ben-hur (1925) regia di Fred Niblo Usa 1925
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

ben-hur (1925)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film BEN-HUR (1925)

Titolo Originale: BEN-HUR: A TALE OF CHRIST

RegiaFred Niblo

InterpretiRamon Novarro, Francis X. Bushman, May McAvoy, Betty Bronson, Claire McDowell, Kathleen Key, Carmel Myers, Nigel De Brulier

Durata: h 2.23
NazionalitàUsa 1925
Generestorico
Al cinema nel Dicembre 1925

•  Altri film di Fred Niblo

Trama del film Ben-hur (1925)

Durante gli anni della vita di Cristo, Giuda Ben-Hur viene condannato ai remi accusato, insieme alla madre e alla sorella, di aver attentato alla vita del console romano in Palestina. Infatti viene mandato come rematore in una nave della provincia romana. Dopo molti anni di duro lavoro, Ben-Hur riesce a riscattarsi salvando la vita al console romano Quintus Arrius che lo adotta come figlio. Inoltre l'eroe viene scelto come partecipante alle corse di bighe di cui diventa subito campione. Ma Ben-Hur cerca anche di scoprire chi l'ha tradito in Palestina e parte alla sua ricerca. Lo troverÓ in Messala, un tempo suo amico, e lo sconfiggerÓ nell'ultima gara di bighe che si svolgerÓ a Gerusalemme.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,50 / 10 (2 voti)8,50Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Ben-hur (1925), 2 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Dom Cobb  @  11/04/2018 17:42:45
   8 / 10
Al tempo della predicazione di Gesù, il principe giudeo Giuda Ben-Hur viene tradito dal suo amico d'infanzia, il tribuno romano Messala, e imprigionato con tutta la sua famiglia. Inizierà per lui un'epica odissea per reclamare la sua vendetta...
Il romanzo del generale sudista Lew Wallace è diventato in breve tempo uno dei più popolari del suo tempo, ma al giorno d'oggi la vicenda narrata deve la sua enorme popolarità presso il grande pubblico alle varie trasposizioni filmiche derivate da esso, al punto che viene da chiedersi quanti al giorno d'oggi sono al corrente dell'esistenza stessa del libro originario.
Con questa versione della metà degli anni '20, si ha già una buona idea di cosa abbia causato tanta popolarità sul grande schermo: si tratta del primo prodotto della neonata Metro-Goldwyn-Mayer, realizzato nel bel mezzo della fusione tra le varie società; dopo aver sofferto una produzione travagliata e ricca di controversie, divenne il campione d'incassi di quell'anno, permettendo alla company di sopravvivere, e ad oggi viene visto come l'apice tecnico ed espressivo del cinema muto in quel di Hollywood. Dopo averlo visionato, mi viene difficile disapprovare.
Indubbiamente, qui stiamo parlando di gargantueschi passi avanti rispetto alla precedente versione, un'opera capace anche di prevaricare i kolossal che Cecil B. DeMille produceva in quegli anni. Alla regia troviamo, accreditato in solitaria, ma in realtà coadiuvato da tanti altri, Fred Niblo, che si era fatto le ossa dirigendo alcuni dei migliori exploit avventurosi di Douglas Fairbanks, e fra i vari assistenti vi è anche un giovanissimo William Wyler, il cui nome forse vi dirà qualcosa. Niblo non è un nome conosciuto, ma dopo aver visionato molti dei suoi lavori è affascinante come esso si sia evoluto nel corso di pochi anni: se ne "Il segno di Zorro" con Fairbanks si limitava a mantenere un'impostazione estremamente teatrale, con lunghe riprese a camera fissa e prevedibili usi del montaggio, gradualmente questa legnosità si perde, e in Ben-Hur troviamo tali e tanti cambiamenti stilistici che risulta difficile immaginare che si tratti dello stesso regista.
In effetti, tralasciando i costumi e le scenografie, per l'epoca davvero imponenti e che perfino oggi fanno ancora la loro bella figura, è la regia il piatto forte di questo film: essa è capace di valorizzare ogni singolo set con arditi movimenti di camera e coraggiose angolazioni, sottolineando l'incredibile sforzo tecnico dietro ad alcuni dei momenti più spettacolari.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

A questo si aggiungono alcuni tocchi di stile molto peculiari, come un paio di scene realizzate in una versione non rifinita di Technicolor a due colori, tocchi che coincidono con l'apparizione della figura del Cristo e dunque volti a creare un'atmosfera particolarmente mistica. Per il resto, inutile parlare di performance: sebbene sia di gran lunga più professionale e contenuta rispetto al predecessore, la recitazione è quello che è, teatrale e figlia del suo tempo privo del sonoro.
Perciò si può dire che, nel bene e nel male (sempre che di male si possa parlare), "Ben-Hur" si conferma essere una summa di tutte le tecniche e convenzioni usate all'epoca del cinema muto, un autentico testamento di un'epoca che, nel giro di pochissimi anni, sarebbe stata travolta dall'arrivo del sonoro e, di conseguenza, estinta.

Arkantos  @  13/02/2018 10:23:38
   9 / 10
La gente è stufa dei remake, li considera inutili e dannosi per la mancanza di idee, insomma, è solo una macchina per far soldi; guarda caso, esce un nuovo Ben-Hur.
Spettatore (molto aristocratico) = Ma scusami eh, ma non bastava la versione del 1907 che occupa un solo rullo?! Cosa ci mette di nuovo questa versione porca vacca?! Vabbè, me lo guardo solo perché prima di giudicare devo vederlo.
[Dopo la visione]
"WOOOOOOOOOOOOOOOOOW!!!"
"VAI COSI' HOLLYWOOD!"

ATTENZIONE SPOILER!!!

È grazie a questo film se Ben-Hur è diventato una pietra miliare del cinema.
Prima di tutto, la durata di due ore e mezza permette al film di trattare molto più in dettaglio la storia, senza farsi mancare scene piuttosto intense; poi, da questo film nasceranno le due scene più famose e imitate dai Ben-Hur successivi, la prima sulle triremi, realizzate in scala reale, permettendo una battaglia molto accurata, la seconda sulla corsa tra le bighe (sì, sono quadrighe, lo so), realizzata in una maniera impensabile per l'epoca col suo montaggio dinamico, le inquadrature ravvicinate tra i vari giocatori e che causò la morte di vari cavalli; sorprendono inoltre alcune scene con dei nudi femminili, visto l'arrivo ormai imminente del Codice Hays.
I vari attori fanno il loro dovere nei rispettivi ruoli e il film, eccetto qualche momento di lungaggine, riesce tutto sommato a essere godibile; semmai, anche se questo è un problema soggettivo, l'ho trovato molto pomposo, ma lì è colpa della storia in sé… Lo ammetto, non è una delle mie storie preferite nel genere peplum.
Infine, come potrei non parlare delle ambientazioni maestose, del Technicolor (primitivo, ma fa comunque il suo effetto) e dell'enorme numero di comparse, merito di uno dei budget più alti mai stanziati per un film muto; a livello tecnico questo film è un vero gioiello (da quel che ho letto, pure la Minaccia Fantasma di Star Wars si è ispirato alla scena delle bighe).
Insomma, un gran remake, tutti felici e contenti, ve lo consiglio se volete vedere:
- L'ispiratore delle successive versioni di Ben-Hur.
- Un film muto piuttosto scorrevole (daranno un po' di problemi solo le didascalie molto lunghe).
- La miglior rappresentazione della famosa battaglia navale.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1010913 commenti su 44482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net