the scarlet letter regia di Byun Hyuk Corea del Sud 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the scarlet letter (2004)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE SCARLET LETTER

Titolo Originale: JUHONG GEULSHI

RegiaByun Hyuk

InterpretiSuk-kyu Han, Eun-ju Lee, Hyeon-a Seong

Durata: h 1.15
NazionalitàCorea del Sud 2004
Generethriller
Al cinema nell'Agosto 2004

•  Altri film di Byun Hyuk

Trama del film The scarlet letter

-

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,25 / 10 (2 voti)8,25Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The scarlet letter, 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Ciaby  @  08/08/2011 15:20:39
   9½ / 10
Un estremo viaggio nella follia. Un film complesso e confuso, ma che raggiunge vertici inarrivabili (la scena di loro due rinchiusi nel bagagliaio, l'omicidio con statuetta), che colpiscono sia cuore che stomaco, grazie anche alla meravigliosa e sorprendente recitazione dell'intero cast, tra cui la compianta Lee Eun-Ju, suicidatasi dopo la realizzazione di questo film . è un film che stravolge, sconvolge e va oltre persino la stessa definizione di genere.

Non è un dramma, non è un thriller: è un film dell'anima. Un film che per oltre un'ora sembra il classico melò un po' erotico coreano e che, poi, esplode, in un vorticoso viaggio a spirale tra violenza, psicopatia e momenti che ghiacciano il sangue, con personaggi quasi Lynchiani e un finale dannatamente riuscito. Veramente splendido. Da vedere assolutamente.

2 risposte al commento
Ultima risposta 13/08/2011 12.55.27
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento matteo200486  @  09/08/2007 00:16:05
   7 / 10
«Allora la donna vide che l'albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch'egli ne mangiò. Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.» Genesi 3, 3-7

Scarlet letter è il secondo lungometraggio del regista Byun Hyuk, che pochi anni prima si era presentato al grande schermo, con il melenso e fastidioso Interview. Sinceramente mi sono avvicinato a Juhong Geulshi con un pò di scetticismo, che è stato confermato per la prima ora. Poi ad un tratto il film cambia e acquisisce sempre più interesse fino allo splendida mezz'ora finale che risolleva le sorti della pellicola lasciando, aimè, l'amaro in bocca perchè potenzialmente si poteva fare di più.
Hyuk sviluppa una storia d'amore alquanto intrecciata in parallelo alle indagini su un omicidio. Una delle pecche del film è quella di far passare quest'ultima vicenda in secondo piano concludendola in modo eccessivamente frettolosa, lasciando erroneamente spazio alla intricata storia d'amore a tre.
L'incipit iniziale introduce alle vicende in cui sono le donne le peccatrici, coloro che inducono in tentazione l'uomo, pensiero quasi misogino espresso, però, a chiare lettere da Hyuk, e risottolineato nel finale.
Ma la donna non è solo rappresemtata come femme fatale ed assassina ma bensì le protagoniste sono esseri forti, che sorreggono sulle proprie spalle i dolori e le sofferenze dei propri compagni. Quindi Hyuk manifesta una duplice visione della donna: da una parte ne è avverso dall'altra ammirato.
Un'altra pecca è il riferimento, a mio parere inappropriato, al capolavoro di Hawthorne. Quasi a sviluppare un pretestuoso ed estremo tentativo di elevare anche intellettualmente la pellicola, tentativo che miseramente fallisce nella sua banalità.

Sotto il punto di vista tecnico è il classico film coreano. Fatto quindi di un'ottima fotografia e una discreta regia. Tra le attrici una menzione d'onore alla bellissima e bravissima Lee Eun-joo, che si suicidò a soli 25 anni, al termine delle riprese di questo film.
Quindi in conclusione un buon film ma mi aspettavo di più. Le lacune e gli elementi di negatività sono presenti ma in parte vengono colmati dalla buonissima parte finale

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


958441 commenti su 37525 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net