split regia di M. Night Shyamalan USA 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

split (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film SPLIT

Titolo Originale: SPLIT

RegiaM. Night Shyamalan

InterpretiJames McAvoy, Haley Lu Richardson, Brad William Henke, Betty Buckley, Anya Taylor-Joy, Jessica Sula, Kim Director

Durata: h 1.57
NazionalitàUSA 2017
Generethriller
Al cinema nel Gennaio 2017

•  Altri film di M. Night Shyamalan

Trama del film Split

Anche se Kevin (James McAvoy) ha mostrato ben 23 personalità alla sua psichiatra di fiducia, la dottoressa Fletcher (Betty Buckley), ne rimane ancora una nascosta, in attesa di materializzarsi e dominare tutte le altre. Dopo aver rapito tre ragazze adolescenti guidate da Casey (Anya Taylor-Joy, The Witch), ragazza molto attenta ed ostinata, nasce una guerra per la sopravvivenza, sia nella mente di Kevin - tra tutte le personalità che convivono in lui - che intorno a lui, mentre le barriere delle le sue varie personalità cominciano ad andare in frantumi.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,94 / 10 (45 voti)6,94Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Split, 45 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Pashat97  @  19/02/2017 12:47:49
   7 / 10
Shyamalan è un bravo registra, infatti Split parte con la marcia giusta...peccato solo che verso la fine sfocia nel surreale distruggendo le basi ben create all'inizio!Non è male come film, ma sicuramente si poteva fare meglio!

dagon  @  19/02/2017 10:20:36
   6½ / 10
Fino a The village ho amato MNS, seppur con qualche scricchiolio, poi però il regista si è veramente perso. Anche l'ultimo "The visit" non mi aveva convinto per nulla. Su questo "Split" avevo qualche speranza di ritrovare la vecchia scintilla, un po' per per il tema, un po' per quello che si intravedeva nei trailer. Ovviamente speranza molto timida. Morale? Non è uno dei migliori del regista, ma rispetto alle sue ultime produzioni c'è un bel passo avanti. Sviluppo non completamente convincente, ma il film funziona a livello di suspense, poggia sulle possenti spalle di un McAvoy in grande spolvero e vede il regista ritrovare a tratti lo smalto dei suoi migliori momenti.
A me il finale

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER è piaciuto.

glennbetho  @  17/02/2017 09:24:36
   4 / 10
Abbastanza ridicolo

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/02/2017 20.40.06
Visualizza / Rispondi al commento
kosè82  @  13/02/2017 12:52:27
   7 / 10
Dopo qualche lavoro sottotono, M. Night Shyamalan finalmente torna a girare un titolo valido. Parte iniziale e centrale ottima e buona caratterizzazione dei personaggi. Grande interpretazione di James McAvoy, azzeccatissimo nella parte del villain con personalità multiple. Avrei dato anche un 8, ma il finale è un pò... vedi spoiler.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

TheGame  @  13/02/2017 12:50:19
   6 / 10
Benché a tratti divertiti, per Shyamalan l'effetto è un mero pretesto a scapito della causa, non importa se telefonata, sciocca o se delle presunte ventiquattro personalità alla fine ne vedremo solo una manciata riconoscibili in coincidenza dei cambi d'abito di McAvoy, perché le velleità sono sempre state sua croce e delizia, anche quando c'è un buon epilogo ad attenderci.

chem84  @  10/02/2017 09:56:55
   6 / 10
Shyamalan, dopo quella ciofeca di The Visit (insultatemi pure se volete, ma tanto il mio giudizio non cambia di una virgola), aveva decisamente da farsi perdonare qualcosa e ci prova con questo Split che, indubbiamente non poteva essere peggiore del suo predecessore, ma che ahimè non riesce a riscattare totalmente questo regista per il quale, a questo punto, penso siano rimaste davvero poche carte per stupirmi e farmi ricredere in merito alla convinzione che, dopo Il Sesto Senso, non ci abbia più capito un cazz.
Il tentativo qui è comunque apprezzabile, perché ci troviamo dinanzi ad un saggio sulla follia piuttosto anomalo e allo stesso tempo intrigante e, fino ad un certo punto, credibile. Sarebbe potuto anche essere un Filmone con la F maiuscola, perché i presupposti c'erano tutti ma, come vedremo più avanti, vi sono stati troppi lati negativi che hanno rovinato (anche se non del tutto) la faccenda.
Dico "non del tutto" perché effettivamente ci sono molti pregi all'interno di questo film, a partire dal bell'inizio in macchina con la prima scena, o dai titoli di testa, per non parlare poi del gioco delle 23 personalità che, in un primo momento, desta sicuramente curiosità nello spettatore.
Il vero punto di forza poi è chiaramente la presenza e la prestazione sfoderata da James McAvoy, veramente eccezionale e capace di risultare coerente in tutte le sfumature caratteriali che prendono possesso del corpo del povero Kevin Wendell Crumb. Tra tutte merita un riconoscimento speciale quella che lo fa risultare un maniaco dell'ordine e della pulizia, costringendolo ad una sensazione di irrequietezza anche solo per la presenza di una briciola sulla maglia di una delle ragazze che ha appena sequestrato ("Levati la briciola…LEVATELA!!!).
Già perché d'accordo che si parla di disturbo dissociativo dell'identità, ma a contorno delle vicende riguardanti la psiche del protagonista (o dei protagonisti, fate voi), c'è pure la storia di queste ragazze rapite e tenute segregate in un luogo all'inizio sconosciuto. E qui si potrebbe pensare ad una svolta "violenta" o rimandante a sfumature di torture porn, che in realtà non ci saranno, perché il regista gioca tutto sull'aspetto psicologico e, in questo senso fa assolutamente centro, perché i vari Dennis, Patricia, Barry ed Hedwig tengono botta in maniera convincente.
Ed è a questo punto che sorge il primo dubbio.
Ma perché 23 personalità e poi il film si gioca tutto su 5 o 6??? Lasciando poi tutte le altre incompiute o appena accennate da quel filmato che Casey, una delle 3 ragazze, vede sul PC???
È chiaro che a quel punto ci sei dentro e pretendi un maggiore approfondimento della situazione, ma questo è un dettaglio che, in virtù di un epilogo solido e vincente, sarebbe potuto essere dimenticato in fretta.
E invece quando entra in gioco la 24esima personalità si cambia registro e purtroppamente lo si fa in peggio.
Inizialmente pensavo fosse uno scherzo, perché è impossibile aver montato su un teatrino quasi perfetto fondato su basi solide e poi far crollare tutto con questo passaggio quasi sovrannaturale che, pur avendo un senso, onestamente ci sta come il salame col cappuccino (sempre che non sei giapponese). In pratica con questa svolta totalmente sgradita, perlomeno a me, il regista ha vanificato un lavoro dal potenziale eccellente e che fino a lì era resistito più che dignitosamente.
La citazione finale poi, benchè io sia uno che apprezzi queste c.agate qui, l'ho trovata fuori luogo, messa lì come a dire "Ah non avete visto XXXX??? Bene che cazz aspettate andate subito a vederlo perchè poi si collegherà tutto".
Non male invece la scelta di puntare, tra tutte e 3, sulla ragazza con la storia più interessante, che permette una facile previsione sul come andrà a finire il confronto tra lei e La Bestia, ma che regala quantomeno alcuni momenti interessanti, come per esempio quell'espressione verso la fine, quando le viene comunicato che lo zio era venuta a prenderla. Ed è appunto qui che aumenta il rammarico, perché senza dubbio i personaggi e le personalità reali e "umane" sarebbero bastate a creare un film moooolto più intrigante.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  09/02/2017 23:01:00
   8 / 10
Night si destreggia sempre bene nel soprannaturale, ma stavolta pare che abbia raggiunto una ragguardevole maturità.
Un film carico di tensione sorretto da una sceneggiatura ben congeniata che traccia storie parallele sullo psicopatico, sull'infanzia della ragazza e sulla dottoressa.
L'angoscia si è fatta sentire in molte scene e spesso c'è un umorismo straniante.
La colonna sonora ringhiante mi è piaciuta un sacco.
L'interpretazione di James McAvoy è sbalorditiva e non avrei visto nessun'altro al suo posto, direi che è stata un'ottima scelta: ora forse troverà di meglio oltre al circuito di X-MAN.
Altra bella new entry è Anya, bravissima giovane attrice e molto graziosa.
Regia e fotografia azzeccate, la visione trattiene il fiato fino a un finale direi impossibile da prevedere.

2 risposte al commento
Ultima risposta 11/02/2017 13.17.03
Visualizza / Rispondi al commento
Scuderia2  @  09/02/2017 22:28:28
   8 / 10
SPOILER

C'è il mondo Marvel, c'è il mondo DC Comics, e c'è il mondo Shyamalan.
Un mondo in evoluzione che mi esalta e incuriosisce, dove ci sono Superuomini antieroi destinati ad incontrarsi e scontrarsi.
Veramente interessante questo collegamento di Split al primo fantasy del regista indiano che in questo nuovo lavoro ci mette la faccia e il talento.
Uomo di Vetro, Unbreakable, Orda.
Questi i primi personaggi presentati in attesa degli eventi futuri.
Niente da dire, Split è una bella trovata, e Shyamalan un lieto ritorno. Questo è bravo davvero.
Come McAvoy del resto,grande ballerino anche (scena dance pazzesca).
Registicamente magistrale l'epilogo nel locale caldaie.
Bella mossa splittare.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  09/02/2017 11:05:00
   8 / 10
"The Visit" è stato un eloquente segnale sull'ormai prossimo risveglio di Manoj N. Shyamalan. "Split" è la naturale evoluzione di quell'incalzante found footage; il regista d'origine indiana si libera dalla catene di uno stile formale e narrativo insistito con testardaggine aderendo a un raro esempio di semplicità costruttiva, resa altamente interessante da una profonda e crudele analisi delle sfaccettature psicologiche.
Niente twist clamorosi o cervellotiche elucubrazioni, solo un bell'aggancio con una pellicola precedente (con tanto di cameo "pregiato") che permette una chiave di lettura particolare di questo thriller spruzzato di soprannaturale, in cui un uomo rapisce tre giovani e le rinchiude in un labirintico sotterraneo.
A rischio caricatura, ma bravo ed inquietante James McAvoy, riesce a definire con veemenza il disagio di un personaggio affetto da disturbi della personalità, ai quali cerca di mettere freno una psichiatra di ampie vedute.
Nel frattempo nel luogo di prigionia Shyamalan sfrutta il palesarsi delle personalità stesse (variabili tra il classico bambino ingenuo ma dispettoso e il meno scontato stilista effeminato), ponendo le basi per un epilogo magari meno sorprendente rispetto ad altri suoi lavori, eppure altamente funzionale, ben congegnato anche attraverso gli strazianti flashback in cui viene raccontata l'infanzia di una delle vittime, ovvero Casey interpretata da Anya Taylor-Joy, sempre più lanciata nel cinema dell'inquietudine dopo "The Witch" e "Morgan".
La pellicola è anche una sentita esplosione di effetti collaterali, uno scontro tra umanità violate divise da un dolore rielaborato secondo modalità agli antipodi. Thriller senza sbavature, con buone idee e ritmo notevole, si accoglie con piacere il ritrovato equilibrio di un regista finalmente rigenerato.

Overfilm  @  07/02/2017 23:22:50
   7 / 10
La media fino ad ora (dopo 35 voti) e' un 7 spaccato ed io la "rispetto" con il mio di voto.
Buona interpretazione del protagonista, storia abbastanza particolare... ok 7 aggiudicato!

Aztek  @  07/02/2017 20:19:20
   8½ / 10
Ottimo film, con una sceneggiatura sorprendente e molto coinvolgente. Pellicola che trasmette un senso d'inquietudine sin dai primi momenti. Ottima regia così come anche le interpretazioni, con un James McAvoy magnifico che sforna una perfomance di altissimo livello che fa alzare il mio voto di un punto.

Manticora  @  07/02/2017 15:52:19
   8 / 10
Probabilmente il miglior film di Shylaman passa per questa disgressione nello stesso universo di

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Cosa che è voluta dato che ne è il sequel

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Split è un film semplice, ma che si POGGIA su di un idea FORTE, lo sviluppo di più personalità per sopravvivere, una nuova forma di evoluzione, Kevin è un esempio, che ne cela 23 di personalità, il regista volutamente ci mostra solo cinque o sei personalità, ma sono sufficienti. Tra Dennis la signorina Patricia, David, Owen bene o male sono più o meno CONTROLLABILI, dimenticavo Greg. Il rapimento delle ragazze scatena le personalità, che si combattono per prevalere, e non far riemergere la BESTIA che non è altro

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
"sei quello che vuoi essere" questa semplice battuta delinea quello che è Kevin, una cosa che neanche la sua psichiatra a capito. Il film è teso, duro, ambientato quasi completamente in due posti: l'abitazione di Kevin e lo studio della psichiatra. McAvoy riesce senza a diventare una macchietta a rendere le personalità, in maniera ottima, OVVIAMENTE il regista cita i suoi due registi di riferimento Hitchkok e De Palma ( vestito per uccidere, doppia personalità) ma le dinamiche creano un intreccio perfetto in cui la sceneggiatura di Shylaman si incastra perfettamente. Tra le ragazze un plauso ad Anya Taylor-Joy l'interprete di Casey. Che alla fine

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
La scena finale serve per il sequel di Split

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Insomma FORSE il ritorno di Shylaman ai film thriller e di suspence è un nuovo inizio per il regista di origini indiane, che potrebbe riservare sorprese.

Gruppo COLLABORATORI Mr Black  @  07/02/2017 00:34:48
   6½ / 10
Se alla fine non ci scostiamo dai soliti clichè con il solito pazzo dalle personalità multiple e le solite ragazzine rapite, dall'altra parte Shyamalan prova ad utilizzare gli stessi elementi per creare qualcosa di diverso, di psicologico.
Buona l'interpretazione del protagonista, che da solo regge tutto il film. Tuttavia non prende, non da quella sensazione di paura che ci si aspetta da un prodotto simile e non viene voglia di rimanere incollati allo schermo.

batisgrulla  @  06/02/2017 21:28:09
   5½ / 10
Boh avevo letto i commenti, ma sono rimasto deluso. Sesto senso lontano anni luce. Suspense zero, storia piuttosto banale. Salvo l'ottima prova dei due protagonisti e poco altro.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

logicman  @  06/02/2017 12:57:16
   6½ / 10
E' scontato elogiare l'interpretazione di McAvoy, anche se sarebbe stato preferibile vederlo in lingua originale per apprezare la performance. Un plauso ai doppiatori comunque bravissimi. Il film si regge ottimamente per tre quarti, per poi sciogliersi e banalizzarsi un pò. Incredibile come delle pellicole con dei plot così interessanti non sappiano mantenere una costanza dall'inizio e, soprattutto, alla fine. Teso, ma mai raccapricciante, anche quando avrebbe potuto diventarlo.

8 risposte al commento
Ultima risposta 10/02/2017 10.31.40
Visualizza / Rispondi al commento
76mm  @  06/02/2017 11:10:43
   6 / 10
James McAvoy tiene su la baracca con un'interpretazione molto misurata in un ruolo a fortissimo rischio overacting.
Con una performance attoriale troppo enfatica e fuori controllo si sarebbe sfiorato il disastro, visto che per il resto non c'è moltissimo da salvare.
Se da un lato la scelta di Shyamalan di rinunciare al solito twist finale con obbligo di rilettura a posteriori della storia è apprezzabile (francamente aveva rotto), bisogna però riconoscere che un film di questo genere, senza un vero e proprio colpo di scena che ribalti un po' le carte in tavola, rischia di essere troppo prevedibile e infatti tutto va come si intuisce facilmente dopo neanche mezz'ora, lasciando un po' l'amaro in bocca.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Il sottofinale autocitazionistico, non avendo visto Unbreakable, non ho capito se ha un senso all'interno del film o se è solo un vezzo "autoriale"…nel secondo caso poteva benissimo essere evitato, considerando che il regista si era anche già concesso un cameo non proprio memorabile.

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/02/2017 09.18.20
Visualizza / Rispondi al commento
pernice89  @  06/02/2017 09:04:51
   8½ / 10
Davvero sorprendente. All'apparenza banale, indaga sulla psiche umana e dove può portare. McAvoy davvero spettacolare, mi piace da sempre ma qui si è ulteriormente superato, la sua una prova di certo non facile eppure azzeccata completamente. Anche il finale, per fortuna, riesce a non essere troppo banale, dopo due orette di tensione continua. Shyamalan stavolta sembra averci azzeccato alla grande.
Straconsigliato.

Wilding  @  05/02/2017 14:59:42
   5 / 10
Grandiosa interpretazione di McAvoy... poi nulla o quasi! Ridicola, quanto inverosimile, la parte finale.

Elmatty  @  05/02/2017 13:39:40
   8½ / 10
Difficile dare un voto ad un film del genere perchè se dovessi ragionare in termini puramente oggettivi il film meriterebbe almeno un 7 e mezzo ma siccome qui si commenta il film secondo le proprie impressioni gli regalo un voto in più.
Shyamalan finalmente azzecca un film in maniera completa dopo molte pellicole dove il regista indiano si era letteralmente perso.
Split è una pellicola angosciante, crudele, dura che ha l'enorme potere d'immergerti nella storia completamente nonostante l'argomento trattato sia già stato affrontato in passato.
La sceneggiatura FINALMENTE risulta azzeccata fino alla fine, Shyamalan nella maggior parte dei suoi film, di cui è anche lo sceneggiatore, riusciva a scrivere una storia coinvolgente che scadeva sempre nel finale.
Qui invece tutto scorre bene e il climax sale inesorabilmente fino alla fine e non accenna a diminuire nemmeno alla conclusione della vicenda.
La regia nemmeno a dirlo è ottima come il regista ci ha sempre abituato in ogni sua pellicola, riesce a catturare i momenti salienti e a creare tensione quando serve.
Questo film poi consacra ulteriormente James McAvoy tra i grandi attori contemporanei, offrendoci un'interpretazione magistrale (scandaloso che non sia stato nominato agli Oscar 2017 perchè meritava sul serio) sicuramente la migliore della carriera, mostrandoci 8 delle 23 personalità che il personaggio soffre ed ognuna la fa sembrare come realmente dovrebbero essere: tutti personaggi diversi.
Il resto del cast se la cava egregiamente.
Finale azzeccato con un collegamento con un altro film di Shyamalan che non ho mai visto e che recupererò al più presto.
Tecnicamente perfetto come fotografia, colonna sonora allucinante, scenografia claustrofobica azzeccata per il personaggio.
Insomma ci troviamo di fronte ad una piccola perla del cinema americano, di un regista che ha sempre stato molto criticato ma che non si è quasi mai venduto ai meccanismi di Hollywood (salvo il caso di After Earth dove si vedeva da lontano l'impostazione blockbusters), dove se s'impegna riesce ancora a tirare fuori un qualcosa di nuovo.
Straconsigliato.

eruyomè  @  04/02/2017 23:23:14
   7½ / 10
Gran bel film, godibilissimo,recitato a livelli eccezionali da un McAvoy esagerato. Parte da uno spunto decisamente interessante, e lo sviluppa egregiamente, anche se forse non approfonditamente e appieno come si sarebbe potuto. (Quanto avrei voluto vedere all'opera anche le altre personalità "minori"!) Ma pazienza, va bene anche così, non si può sempre tirar le ore immagino.
Mi piace che il regista non indulga mai eccessivamente alla violenza esibita, anzi, tende piuttosto a non fare vedere piuttosto che a mostrare, il che va benissimo. Non ha fatto altro che contribuire all'ansia e all'inquietudine che sono andati crescendo per tutto il film, per arrivare ad un finale che finalmente ci mostra quanto promesso, ossia l'esplosione dell'ultima, spaventosa, personalità.
Un finale che ho trovato francamente in perfetta sintonia con quanto raccontato in precedenza, efficace e coerente ( e chissenefrega del twist che ribalta il tavolo, cos'è, è diventato obbligatorio? Spero di no, confidando nell'intelligenza di Shyamalan)

Ultimissima scena che purtroppo al momento non ho colto, non avendo visto visto Unbreakable (ma che mi hanno prontamente spiegato, e fatto venir voglia di recuperare il film..e ne valeva la pena!)
A questo punto spero tanto in un sequel (come parrebbe..). Sempre che si trovi la quadra per una sceneggiatura degna della storia raccontata finora.

simonssj  @  04/02/2017 22:37:36
   7½ / 10
Un buonissimo film che riporta Shyamalan ai fasti delle prime, magiche pellicole in cui riusciva a creare un'atmosfera di suspence e introspezione psicologica molto cinematografiche (e, conseguentemente, furbe) ma ben realizzate; stavolta il soggetto in essere è lo sdoppiamento di personalità e la "guerra" intestina di un protagonista distrutto e frammentato nelle sue 23 sfaccettature, interpretato magistralmente da McAvoy, in attesa che si manifesti una sinistra, 24esima rappresentazione mentale, potenzialmente dominante.
Ottimi gli scambi con la psichiatra, ottima la storia parallela di Casey e il ritmo mai banale e buona la famosa mezzora finale di cui si è dibattuto, che non stona con il resto del film e anzi ne conclude dignitosamente la vicenda.
Molto buono nel complesso, e consigliato

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

ZanoDenis  @  04/02/2017 15:14:31
   3 / 10
Mi spiace dare un voto così basso, ma l'ho trovato pessimo, l'idea iniziale oscilla tra l'essere interessante all'essere un semplice espediente per attirare il pubblico, curioso di una trama simile. Alla fine si rivelerà la seconda.
Prima parte discreta, si assiste ad un crescendo di tensione creando anche un discreto mistero e una discreta curiosità nei confronti della psiche del protagonista.
Nella seconda parte viene totalmente a galla l'incredibile mancanza di idee di Shyamalan, incredibile come nella mezzora finale sia stato capace di rovinare tutta la trama del film inserendo elementi totalmente fuori contesto, non mi aspettavo introspezioni psicologiche da Bergman, però nemmeno la nuova versione dell'incredibile Hulk che si arrampica sui muri e distrugge tutto, dai ma che cos'è sta roba... praticamente si sfocia nel trash
Sceneggiatura pessima, regia da sufficienza, dato che qualche sequenza inquietante verso l'inizio c'è, McAvoy discreto, gigioneggiante ma sinceramente ho visto di meglio riguardo le interpretazioni di psicopatici, a tratti dava i nervi e sembrava anche forzatello.
Il riferimento finale a Unbreakable parla chiaro, sono ambientati nello stesso universo, infatti fanno pena entrambi i film.
Orrendo.

3 risposte al commento
Ultima risposta 06/02/2017 01.06.43
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  04/02/2017 14:41:21
   4½ / 10
Un compitino che stavolta Mr. Shyamalan non trasforma con la sua consueta magia cinematografica.

LaCalamita  @  04/02/2017 01:00:34
   9½ / 10
Shyamalan ha fatto centro.
Questo regista è la dimostrazione di come con le stesse idee (nel suo caso trame bizzarre/grottesche) si possa passare da ciofeca a grande film. I suoi ultimi lavori sono effettivamente brutti o tutt'al più inutili, banali.

Split è bellissimo! Un film riuscito pressochè in tutti gli aspetti: all'immancabile curiosità che mettono le sue sceneggiature, si unisce un binomio non comune: riesce ad essere sia comico che inquientante. A volte anche contemporaneamente. Impossibile non citare la scena

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Altro momento in cui Shyamalan dimostra di saperci fare è

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Della prova recitativa di McAvoy c'è poco da dire: qualcosa di grandioso. Andrebbe visto anche solo per questo. Questo attore fa un passo in avanti (forse due) nella sua carriera. Non mi stupirei se venisse ingaggiato da un Tarantino.
Anche gli altri attori vanno bene. Piccola nota: come sempre nei film non esistono ragazze brutte. Non mancano seppur fugaci dei momenti diciamo sexy, o anche solo delle semplici inquadrature. Ma questa è una costante quasi universale dei film, di qualsiasi genere. Dei piccoli trucchettini per alzare l'attenzione. Non è certamente un difetto.
A proposito di questo, Split dunque essenzialmente ne è privo, anche perchè

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Semmai Split nel complesso non risulta mica un capolavoro. Ma è un film riuscitissimo e fatto bene. Da vedere al cinema!

FABRIT  @  03/02/2017 18:53:08
   7 / 10
interpretazione magistrale di James McAvoy, peccato per il film che si incarta nel finale.

VincVega  @  03/02/2017 11:24:27
   7 / 10
Una cosa che devo riconoscere a Shyamalan è proprio questa, vince (quasi) sempre la battaglia al botteghino, porta in massa il pubblico a vedere i suoi film, mette curiosità nei suoi progetti che hanno sempre una buona base di interesse.
Split è sicuramente un film ben fatto, con un gran ritmo, si vede che nonostante il budget ridotto, il regista indiano riesce a dare il suo tocco personale alla storia.
Un argomento quello delle diverse personalità di un individuo, trattato si in diverse pellicole, come ad esempio "Vestito per uccidere" e "Doppia personalità" di De Palma, ma non incentrato completamente sul personaggio principale e con così tante personalità.
In realtà queste 23 personalità nel film non si vedono, ma con un espediente, e per esigenze di durata, Shyamalan riesce a cavarsela.
Una cosa che non ho percepito è la tensione che vorrebbe trasmettere, probabilmente la costruzione della storia è stata un po' gestita male nella parte finale andando verso il soprannaturale, una scelta non completamente riuscita.
Un film che è comunque un grande veicolo per l'interpretazione di James McAvoy, veramente mostruoso a gestire le personalità, cambiando il volto e la fisicità in modo eccezionale, senza mai gigioneggiare (c'era un grosso rischio).
Bravissima anche Anya Taylor-Joy, penso che ne sentiremo parlare parecchio in futuro di questa attrice.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Larry Filmaiolo  @  03/02/2017 11:10:20
   6½ / 10
prova decisamente più concreta e solida del macchiettistico the visit, "split" si poggia praticamente tutto sulla bravura di mcavoy e sulla fikaggine della protagonista (la bellina di the witch) e amichette. inquieta in alcuni frangenti, intrattiene in altri, il finale delude leggermente ma fa niente, è accettabile va'.

Jumpy  @  03/02/2017 01:14:26
   7 / 10
Come farà McAvoy ad interpretare 23 personaggi diversi? Questo mi aveva incuriosito più di tutto prima della proiezione. Infatti... come altri mi han anticipato: non lo fa ma comunque la sua interpretazione è eccezionale.

Il film, tolto l'inizio un po' confusionario, incolla alla poltrona, senza sfruttare le passate di pomodoro di certi horror, ma giocando tutto (o meglio... 3/4 di flim :) ) sull'atmosfera, sulla tensione, con dei toni vagamente retrò da thriller anni '90 che personalmente mi son piaciuti molto.
E' penalizzato dal fatto che, nonostante lo spunto interessante, i risvolti psicologici quasi paranormali, non ci sono dei veri e propri colpi di scena, di quelli che ribaltano la trama, che lasciano di stucco, ma dopo un mezz'ora, si intuisce piuttosto facilmente come finirà.

farfy  @  02/02/2017 23:47:34
   7 / 10
Attendevo fremente questo film. Mi è piaciuta l'interpretazione dei protagonisti, i flashback, la vena umoristica che traspare talvolta nei dialoghi. Non mi è piaciuta la parte finale, da una parte agghiacciante dall'altra confusionaria. Respiri il senso di chiusura delle stanZe, la bruttezza fatiscente dei luoghi coperta dalla smania di precisione.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Norgoth  @  02/02/2017 23:18:22
   7½ / 10
Un'ottima prova attoriale di James McAvoy. Che fosse bravo lo sapevo già, ma qui ha decisamente una marcia in più. Non aveva un personaggio semplice da interpretare e ci è riuscito bene.
Il resto è in linea con ciò che ho già visto di Shyamalan: un'ottima parte iniziale, una buona parte centrale, una parte finale più debole e confusionaria...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Tuttavia, il ritmo è buono, non annoia nonostante l'azione sia praticamente a zero e ci siano quasi tutti dialoghi.
A mio parere è da vedere anche solo per l'interpretazione di McAvoy.

Strix  @  02/02/2017 15:08:20
   7 / 10
Ho sentimenti contrastanti a riguardo.
Avevo molte aspettative, soddisfatte solo in parte.

L'inizio è forte, ma poi verso la metà inizia ad essere pesante. Nel corso del film poi troppi spiegoni, la trama si ingarbuglia e uno inizia a perdersi.
Non mi piace la piega che prende l'atto finale, speravo in un epilogo più geniale o in un twist che alla fine difatti non c'è.
Il cameo negli ultimi secondi lì per lì non l'ho potuto apprezzare perchè non ho visto molti film di questo regista, ma sono certo che per i fan più sfegatati sarà qualcosa di grandioso, visto anche che getta le basi per un eventuale sequel.

Comunque direi che questa è la consacrazione di James Mc Avoy tra gli dei del cinema...ha dimostrato di essere un attorone al pari dei migliori, me lo sentivo che avrebbe fatto strada il ragazzo. Dategli un dannato Oscar, adesso!

lexxino  @  01/02/2017 23:18:28
   8 / 10
Poteva essere un capolavoro, non lo è, ma è comunque un film grandioso.
Thriller ritmato lentamente, introspettivo, psicologico, ma nonostante tutto ti lascia i brividi, momenti di suspance intensa, pochi clichè... con una storia basata su un disturbo mentale... un film dalle venature horror, verosimile, un'interpretazione magistrale del protagonista.

23 personalità, e una 24 esima davvero terrificante.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  01/02/2017 20:43:55
   6 / 10
Sufficiente solo per la bravura dell'attore protagonista. Ultimi 30 minuti scadenti e pieni di idiozie.

andreadieffe201  @  31/01/2017 17:56:25
   5 / 10
partendo dal presupposto che i film dove si capisce chiaramente dove il finale va a parare meritano un -1 di partenza, per il resto una sufficienza striminzita è tutto quello che mi sento di concedere (ergo 6-1 = 5) a questa pellicola, che a tratti ho trovato anche lenta. Buona l'idea delle personalità multiple, ma proprio perchè un'idea carina essa poteva essere trattata in maniera piu fantasiosa.

Invia una mail all'autore del commento AxelFoley  @  31/01/2017 15:10:44
   9 / 10
Ammazza che filmone...
Un capolavoro.
Se questo è il vero Night Shyamalan può essere senza dubbio inserito tra i migliori 10 registi contemporanei.
Il montaggio, la regia, il casting (dopo spendo due parole su McAvoy), la fotografia, gli effetti sonori e le musiche, i dialoghi e i tempi...tutto perfetto.
Se il regista di origine Indiane prima di girare After Earth aveva avuto qualche battuta a vuoto, queste ultime due produzioni sono veramente stupende. Se After Earth era nel complesso un buon film, ma è comunque un blockbuster puro con qualche chicca interessante, con Split, Night passa ad un livello superiore in tema di qualità e più profondo in molte cose, dalla psicologia e i characters degli attori, alla capacità di non rendere mai banale e ridicola la sceneggiatura e gli script degli attori, questo anche grazie ad una prova ECCEZIONALE di James McAvoy.
Per creare un paragone piuttosto recente, direi che la prova di Heath Ledger nel Joker ti lascia le stesse sensazioni...2 attori che pescano il jolly nel loro mazzo di bagaglio tecnico sfoderando due prove veramente notevoli ed entrambe senza alcun dubbio da oscar diretto.
La capacità di McAvoy di impersonare la dissociazione d'identità con sviluppo di personalità multiple è mostruosamente realistica, non lascia mai lo spettatore col dubbio che stia interpretando, ma la sensazione che passa è quella che il personaggio di McAvoy, Kevin, sia veramente malato psichico di questo problema:
Tutte le scene, le inquadrature in terza camera o in prima, i tempi di dialogo fanno tutte percepire la stessa sensazione di malattia profonda in lui, non c'è spazio x il dubbio. Oltretutto c'è la anche la qualità sublime di non uscire mai fuori dalle righe del personaggio e risultare "troppo" o esagerato, rimane sempre nei canoni limitati del ruolo di personaggio problematico, senza mai voler mostrare in maniera plateale che lui è malato, e facendo questo riesce a far passare proprio il messaggio del malato psichiatrico ovvero che è convinto di stare bene e di essere in pace con se stesso. Poi ovviamente ogni personalità ha un suo modo di vedere la faccenda, ma il risultato finale è veramente credibile, e quindi incredibile.

InvictuSteele  @  30/01/2017 15:34:30
   6½ / 10
Shymailan, probabilmente uno dei registi più sopravvalutati della storia solo perché ha azzeccato un paio film in carriera, torna a dirigere un discreto film dopo il deludentissimo e scialbo The Visit, e lo fa col suo consueto stile, la fine tecnica registica e le straordinarie atmosfere che da sempre lo contraddistinguono. Shymailna sa girare, quello è poco ma sicuro, purtroppo però si perde sempre nella sceneggiatura, risultando piuttosto farraginoso e forzato, e anche in questo caso Split perde punti perché si trascina forse troppo nell'attesa che accada qualcosa. Quel qualcosa accade, sia chiaro, però prima di arrivarci bisogna aspettare tanto, tanti minuti dove succede poco con la scusa dell'indagine psicologica, quando invece si sarebbero putiti accorciare diverse scene poco utili allo sviluppo e inserirne di nuove e più dinamiche. Tuttavia il thriller funziona, McAvoy è un attore straordinario, le atmosfere ossessive sono tangibili e il finale è gradito. Insomma, ho trovato Split un buon prodotto, con qualche difetto di fondo, e uno Shymalain in discreta forma. Manca di azione e manca di profondità psicologica... avrei voluto si scavasse ancora di più nella psiche del pazzo.

the saint  @  30/01/2017 15:12:28
   6 / 10
Mr Night shala la la, credo sia proprio uno dei registi più sopravvalutati di sempre!
Il mio voto va tutto a McAvoy! Una prova stellare che tiene a galla tutto il suo film!
La parte in cui balla e' da oscar! Per il resto di queste 26 personalità se ne vedono 3 o 4! Il film praticamente e' da 2! Menomale non sono andato al cinema!

IperBark  @  29/01/2017 14:21:44
   6½ / 10
Esattamente come la Bestia, questo film ha un potenziale gigantesco, che tuttavia non riesce a sfruttare completamente.
Fin dai trailer la mia principale domanda era una sola: come faranno a mostrare ben 23 personalità, rendendole tutte credibili e non rischiando di annoiare o di farle diventare delle macchiette? La risposta è semplice: non lo fanno. Noi conosciamo veramente solo tre delle identità dell'antagonista, quelle "malvagie", e abbiamo brevissimi sprazzi di altre tre (lo stilista, l'erudito e Kevin, ovvero quello che dovrebbe essere la persona "originale").
La domanda dunque sorge spontanea: perché mettere così tante identità, se alla fine se ne mostrano solo sei? E perché non approfondire il suo passato?

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Mostruosa comunque la recitazione di James McAvoy, regge perfettamente in tutte le sfaccettature di Kevin. Noiose, stereotipate e relativamente inutili invece le vicende delle tre ragazze rapite, con dialoghi tiratissimi e non in grado di interessare lo spettatore. Si salva giusto Casey, anche se il modo in cui viene raccontata la sua storia è un po' troppo slegato dal tutto.
Nel complesso è comunque un bel film, ma lascia un po' la sensazione di un potenziale enorme sfruttato a metà.

1 risposta al commento
Ultima risposta 29/01/2017 22.37.15
Visualizza / Rispondi al commento
debaser  @  29/01/2017 08:54:38
   7 / 10
Un ritorno a buoni livelli di Shyamalan con un film molto coraggioso ma allo stesso tempo riuscito. Bella l'idea alla base della realizzazione di questo film

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER con un unica pecca di uno svolgimento lineare e poco approfondito a cui manca il solito colpo ad effetto che a cui ci aveva abituato il regista indiano. Per il resto film godibile ed ampiamente sufficiente.

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  29/01/2017 00:45:48
   8 / 10
Grande shyamalan.
Riesce a farti vivere una esperienza terrificante senza usando sangue e sbalzi dalla poltrona. Un thriller davvero coinvolgente. Da vedere

Mildhouse  @  28/01/2017 01:41:25
   7 / 10
7-

Shyamalan É un regista che ammiro e apprezzo molto : oltre a dirigere scrive I suoi stessi film, ed É possibile notare quanto spesso rischi dal punto di vista della sceneggiatura ( che tra l'altro é tutta farina del suo sacco ). Split risulta tuttavia un occasione "in parte" persa. Si distingue per l'ottima prova attoriale di McAvoy e per dei dialoghi e situazioni ben congeniati principalmente durante la prima ora e mezza, ma avviandosi verso il finale sfumano le chance che l'avrebbero potuto rendere un film più valido

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

La citazione finale a Unbreakable poi non so perchè, ma non mi ha fatto per nulla piacere

GTX33guitar  @  27/01/2017 10:54:32
   8 / 10
Alternativa bella ed interessante ai soliti film sulla possessione demoniaca...da vedere...

venetoplus  @  27/01/2017 10:04:57
   6½ / 10
Non male, plot interessante che, a mio avviso, si prestava a mille e piu' soluzioni

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER Ottima prova di McAvoy. Scollata dal contesto la vicenda parallela dell'infanzia della protagonista

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER Nel complesso cmq un Shyamalan non certo ai fasti del passato ma sulla via della guarigione nonostante il penoso cameo!!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 29/01/2017 01.07.31
Visualizza / Rispondi al commento
gringo80pt  @  27/01/2017 00:05:14
   8½ / 10
Partenza un pò confusa ed a tratti stucchevole. E' solo il preludio al decollo di una trama tesissima ed unica. Vincente la colonna sonora e la recitazione del protagonista. Gli ultimi 20 minuti sono proprio di goderecci.

SPACCA A MANETTA

neverhood  @  24/01/2017 08:12:20
   9 / 10
Indubbiamente un eccellente risultato, dove Shyamalan ritorna agli smalti qualitativi dei suoi primi film.
Molte le citazioni, in primis Hitchcock, la pellicola non presenta in definitva nulla di particolarmente innovativo, ma come sempre Shyamalan gestisce la tensione in un modo eccelso, senza mai ricorrere a trucchetti banali, spaventi "da petardo" o effettacci grafici, dosando intelligentemente thriller, horror (poco) e humor.
Ottima prova per gli attori, in primis James McAvoy, il poliedrico protagonista affetto da DID, sia per le tre protagoniste che, come raramente accade al cinema, si comportano in un modo "coerente" e "normale", come farebbe credo qualsiasi persona reale nella situazione nella quale si vengono a trovare.
Naturalmente, come buona abitudine, il regista ci delizia negli ultimi 10 secondi con il mitico twist-ending.
Ah, da notare la "chicca" grafica dei titoli di coda.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


950759 commenti su 36531 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net