solo un padre regia di Luca Lucini Italia 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

solo un padre (2008)

 Trailer Trailer SOLO UN PADRE

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film SOLO UN PADRE

Titolo Originale: SOLO UN PADRE

RegiaLuca Lucini

InterpretiLuca Argentero, Diane Fleri, Claudia Pandolfi, Fabio Troiano

Durata: h 1.33
NazionalitàItalia 2008
Generecommedia
Tratto dal libro "Avventure semiserie di un ragazzo padre" di Nick Earls
Al cinema nel Novembre 2008

•  Altri film di Luca Lucini

Trama del film Solo un padre

La vita di Carlo, dermatologo trentenne, è governata da una movimentata ma serena routine. Il lavoro nel suo studio, le corse al parco, le serate con gli amici di sempre. E, ogni sera, il ritorno a casa, dove lo aspetta la piccola Sofia. Carlo, infatti, è un ragazzo padre e Sofia, dieci mesi e la capacità di assorbire tutte le sue energie fisiche e mentali, la sua unica, vera passione. Nel mondo di Carlo, padre premuroso quanto inesperto, non sembra davvero esserci spazio per altro. Di certo non per gli improbabili appuntamenti che organizzano i suoi amici ansiosi di trovargli una compagna. La sua vita va già benissimo così, Carlo ne è certo. Certezze destinate a vacillare il giorno in cui Carlo incontra la fragile ma entusiasta Camille per caso nel parco...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,51 / 10 (41 voti)6,51Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Solo un padre, 41 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

stella.la  @  21/03/2016 20:32:17
   7 / 10
Un bel film, che fa riflettere sulle dinamiche della vita, dei rapporti di coppia e con gli amici. L'ansia di essere genitore e di esserlo da solo, con l'esigenza di ricominciare a vivere dopo un lutto e di sentirsi addosso la colpa di tutto.
Scorrevole e piacevole con qualche tocco di humor.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  13/02/2015 19:48:58
   6½ / 10
Film ben realizzato, con un buon Argentero, che è forse più drammatico che commedia. Non aspettatevi un capolavoro, ma consiglio una visione.

Charlie88  @  12/05/2013 14:36:55
   8 / 10
Film delicato e profondo, Luca Argentero molto bravo in questo film....

Lucya  @  15/06/2012 15:48:09
   8 / 10
Un film molto bello... Fa piacere rivederlo

shabalan  @  16/11/2011 01:34:17
   9½ / 10
Il cinema italiano moderno e anche giovane se vogliamo può tirare fuori delle grandi cose, e soprattutto il cinema italiano (per fortuna) non è solo Natale a Miami, Rio, New York, Roma, Helsinki e quant'altro, o Amici Miei come tutto ebbe inizio o cose simili insomma, ma è anche capace di realizzare emozioni, riflessioni, pensieri, immagini, realtà, profondità, commozione, felicità, delicatezze come questo meraviglioso film che a me personalmente ha colpito tantissimo e che non smetterei mai di guardare e di ascoltare. Un film tratto da un libro e da una storia che può coinvolgere chiunque e chiunque può essere coinvolto e trasportato nelle e dalle note di questa melodia cinematografica interpretata in modo eccelso da uno splendido cast dove chiaramente brilla uno straordinario Luca Argentero che io personalmente adoro e considero uno degli attori italiani in assoluto più bravo bravo bravo bravo bravo e anche se per emergere è dovuto passare dalla porta del Grande Fratello (che io detesto) ben venga se dietro c'è veramente del talento e della bravura accompagnata ovviamente allo studio e all'impegno, ma qui c'è tutto, lui è stato perfetto, coinvolgente, tenero, mai banale e mi ha creato assolutamente un'empatia totale con il suo Carlo, veramente complimenti; al suo fianco una bravissima Diane Fleri, estremamente dolce e delicata nel suo personaggio, che è riuscita ad entrare nel mondo segreto di Carlo facendogli toccare le proprie corde più intime dell'anima, e poi Fabio *****no, un altro attore della "nuova generazione" diciamo che amo particolarmente, così come Anna Foglietta, veramente brava e poliedrica, e per ultima ma mai tale non posso non citare Claudia Pandolfi, sempre adatta a tutto, ovunque la si metta, anche in una parte che sembrerebbe marginale come in questo caso, ma che di marginale non ha proprio nulla, anzi, la sua presenza è fondamentale e lei la interpreta come sempre meravigliosamente, e come non concludere parlando delle musiche e della colonna sonora, semplicemente bellissima, con "Per fare a meno di te" e "Everybody Hurts" a fare da cornice quantomai perfetta ad una storia forte, commovente, dolcissima, toccante come quella di "Solo un padre".

haika82  @  13/05/2011 14:10:34
   7½ / 10
Questo film, dalla trama in apparenza piuttosto semplice, svela in realtà risvolti e scenari inaspettati esplorando nel profondo le pieghe di due animi sensibili e tormentati: quello di un ragazzo padre amaramente segnato dalle vicende della vita, e quello di una giovane donna ancora alla ricerca di se stessa. I due protagonisti si incontrano casualmente e, con molta semplicità e naturalezza, le loro vite, cosi diverse e disordinate, si intrecciano. Il loro è un incontro salvifico, un'amicizia, una intima condivisione e poi amore, che regala una nuova pienezza e un nuovo equilibrio ad entrambi. Non è solo l'amore fra un uomo e una donna ad essere, in sè per sè, motore dell'intera vicenda ma un tipo di amore ancora più alto e più completo, un amore che crea ed unisce una nuova famiglia. Una buona regia, che offre primi piani e inquadrature particolari, riesce a coinvolgere moltissimo lo spettatore su un piano emozionale, cosi come una buona colonna sonora che fa da cornice ai momenti più significativi.

pablodreamer  @  05/02/2011 18:05:03
   6½ / 10
caruccio, non male

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  23/01/2011 13:39:59
   6½ / 10
A me onestamente non è dispiaciuto affatto, è stata una piccola sorpresa rispetto alle mie aspettative iniziali.
Argentero è davvero rilassante con i suoi toni pacati di recitazione e il film risulta godibile fino alla fine...

john_doe  @  01/12/2010 22:43:03
   6½ / 10
Non male, argentero positivo, gli altri così così...

davmus  @  29/11/2010 09:47:44
   4 / 10
L'idea ancorchè scontata avrebbe comunque potuto sviluppare un film più carino...invece già a metà il miele a fiumi scorreva al posto del sangue. Eccessivamente melenso e comunque poco accattivante

Invia una mail all'autore del commento SPIZZDAVIDE  @  29/11/2010 00:10:30
   5½ / 10
Non male la trama ma la sceneggiatura si sviluppa in maniera troppo poco dinamica e spesso cade nel noioso.
Le interpretazioni non mi sono dispiaciute ed Argentero conferma di essere un attore in crescita professionale.
Belle le musiche.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Dexter '86  @  15/05/2010 18:46:19
   5 / 10
Poca roba. Un film che si lascia guardare e scorre abbastanza bene ma non lascia granché dopo la sua visione. Argentero non è ancora in grado (lo sarà mai?) di reggere da protagonista una storia di questo tipo.

Invia una mail all'autore del commento monica83  @  25/03/2010 14:44:30
   6 / 10
carino,delicato..ma niente di speciale

Parsifal  @  09/02/2010 22:56:01
   6½ / 10
Italian movie che non si discosta molto dalle mie aspettative minime scorrevole anche drammatico a tratti ma regia e cast non mi consentono un'empatia tale da piacermi di più.

tati  @  27/12/2009 11:30:56
   7 / 10
film carino ma odio la pandolfi.e anche se qui ha una parte marginale mi ha dato lo stesso fastidio !!

cory  @  26/11/2009 23:39:25
   7½ / 10
bel film commovente . fa pensare fa riflettere-.
complimenti ancora una volta ad Argentero e alla bellissima Diane Fleri.

da vedere .

ReginaDiCuori  @  27/09/2009 12:23:52
   7 / 10
Molto toccante, la storia sarà pur banale come dite voi ma colpisce dritto al cuore...tuttavia non do un voto più alto perchè mi aspettavo un finale decisamente più travolgente, almeno per quanto riguarda la storia tra il protagonista e la Fleri. Luca Argentero è sicuramente una positiva sorpresa, anche se avrà partecipato al grande fratello, devo riconoscergli che interpreta questo ruolo con estrema credibilità, penso sia meglio di molti altri attori che non hanno partecipato al grande fratello e che hanno studiato una vita...in ogni caso film da vedere!

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  25/09/2009 23:24:01
   6 / 10
Il film scorre via leggero leggero, molto banale e ricalcato su tanti altri film celebri (da Tre uomini e una culla all'inglese Jack & Sarah, per non parlare dell'elaborazione del lutto presa pari pari da Moonlight Mile), innoquo e perfetto per una serata di assoluto relax. Comunque è la riprova che il cinema del neoregista Lucini è anestetizzato e assolutamente privo di novità. Bravissimo Argentero!

Invia una mail all'autore del commento Daniela Puledra  @  22/09/2009 00:58:21
   8½ / 10
Bella la musica, le ambientazioni e le inquadrature dei volti: tutti gli attori sono molto bravi. la storia è semplice avvolte un po' pesante ma viene allegerita dalla presenza del gatto, della bimba e degli amici. Trovo davvero stupido criticare Argentero solo xchè ha partecipato al gf. Appoggio il fatto ke sa piu un film drammatico ke comico avrei eliminato la scena dell incendio... buona visione

metafisico  @  21/08/2009 16:54:34
   1 / 10
monnezza

1 risposta al commento
Ultima risposta 21/08/2009 17.01.45
Visualizza / Rispondi al commento
topsecret  @  18/08/2009 09:22:24
   4½ / 10
Se dovessi reagire d'impulso nel giudicare questa pellicola italiana, interpretata tra gli altri dal grande fratello Luca Argentero, dovrei liquidarla in fretta con un 1 o un 2. Invece, dopo una profonda riflessione di qualche secondo, devo ammettere che il film riesce a scorrere in maniera lineare, pur senza lasciare traccia alcuna del suo passaggio.
I dialoghi sono poco incisivi, gli attori pessimi e la storia abbastanza ordinaria e senza grandi momenti degni di nota. Il regista intende raccontare una storia delicata, drammatica ma dai risvolti romantici, ma non riesce a colpire lo spettatore in maniera efficace.

vale1984  @  12/07/2009 23:40:26
   6½ / 10
Film toccante, piuttosto bello anche se la storia non è originale... ho scoperto un bravo Argentero e una storia tenera e carina. La storia è stata descritta in modo molto verosimile pertanto riesce a coinvolgere. Bello...

asprakina  @  08/07/2009 11:39:56
   7 / 10
Meno banale di quello che ci si può aspettare e bravi i due attori protagonisti.
Bella anche la colonna sonora.

laura90  @  02/07/2009 21:58:17
   8½ / 10
Veramente non mi spiego i voti bassi dati a questo film!!
Commovente, toccante, mai banale...semplicemente molto, ma molto bello!!!
Luca Argentero si dimostra sempre di più un eccellente attore (gli posso anche perdonare il fatto di aver partecipato al Grande Fratello!!).
Non c'è altro da dire...veramente carino...da vedere assolutamente!! Me lo rivedrei subito...e forse è anche quello che farò.. =)

1 risposta al commento
Ultima risposta 02/07/2009 23.34.28
Visualizza / Rispondi al commento
Lory_noir  @  10/06/2009 17:36:20
   7½ / 10
Mi è proprio piaciuto! Molta dolcezza che non diventa mai spicciola, una storia forte che regge un film ricco di cose semplici ma belle. Lo consiglio. A volte la regitazione non è proprio altissima ma siamo abituati a molto peggio!

Nergal85  @  02/06/2009 02:25:03
   7 / 10
valido prodotto del cinema italiano sfornato da un regista di cui c s augura soltanto ke il suo precedente 3 metri sopra il cielo sia stata soltanto una oscura parentesi. ottime le musike e l'affiatamento della coppia di protagonisti. trama semplice , ma coinvolgente.

Burdie  @  26/05/2009 22:48:56
   5 / 10
....recitazione generale scarsa, gatto a parte!!!

FurFante9  @  19/05/2009 15:31:46
   7 / 10
Buin film, vale la pena vederlo! A tratti commovente! bravi gli attori

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  19/05/2009 14:35:02
   4½ / 10
Solito microcosmo borghese,solite caratterizzazioni,solita recitazione da fiction…insomma,solito filmetto italiano.Luca Lucini,autore dalla carriera altalenante ("Tre metri sopra il cielo" è un'imperdonabile macchia sul curriculum),cerca di prendere le distanze da un certo cinema nostrano,fallendo però senza possibilità d'appello.
Pur affidandosi a figure stereotipate, il regista cerca ugualmente di sottrarsi alla trappola della lacrima facile,impegnandosi nel proporre qualche spunto divertente nell’elaborazione di questo dramma dai risvolti romantici.L’operazione tutto sommato non delude da questo punto di vista,ma i momenti riusciti sono ben pochi rispetto a quelli discutibili o poco convincenti.Tutta colpa di situazioni già stranote, oltre che di una trama pregna di evidenti forzature e di personaggi che sembrano abitare un mondo irreale,poco credibile anche in un ambito prettamente fiabesco,in cui nessuno è realmente cattivo e tutti sono pronti ad aiutare e prendersi cura di chi soffre.Il finale poi è stridente, quasi fastidioso per come si sviluppa,assolutamente fuori luogo e dai toni eccessivamente carichi.
Argentero annulla quel poco di buono fatto in passato,la sua recitazione lascia a desiderare,mentre Diane Fleri si rivela un bel volto nuovo,l’unica a brillare in un parterre di attori svogliati.
Belle le musiche,anche se un po’ troppo presenti,qualche momento rende bene ma il resto lascia molto a desiderare.

6 risposte al commento
Ultima risposta 19/05/2009 16.05.42
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  18/05/2009 19:15:29
   4 / 10
Film banale e prevedibile. La sceneggiatura manca di un approfondimento serio almeno quanto meriterebbe il tema trattato. Per quanto riguarda la caraterizzazione dei personaggi siamo ad un livello veramente basso, da fiction televisiva.
Molto poco di buono in questo film, che ho trovato irritante e fastidioso.

TheLegend  @  17/05/2009 18:39:59
   5 / 10
Film banalotto e prevedibile che sa di già visto,ogni scena si sa già come andrà a finire e la storia di per sè non è granchè.
Solito film che punta a far leva sui buoni sentimenti ma che non ha niente di buono da dire.
Pieno di stereotipi bigotti.

cristiano1970  @  13/05/2009 00:54:06
   9 / 10
Ottimo film italiano che a mio parere e' inspiegabilmente inserito nel genere commedia a me e' sembrato piu drammatico.....comunque.....
interpretazione magistrale di Luca Argentero che sta' migliorando di film in film.
Permettemi una considerazione che magari centra poco con la trama ma che in alcune scene mi ha fatto emozionare
SOLO ESSENDO GENITORI E' POSSIBILE CAPIRE IL BENE CHE SI PUO' PROVARE PER UN FIGLIO.

eletar  @  11/05/2009 01:58:59
   6½ / 10
carino come film.. anche se ne ho visti di meglio.. luca argentero se la cava bene devo dire..

ascot  @  06/05/2009 13:35:58
   7½ / 10
bel film..bello che sia italiano..commuovente,simpatico,coinvolgente e con bravi attori...veramente da vedere

Gruppo COLLABORATORI gerardo  @  18/01/2009 14:32:16
   3½ / 10
Salutato come il film "impegnato" di un regista avvezzo alle minchiate adolescenziali e alla celebrazione delle (italiche) inanità borghesi, "Solo un padre" replica, in realtà, tutti i crismi della mediocrità di un certo cinema italiano: la visione, molto televisiva (e che televisione, poi!), piccolo borghese della realtà che non va oltre i propri vezzi, in linea con una cultura italiana contemporanea in profonda decadenza e profondamente ignorante, acritica.
Prevedibile come un peto al mattino, non ha una sola scena, un solo passaggio che non si possa anticipare senza provare una sensazione di fastidio. E questa devastante banalità fa tanto più paura - a chi vi scrive - se si pensa a quanto scontato possa essere lo sviluppo della trama (trama?...) e l'uso dei personaggi. E i dialoghi, stupidi, insulsi, che ritroveremmo in ogni diarietto di giovinetta sognante e non ancora svezzata, sono il degno corollario ad un film che invece di raccontare una storia, mette insieme una sequenza di siparietti miseramente già visti: padre gggiovane e vedovo, però brillante borghese e affermato nella professione - mica una mer.da qualsiasi -, ma col vuoto nella vita privata, sull'orlo della disperazione, che incontra casualmente nel parco, ma va!..., e poi nel supermercato, la gggiovine tellurica sbarazzina che lo fa emozzzionare di nuovo e blablabla... e i ricordi di chi non c'è più e il passaggio di consegne nel quadro affettivo del povero - sti*****! - paparino colpito da immane tragggedia. Il discorsetto finale di papà premuroso alla batuffolosa Sofia, summa (simbolica) della mediocrità concettuale e culturale di questa operazione, ma anche dei protagonisti/autori/destinatari ideali dell'opera, è uno dei momenti più inquietanti di tutto il film. Roba che "Tre metri sopra il cielo" era pure più sincero nel suo destino pro(to)adolescenziale.
A dare il volto - un po' idiota - al giovane papà protagonista è Luca Argentero, che non a caso viene da quella televisione simbolo e specchio di un universo culturalmente devastato. In fondo, per quella parte, in quel film, ci sta benissimo: è quello il mondo, appunto, che si vuol raccontare, quello è il target che si vuole raggiungere.
Diane Fleri, insopportabile dal vivo, riesce molesta anche in scena. La sua parte è quella di una ragazza emancipata (wow, che fig.ata!...) che dalla Francia viene a fare la ricercatrice in Italia (ma pensa, di solito sono i ricercatori italiani a scapparsene all'estero) ed è tutta sbarazzina, alternativa (come non amarla! tzè...), e per dimostrarci la sua alternatività (gli autori, non lei, poverina) vive in una casa disastrata ('na villetta in una zona residenziale altoborghese, però eh, mica un tugurio a Porta Palazzo, non sia mai...), fa pure a mano i cappellini freakkettoni (addirittura!) e per questo è vista con sospetto - ma non più di tanto, che semo tutti bboni - dagli amici perbene. Questo è il massimo che viene concesso all'estetica "naive" extra-borghese. (Che poi, dopotutto, tranquillizziamoci, pure Camille/Diane Fleri è figlia di un'imprenditore, mica di un'operaio qualsiasi).
Claudia Pandolfi, pace all'anima sua, è costretta a fare la morta.
E poi, l'amico casinista, l'amico gay (che ci sta sempre, ebbeh, siamo una società aperta), l'amica isterica (perché aviopriva) sfi.gata - e ingrifata -, che poi tanto si sistema con l'amico sfi.gato e casinista.
Ambientato in una Torino senza odori e senza differenze socioculturali, borghese nell'accezione più ideologicamente negativa del termine, "Solo un padre" è un film - oserei dire - funereo, esempio di cinema di cadaveri, o di fantasmi, come quello della moglie defunta del gggiovane protagonista, gggiovane e borghese rampante pure lei, ma - uh! - sfortunata (per fortuna, invece, vien da dire, la sfi.ga ogni tanto è democratica). La presenza del cadavere (leggasi "flashback", per i meno dotati d'ironia) della moglie serve a spiegare ai decerebrati che un tempo c'è stato un rapporto tra la defunta e il vedovo, proprio come avviene nelle più becere fiction televisive. Beata sottrazione, dove sei finita? Per fortuna doveva essere un film impegnato.... figuriamoci! L'unico cadavere, l'unico fantasma che qua intorno si aggira è quello del cinema, ahimè!
Sofia, scappa, drogati pure, qualsiasi cosa, ma sii migliore almeno tu.

4 risposte al commento
Ultima risposta 02/03/2009 16.31.36
Visualizza / Rispondi al commento
susci  @  25/12/2008 20:22:50
   7½ / 10
A me è piaciuto veramente molto,è molto emozionante,mi sono piaciute molto le parti musicali (rem e giorgio su tutti) anche se cmq la storia è abb semplice...ho trovato molto bravi i due protagonisti (non conoscevo Diane Fleri mentre Argentero in 5 anni che fa l'attore lo trovo assolutamente molto bravo e gli auguro un grande successo!) e ho apprezzato anche la regia (anche se assolutamente non sono un intenditore!) Unica nota da migliorare forse è il finale che mi ha lasciato un po' in sospeso!

bussisotto  @  19/12/2008 10:13:48
   6½ / 10
Ciò che di buono ha il regista Luca Lucini è la grande capacità di dirigere gli attori e la padronanza nel descrivere in maniera originale ed attenta storie e situazioni.
"Solo un padre" è un film piccolino, privo di grandi slanci, ma che commuove e cattura l'attenzione dello spettatore, senza cadere mai nella volgarità o nel sentimentalismo di facile effetto.
Ben coadiuvato da un gruppo di attori credibili (sui quali spicca Luca Argentero, oramai piacevole sorpresa del cinema italiano e Fabio Tro.i.a.no, divertente spalla), il film prosegue su binari risaputi, ma lo fa con intelligenza.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento Giordano Biagio  @  18/12/2008 23:00:48
   7½ / 10
Problemi di oggi, storie semplici di giovani ben raccontate. Ce ne fossero di più il cinema italiano riprenderebbe il volo.

crimal9436  @  17/12/2008 20:03:37
   7½ / 10
Indubbiamente un buon film e complimenti a Luca Argentero, soprattutto per il fatto di aver sfruttato una discutibile popolarità per imparare a fare qualcosa di buono: c'è riuscito

Invia una mail all'autore del commento principecarlo  @  29/11/2008 00:05:06
   8 / 10
ragazzi smettetela di dire che il cinema italiano e mediocre..............questo è un buonissimo film ottima la musica , ma complimenti a luca argentero bravo

Giorgione  @  28/11/2008 23:56:52
   7 / 10
Dopo "Saturno contro", in cui moriva dopo cinque minuti, Luca Argentero ha qui più spazio e lo sfrutta discretamente. Ancora più convincente Diane Fleri, bellissima e solare.
Malgrado le numerose pubblicità occulte e palesi (che tolgono mezzo voto) e le parti assegnate a due di Camera Cafè, consiglio di vedere questo film, che tratta in maniera delicata il tema della paternità senza scadere nel sentimentalismo. Ottima la musica.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
2 biglietti della lotteria7 giornia ciambraall eyez on meamityville: il risveglioangels wear whiteangoscia (2017)annabelle 2appuntamento al parcoatomica biondababy driver - il genio della fugabarry seal - una storia americanacars 3casa casino'cattivissimo me 3charley thompsonchips - (dis)ordine pubblicocrazy night: festa col mortocustodydavid gilmour - live at pompeiideath note (2017)diario di una schiappa: portatemi a casa!dove cadono le ombredownsizing
 HOT
dunkirkeasy - un viaggio facile facileex libris - the new york public libraryfirst reformedfottute!foxtrotfuori c'e' un mondogatta cenerentolagifted - il dono del talento
 NEW
glory - non c'e' tempo per gli onestihannahhouse on elm lakehuman flowil colore nascosto delle cosein dubious battle - il coraggio degli ultimi
 NEW
in questo angolo di mondojackals
 NEW
kingsman: il cerchio d'orol’ordine delle cosela fratellanza (2017)la musica del silenziola principessa e l'aquilala storia dell'amorela torre nerala villala vita in comuneleatherface
 NEW
l'equilibrio
 NEW
l'inganno (2017)l'insultelycanmektoub, my love: canto unomiss sloane - giochi di poteremonolithmotori ruggentinemesi
 NEW
noi siamo tuttoopen water 3 - cage diveoperation chromiteoverdrivepolaroidsafarisavvasuburbiconsweet countrytaranta on the roadthe black roomthe bye bye manthe devil's candythe gracefield incidentthe shape of waterthe teacherthe third murder
 NEW
tiro liberoun profilo per due
 NEW
una di noiuss indianapolis
 NEW
valerian e la citta' dei mille pianetivelenowalk with mewish upon

961767 commenti su 37916 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net