cristallino che per la prima volta in vita sua chiede aiuto allo Stato. Lo Stato risponde nella maniera peggiore e disumana. Ormai il cosidetto stato sociale in molti paesi si è disgregato sotto le maglie di burocrati che guardano grafici, statistiche e numeri e ignorano le persone. Invece di ricevere tutele lo Stato mostra tutte le sue contraddizioni e la condizione di Daniel Blake esprime questo paradosso, grottesco e purtroppo tragico. Loach non è certo nuovo a film di questo genere. E' un regista che a volte si lascia anche trasportare, ma possiede uno sguardo sincero ed onesto proprio su tematiche che possono sembrare vecchie, ma sono sempre attuali. Cambiano i modi e le forme di una sostanza che rimane immutabile e proprio per questo che Loach va a segno, fin dalle primissime battute sul colloquio iniziale sui titoli di testa. Se lo ascoltate in lingua originale è difficile rimanere freddi. Ciò che dice quella voce e la tonalità della voce stessa, verrebbe voglia istintivamente di strangolare quella persona senza pietà.

polbot  @  26/04/2017 14:27:29
   9 / 10
Neorealismo del nuovo millennio. Asciutto, quanto efficace e profondo. Al nocciolo di un'assurda "evoluzione"

barone_rosso  @  04/04/2017 17:37:33
   7 / 10
Triste e realistico, ma ciò non basta per definirlo un capolavoro. Le interpretazioni sono ottime al punto che sembra quasi di assistere a un documentario con i protagonisti della vicenda in carne ed ossa, purtroppo non essendo un documentario, ma un film, quello che manca è una vera trama degna di tale nome.

davmus  @  02/04/2017 12:54:33
   5 / 10
Vera la storia, ma noiosa la narrazione

wicker  @  27/03/2017 17:58:03
   7½ / 10
Solito film di denuncia sociale di Loach ..
Veramente molto triste ,soffocante e alla fine provoca tanta rabbia e sconforto per ciò che accade al protagonista ..
Forse non il Loach migliore per brillantezza e energia ,ma comunque sempre di grandissimo impatto e empatia .

Oskarsson88  @  28/02/2017 11:11:28
   7½ / 10
Triste film di denuncia con accenti da denuncia (vecchia Newcastle, come si fa a capirti). Jokes apart, molto bene, queste tipologie di film sono necessarie a far vedere le ombre della società!

7219415  @  28/02/2017 00:50:08
   8 / 10
molto triste e realistico

marimito  @  12/01/2017 21:25:45
   7½ / 10
Toccante, dolce, deprimente.. Però anche un monito per una maggiore umanità burocratica, una riprova commovente di tante realtà quotidiane e di come basterebbe poco per un mondo che si dica "umano". Ovviamente lacrime in quantità.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  16/12/2016 18:17:44
   9 / 10
Visto al cinema con grande soddisfazione, in quanto si tratta di una pellicola semplicissima che senza riguardo ti prende a calci nello stomaco. Un'acuta e diretta riflessione sullo schifo imperante nel mondo del lavoro. Visione quasi obbligata.

suzuki71  @  20/11/2016 08:22:34
   7 / 10
Bello e scontato, questo film è la solita (?) critica sociale tanto cara al regista britannico; si analizza il fenomeno della povertà borghese, la fortuna di ritrovare la solidarietà delle persone, l'assurdità della burocrazia di cui tutti siamo purtroppo vittima (in un modo o nell'altro) , con uno script molto prevedibile non scevra di critica morale in realtà borghesissima

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Una denuncia solida come una roccia, un film probabilmente necessario e importante per come analizza un fenomeno allarmante ma che a me, nel complesso, non ha entusiasmato particolarmente.

Manticora  @  08/11/2016 15:52:44
   10 / 10
E inutile dirlo,ma lo dico lo stesso, l'ultima opera di Ken Loach è qualcosa che mancava da MOOOLTO tempo. Il regista inglese non è mai sceso a compromessi, ha esplorato tutti i registi e (quasi) tutte le tematiche sociali,politiche e di lotta della società inglese. Con questo io, Daniel Blake ancora una volta ci sbatte in faccia il calvario del protagonista,un uomo, un falegname ma soprattutto una PERSONA. Ed è qualcosa che ti scuote, NON SOLO LA DISUMANITA della società inglese, ma potrebbe essere anche quella nostrana per quel che vale. E il senso di impotenza,solitudine e sconfitta che accompagnano il protagonista, cosi come quello della protagonista, Katie che fà di tutto per i figli, per proteggerli. In quella scena al banco del cinema mi sono commosso, senza enfasi Ken colpisce dove fà più male, ed è la sua PIETA E COMPASSIONE che ti fanno sperare nel cambiamento,nella solidarietà, perchè i suoi personaggi nonostante sbattano contro il muro dell'indifferenza,delle minacce,dello sfruttamento e dell'oppressione, si rialzano, e continuano a farlo, e la natura umana. Oltre a questo il finale mi ha spiazzato, e con

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Questo film dovrebbe essere visto OVUNQUE, perchè è la nostra società che mostra, e quello che siamo diventati, spero che Ken continui a raccontare le storie delle persone "normali" perchè c'è ne sempre bisogno.

bacci88  @  03/11/2016 02:41:22
   10 / 10
Quella in cui, su idea della mia ragazza, abbiamo assistito alla proiezione dell'ultima fatica di Ken Loach, la ricordo come una delle più belle serate al cinema da molto, molto tempo a questa parte. Anche la sala, vecchia e lontanissima per aspetto e filosofia dagli onnipresenti e asettici multisala a cui purtroppo abbiamo finito per abituarci negli ultimi anni ha contribuito a rendere la serata unica, poltrone scricchiolanti comprese. Tutto questo é solo la cornice, perché il fulcro della serata, il film, é di quelli che come capita molto di rado (almeno a me, pensando alle recenti visioni) segnano in profondità e rimangono a lungo impressi nella mente. Infatti mi ritrovo a pensare spesso a molte sequenze del film ancora oggi che ormai sono passati già parecchi giorni dalla visione. La lotta drammatica di Daniel Blake contro il muro della burocrazia, la rappresentazione così cruda e realistica delle condizioni di vita di quella fascia della popolazione a cui il regista ha dedicato molta della sua filmografia non può lasciare indifferenti (ci sono due punti almeno in cui il film mi ha proprio "spezzato"qualcosa dentro, la prima é stata la scena del banco alimentare e la seconda é il discorso finale, due momenti in cui é in scena la ragazza aiutata dal protagonista. Ecco, una cosa che credo non si possa fare a meno che trovare commovente é la solidarietà che si instaura tra i più deboli, quel piccolo barlume di speranza che si intravede quando c'é dell'aiuto disinteressato tra persone in difficoltà. Il film rende chiaro che meccanismo perverso della burocrazia non cambia e non potrà cambiare mai (nonostante nel film anche da quel lato della barricata ci sia almeno una impiegata che prende a cuore il caso di Daniel) come esemplificato dal finale-beffa, e quel che potrà fare la differenza a livello umano é proprio quel che ognuno di noi può fare per aiutare il suo prossimo, anche nelle sue limitate possibilità. Saranno riflessioni banali ma il film mi ha indotto anche a una autocritica piuttosto seria, su quel che sono le responsabilità e i comportamenti che adotto o adottiamo nella vita di tutti i giorni. Il film poteva anche essere più crudo e amaro di cosi, mostrando anche lotte, soprusi e meschinità tra gli sfortunati, e nonostante anche tra chi ti tende una mano possa poi nascondersi qualcuno che ti trascina ancora più in basso, Loach ha scelto di rappresentare questa solidarietà tra simili, tra cittadini, tra uomini che non ho potuto fare a meno che trovare commovente. Non mi interessa se qualcuno potrà trovare questo un film facile, acchiappa-lacrime o con un po' di retorica (per me non é questo il caso) o ancora qualche imperfezione tecnica o altri difetti. Per me il film é realizzato con una semplicità e naturalezza incredibile, e spero sinceramente che possano vederlo e apprezzarlo in molti.

xymox  @  02/11/2016 10:42:43
   9½ / 10
Uno dei migliori film di questo grandissimo regista.
Descrizione delle condizioni di vita dei ceti meno abbienti, questa volta mette in risalto le problematiche della burocrazia inglese

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  29/10/2016 00:17:26
   8½ / 10
Girato in un contesto sociale da Inghilterra post-Brexit, il nuovo film di Loach -per inciso uno dei suoi migliori dopo anni di lavori sinceri ma transitori - ci spazza via il cuore per quanto e' autentico, commovente e dignitosamente doloroso. Un film che mi ha fatto (del) male, visto che sto vivendo una situazione simile e a certe umiliazioni morali non ci si puo' mai abituare. Bellissimo anche il personaggio di Katie (che attrice, questa mi sconosciuta Hayley Squires!), le profonde ferite degli altri che non vogliamo riconoscere (e ci metto anche qualcosa di mio, visto che ho perso amici da quando mi trovo in difficolta'). Il film magari non aggiunge molto al cinema di Loach ma racconta la Realta' in modo ammirevole. Forse solo il minimalismo quotidiano al cinema raggiunge certi livelli di intensita'. Uno dei migliori film dell'anno

eruyomè  @  24/10/2016 15:18:25
   10 / 10
A me, che il film non sia perfetto, e che a volte calchi forse la mano un po' troppo nel didascalico, non me ne può fregare di meno.
Questo, oggi, è il cinema che va fatto. Punto. Sempre che si voglia ancora produrre qualcosa di moralmente degno e significativo.
Che Ken Loach, a 80 anni, sia rimasto l'unico in circolazione a fotografare la realtà sociale (e a farlo così dannatamente bene, così dannatamente d'impatto!), essendo forse uno dei pochi a cui freghi ancora qualcosa, beh, è deprimente.

Un film necessario. E bellissimo, nobile nella sua tragica e dolente drammaticità.

(La scena al Banco alimentare mi ha spezzato. Il discorso finale è semplicemente perfetto. Vero e dignitoso, pulito. Non una parola di più, non una di meno).

2 risposte al commento
Ultima risposta 30/10/2016 21.39.15
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

2night47 metri7 minuti dopo mezzanotte
 T
a casa nostra (2017)acqua di marzoadorabile nemicaalamar
 R T
alcolista
 HOT
alien: covenant
 T
altin in citta'annabelle 2aspettando il rebaby bossbaywatchbesetmentbolshoi babylonboston - caccia all'uomobugs (2017)chirurgo ribelle
 NEW
civilta' perdutacodice unlockedcorniche kennedycuori puridue uomini, quattro donne e una mucca depressae se mi comprassi una sedia?east endescape roomfamiglia all'improvviso - istruzioni non incluse
 T
fast and furious 8fortunata
 NEW
girotondogold - la grande truffa
 T
guardiani della galassia vol. 2i figli della notte (2016)i peggioriil crimine non va in pensioneil giardino degli artisti: l'impressionismo americanoil mondo di mezzoindizi di felicita'insospettabili sospettiio danzero'it comes at night
 T
king arthur - il potere della spada
 T
la guerra dei cafonila mummia (2017)la notte che mia madre ammazzo' mio padrela ragazza dei miei sognila tenerezzal'accabadoralady macbethl'amore criminalelasciami per semprele cose che verrannole donne e il desideriole verita'l'eccezione alla regolaliberel'uomo che non cambio' la storiamaradonapolimaria per roma
 NEW
metro manilamexico! un cinema alla riscossamilano in the cage - the moviemiss sloanemonster trucksmy italymystic gamenailsnervenessuno ci puo' giudicarenocedicocco il piccolo dragonoi eravamoorecchieparigi puo' attendere
 NEW
parliamo delle mie donnepirati dei caraibi: la vendetta di salazarqualcosa di troppoquando un padrequello che so di leirichard - missione africa
 NEW
robert doisneau - la lente delle meravigliesasha e il polo nordscappa - get outsicilian ghost storysieranevadasognare e' viveresole cuore amoresong to songsulla via latteatannatavolo 19teen star academythe beatles: sgt. pepper & beyond
 T
the circlethe dinner
 NEW
the habit of beautythe space between (2017)this beautiful fantastic
 NEW
transformers 5: l'ultimo cavalieretutti a casa - inside movimento 5 stelletutto quello che vuoiun appuntamento per la sposauna doppia verita'una gita a romauna settimana e un giornouna vita, une viewhitney (2017)wilson (2017)wonder woman (2017)

956985 commenti su 37393 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net