evil il ribelle regia di Mikael Hafstrom Svezia 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

evil il ribelle (2003)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film EVIL IL RIBELLE

Titolo Originale: ONDSKAN

RegiaMikael Hafstrom

InterpretiAndreas Wilson, Henrik Lundstr÷m, Gustaf Skarsgňrd, Jesper SalÚn, Marie Richardson, Johan Rabaeus, Kjell Bergqvist, Linda Gyllenberg

Durata: h 1.53
NazionalitàSvezia 2003
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 2003

•  Altri film di Mikael Hafstrom

Trama del film Evil il ribelle

Dopo essere stato espulso da scuola, Erik viene mandato in un collegio privato dove gli studenti pi¨ giovani sono vittima dei grandi. Erik in particolare deve vedersela con Otto Silverhielm. Il ragazzo stringe per˛ anche una forte amicizia con Pierre e incontra Marja...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,10 / 10 (52 voti)8,10Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Evil il ribelle, 52 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

alex94  @  24/04/2022 21:48:56
   7 / 10
Un buon film, nonostante alcune esagerazioni nello scontro tra un unico studente ed un intera scuola e nonostante non si faccia mancare nessun cliché del sottogenere dei college-movies.
Risulta piuttosto avvincente e duro in alcuni passaggi impreziosito dall'ottima prova di Andreas Wilson.
Una bella prova di esordio di un regista che negli anni seguenti ha perso il talento per strada.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  23/02/2022 18:56:11
   7 / 10
E' un film che ha la sua solidità, possiede un respiro internazionale in considerazione che il contesto svedese dove la vicenda si svolge non differisce da altre realtà (americana per esempio, vedasi abbigliamento alla James Dean del protagonista). Una ribelliione innata ma indisciplinata, nel senso che la violenza esercitata è fine a se stessa e gratuita. Per cui l'individualità spiccata del protagonista si scontrerà una arrivato al collegio privato, prestigioso (un po' alla Attimo fuggente), ma dove c'è un nonnismo istituzionalizzato. Un racconto di formazione veloce e scorrevole, qualche sottotrama poco approfondita e qualche personaggio secondario leggermente schematico. Malgrado questo la buona prestazione del protagonista, una storia non originale ma con un giusto grado di coinvolgimento, fanno passare due ore in scioltezza.

DogDayAfternoon  @  07/06/2021 22:54:01
   7 / 10
Bella sorpresa questo film svedese, magari non molto originale nelle tematiche, ma davvero efficace. Appassionante, coinvolgente, anche se francamente la media dell'8 abbondante mi sembra esagerata. Niente male anche le interpretazioni.

nevermind  @  14/03/2021 01:23:02
   8½ / 10
Scorre molto bene, poco conosciuto. Addirittura lo trovate anche su Prime e devo dire che ci sono rimasto perchè la qualità del video (che dovrebbe essere il top su Prime) in realtà alterna scene in cui l'immagine è sgranata o a bassa risoluzione (pochi frames per pochi secondi su tutto il film ma la cosa è strana ) .
Unica pecca il finale molto sbrigativo, avrei preferito che il regista dedicasse qualche minuto in più sul futuro del ragazzo, sulla relazione con Marja ad esempio.
Insomma, non posso che consigliarlo, ricorda molto i college inglesi anche se ambientato in Svezia

StIwY  @  12/06/2019 00:06:04
   7½ / 10
Non so voi, ma a fine visione, avevo ancora l'adrenalina addosso e la voglia di picchiare qualcuno La tensione nervosa tiene incollati fino alla fine, e la sete di giustizia in qualche modo viene trasmesso dallo schermo allo spettatore. Sarà anche che io, odio i bulli. Ottima caratterizzazione dei personaggi. Come ha detto qualcuno, la trama non è certo originale, ma il "puzzle" è ben assemblato.

Solo una cosa non ho capito.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Spera  @  10/05/2019 08:37:57
   6 / 10
Attirato da una media abnorme e dalla produzione svedese, ho voluto guardare questo film sulla voglia di ribellione di un ragazzo che deve affrontare il college negli anni 40...penso.
Realizzato bene, non c'è che dire: regia e fotografia sono buone ma la cosa che più mi ha deluso è che sembrava di vedere un film di fattura americana.
Mettiamoci che il tema è stra-abusato e che tutto viene raccontato senza un minimo di originalità e il gioco è fatto.
Ne esce un film inutile, sorretto da un attore protagonista assolutamente non all'altezza e con un finale a dir poco brutto, scontato e soprattutto vecchio che fa letteralmente cadere le braccia, dove il nostro protagonista vince su tutti.
Alla fine la sensazione è quella di essere rimasti con un pugno di mosche, lascia poco noente.

SI arriva alla fine senza troppi problemi ma in fondo risulta un'opera più che trascurabile.

VincVega  @  09/01/2018 18:43:05
   7 / 10
Un film assolutamente coinvolgente per tutta la durata di quasi due ore. Però non l'ho trovato così clamoroso e originale. Comunque resta un film da vedere.

Biasx  @  11/03/2017 12:31:16
   7 / 10
Sinceramente, la media mi aveva fatto pensare a qualcosina di più. Il film sicuramente scorre bene e si fa guardare, ma forse manca un po' di originalità e anche i dialoghi non sono proprio il massimo. Inevitabile però l'immedesimazione nel protagonista, così come la voglia di vederlo reagire, ogni minuto che passa, ai soprusi di cui è vittima. Una visione se la merita.

clint 85  @  05/12/2016 23:51:29
   7½ / 10
Un film che trasporta e coinvolge, non è da tutti.

Molto bello.

Gruppo COLLABORATORI Invia una mail all'autore del commento ilSimo81  @  08/07/2014 17:30:48
   8½ / 10
Per compiacere la madre che ama, Erik subisce impassibile le violenze del patrigno, sfogando sistematicamente ira e frustrazione sui compagni di scuola. Quando finisce in un collegio in cui la violenza è l'arma ordinaria di un nonnismo pressoché istituzionalizzato, deve scegliere se ribellarsi o accettare passivamente.

"Evil - Il ribelle" nasce dall'autobiografia (1981) del noto scrittore svedese Jan Guillou e approda al cinema (2003) ad opera di Mikael Hafstrom - regista di opere per lo più mediocri, ad eccezione dell'onesto "1408" (trasposizione cinematografica dell'omonimo racconto di Stephen King, che espresse apprezzamento per quel film).
Ottimamente ricostruite le ambientazioni e le peculiarità dei concetti educativi propri dell'epoca (1959), Hafstrom vi immerge i suoi personaggi: ragazzi (e uomini) frustrati si sfogano altezzosi su altri ragazzi, loro sottoposti per età e per convenzione sociale (nella fattispecie, per tradizione dell'istituzione scolastica), che subiscono la logica del nonnismo pur di non trovarsi a soccombere radicalmente.
"Evil" non usa mezze misure nel riproporre questi episodi, narrandoli in modo piuttosto crudo e violento. Modo necessario e pure efficace, visto che trasmette allo spettatore l'impulso ad una ribellione violenta.
E merito di questa efficacia è certamente nell'abilità degli attori di rendere odiosi, o apprezzati, o compatibili (in una parola, credibili) i propri personaggi.

Questa sapiente mescolanza di violenza e dramma, ben gestite in crescendo, rende "Evil" un film ben fatto, un piccolo cult nel suo genere.

ZanoDenis  @  23/05/2014 20:07:19
   8 / 10
Il più bel film di Hasform, duro, crudo, coinvolgente, emozionante ed anche con una forma di denuncia, realistico e con una caratterizzazione dei personaggi che ti fa venire voglia di entrare dentro lo schermo per menare i ricchi. Sicuramente un ottimo film

BlueBlaster  @  12/03/2014 04:14:18
   7½ / 10
Ottimo inizio per Mikael Håfström che ora si è venduto l'anima ad Hollywood....di lui ho molto apprezzato anche "1408" ma già con "il Rito" i livelli delle sceneggiature si sono abbassati nonostante si veda ancora la mano di un regista convincente.

Una storia di violenza e non-violenza, tratta da un episodio reale, come tanti ce ne saranno stati all'interno di quei college austeri dominati da una gerarchia assurda.
Mi sarei aspettato un'evoluzione più cruenta ma il film mi ha comunque molto coinvolto perché narra molto bene una storia particolare che si avvicina al filone "rape&revenge" per certi versi...una pellicola che fila liscia come l'olio e che lascia importanti messaggi e valori.
Il finale, con tutte le rivincite del caso, è perfetto...
Ottima prova per Andreas Wilson nel ruolo del protagonista!

messinese  @  29/11/2013 14:30:35
   9 / 10
non avevo mai visto questo film, devo dire che mi ha colpito per la trama molto intensa e la bravura degli attori nel recitare. finale molto bello...comunque per chi non lo avesse visto, lo raccomando..fa pensare davvero molto, visto che viviamo in questa triste realtà.

MonkeyIsland  @  17/06/2013 01:43:20
   9½ / 10
Capolavoro.
Estremamente coinvolgente racconta le crudeltà che subivano molti studenti nei collegi.
Ci si affeziona al protagonista e Pierre in pochissimo tempo.

Zisola  @  08/10/2012 00:39:35
   8½ / 10
Visto e rivisto più di una volta senza che si sia rivelato mai banale

Il film tratta le vicende vissute in un collegio privato della Svezia, ma a mio parere porta alla luce eventi di nonnismo che tutt'oggi in molti istituti sono all'ordine del giorno

Bellissimo Film, ben riuscito e che mi ha piacevolmente sorpreso e colpito per la naturalezza delle scene ! da non perdere !

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  26/09/2012 16:55:55
   9 / 10
Un piccolo capolavoro. A tratti mi ha ricordato l attimo fuggente ma in questa pellicola ce molta violenza. Attori e regia grandiosi. Una perla da non perdere.

C.Spaulding  @  21/07/2012 17:35:09
   7½ / 10
Buon film. la storia coinvolge bene la regia è buona e anche la recitazione non è male. Una storia di violenza e sadismo in un collegio Svedese. Molto bello....da vedere.

Lory_noir  @  28/05/2012 23:58:47
   8 / 10
Il perfetto punto d'incontro tra L'attimo fuggente e I dolori del giovane Holden.

Invia una mail all'autore del commento Gondrano  @  29/01/2012 21:20:46
   8 / 10
Film all'apparenza usuale ma in realtà dai significati più che profondi.
Ottima la prova di tutto il cast, con un protagonista eccezionale.

dave89  @  21/06/2011 00:32:43
   10 / 10
Un assoluto capolavoro. Uno dei miei film preferiti. Da non perdere assolutamente.

James_Ford89  @  29/05/2011 05:01:03
   8½ / 10
Seppur gli attori siano semisconosciuti, la recitazione in questo "Evil-il ribelle" è impeccabile. Parto dicendo questo perchè il film oltre il messaggio molto profondo sulla giustizia, si basa molto sulle magnifiche interpretazioni dei personaggi.
La ribellione messa in un angolo per costruirsi un futuro, la furbizia nell'affrontare i nemici, l'umiltà che si evince da vari spezzoni, rendono facile il compito di affezionarsi ad Erik.
Film molto toccante, consigliabile la visione almeno 2 volte.

Oskarsson88  @  24/05/2011 19:05:13
   6 / 10
Questo film sicuramente riesce a trasmetterti molta rabbia per i soprusi che Eric, su tutti, ma anche i compari devono subire nella scuola privata ed è per certi versi anche lodevole il messaggio, per certi versi "cristiano" che viene trasmesso...è anche vero che si tratta di una storia autobiografica e che quindi realmente accaduta, però la trasposizione moderna con ambientazione al passato convince poco (sembra di essere al giorno d'oggi quando siamo subito dopo la seconda guerra mondiale) e anche alcuni dialoghi e situazioni mi sembrano campate piuttosto per aria... diciamo che mi sembra tutto un po' troppo semplicistico. Media decisamente troppo alta....

mario89  @  24/01/2011 13:56:51
   9 / 10
davvero un gran bel film.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  13/01/2011 00:22:18
   7 / 10
Buon film di Hafstrom prima della completa lobotomizzazione avvenuta a Hollywood.
Riuscito soprattutto il gioco piscologico con lo spettatore: inizi condannando i comportamenti violenti del protagonista, finisci a sbavare davanti al televisore implorando una sua reazione al grido di sangue-sangue-sangue. Nonostante qualche ingenuità, ottimi e ben caratterizzati tutti i protagonisti.

guidox  @  08/10/2010 00:43:41
   8 / 10
leggendo la trama non mi aspettavo niente di che, ma mi sono dovuto ricredere, perchè nonostante l'intreccio non sia certamente originale, è la tensione nervosa che domina questo film che lo rende particolare.
il protagonista, un ragazzo istintivo che sa menare le mani e che usa la violenza anche quando non ce n'è bisogno, che però subisce incessamente le angherie del patrigno in silenzio.
il suo percorso di maturazione, senza piegarsi mai al nonnismo assurdo dell'istituto in cui viene mandato, che lo tiene sempre sul filo di un'esplosione di rabbia, ma che lo porta a combattere la sua battaglia ANCHE e SOPRATTUTTO con altre armi.
consigliato.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  19/07/2010 14:58:58
   7½ / 10
Non è un film eccelso,ed infatti Hafstrom nei suoi seguenti lavori manifesterà quei limiti che si palesano a tratti anche in quest’opera,la prima da lui realizzata ad aver goduto di una distribuzione decente.Eppure la figura di Erik e la storia di cui è protagonista mostrano la forza necessaria per tramutare “Evil-Il ribelle” in un buon film,nonostante una gestione schematica dei personaggi,spesso delineati in modo troppo rigoroso e uno svolgimento a tratti sin troppo didascalico.
Non lascia indifferenti però il percorso di maturazione del giovane scapestrato.In prima battuta presentato come un disgraziato,una sorta di violentissimo bad-boy,in realtà ridotto in tal modo a causa delle angherie fisiche e psicologiche subite da parte di un patrigno violento e dall’atteggiamento estremamente pavido di una madre remissiva.
Espulso da tutte le scuole svedesi per l’ennesimo gesto di insofferenza si troverà inviato in un collegio al fine di concludere gli studi.Un luogo che si rivelerà un inferno all’interno del quale, gli studenti più anziani, attraverso un regime quasi militarizzato sfociante in un nonnismo estremo,gestiscono la vita conviviale.Sono gli anni ’50,la Seconda Guerra Mondiale è terminata da poco ed i rigurgiti nazisti stentano a scomparire.Questi prendono corpo all’interno dell’istituto,favoriti dall’isolamento elitario del luogo e dall' indifferente benestare di professori più interessati al pagamento della retta scolastica che alla serenità o all’incolumità dei propri studenti.Per Erik resistere dapprima alle provocazioni,poi a delle vere e proprie violenze non sarà semplice,anche perché reagire con la stessa moneta significherebbe l’espulsione immediata.Nel giovane si innesca quindi un’ impellente maturazione che lo spingerà a comprendere quanto i problemi possano essere affrontati non solo alzando le mani,favorendo lo sviluppo di altre qualità sino ad allora in lui sopite.Il racconto scorre fluido ed incisivo,i vizi non recano gran fastidio,anzi ,il coinvolgimento è assicurato e il messaggio di fondo viene espresso con lungimiranza.

TheLegend  @  07/07/2010 03:15:31
   7 / 10
Nulla di originale,trama abbastanza scontata e dialoghi abbastanza banali.
Si segue però con interesse e non annoia.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  29/04/2010 11:55:06
   7½ / 10
Assolutamente convincente questo film sulla rabbia e sulla sopravvivenza. L'ambientazione o l'incipit non saranno originalissimi ma lo sviluppo della storia è solido e credibile in ogni sfaccettatura. Gli attori sono incredibilmente bravi ed il regista coglie perfettamente alcune emozioni in pochi cambi di inquadrature.
Un film da vedere.

bulldog  @  23/04/2010 23:53:58
   7 / 10
Un filmettino semplice semplice che si lascia seguire con leggerezza.
Sorvoliamo sulla presunta pretenziosità di questo Haftsrom.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/04/2010 12.11.32
Visualizza / Rispondi al commento
sandrone65  @  15/04/2010 16:59:44
   7½ / 10
Un bel film, senza dubbio. Un po' scontato il tema dell'eroe solo contro il sistema e che alla fine si ribella e vince contro tutto e contro tutti.
Meno scontato invece è lo sviluppo della storia, il conflitto tra la rabbia istintiva che suggerisce il ricorso alla violenza e la consapevolezza crescente del protagonista di doversi costruire un presente e soprattutto un futuro evitando il ricorso alla violenza. Da vedere sicuramente.

Clint Eastwood  @  15/04/2010 14:28:28
   8½ / 10
Quel giorno noleggiai Evil, Collateral di Mann e Man on Fire di Scott ... una vera bomba di emozioni e vendette.
Nominato come miglior film straniero agli oscar del 2004, diritto di cui gode pienamente, è una pellicola ben girata, molto diretta che non si ferma ad analizzare/pensare/lasciare spazio/pause/rilassamenti, è istintivo e alla fine direi educativo/istruttivo. La scelta del protagonista è già la metà del lavoro svolto. Non troppo alto per essere un gigante imbattibile, non troppo basso per non andare incontro a certi pregiudizi o retorica, media statura, robusto e ben proporzionato per quello che sa fare meglio : picchiare. Ma la sua rabbia ha un motivo e va cercata nel padre "assente" e il patrigno rigidissimo da dove accumula tutta questa energia negativa per poi scaricarla fuori, entro le mura della strade, scuole, su altri ragazzi. Questa volta espulso e non riconosciuto/ammesso dalle scuole pubbliche, sceglie/va in un'istituzione privata in periferia, luogo in cui i "socialdemocratici" vengono discriminati/presi in giro dai nobili nonchè dal consiglio di studenti o dallo "spirito di gruppo". E' la sua ultima chance di rimettersi in carreggiata per poi proseguire al liceo, ma il suo modo di fare, la testa dura e principi rigidi imparati dalla strada creerà non poco attrito e conflitti all'interno dello spazio studentesco, colpendo i più vicini e i più cari, svuotando il cuore del protagonista che si riempie oltremisura di rabbia quasi canina. Abbiamo un personaggio ribelle che somiglia tanto a James Dean d'epoca, abbiamo il sistema poco furbo che potrebbe rispecchiare la società e l'ingiustizia e abbiamo ancora, principalmente, l'uso della non violenza, l'applicazione della ragione e dei metodi pacifici (sembrerà banale ma non lo è poi), dove qualche eccezione ci scappa. Il film si guarda in un fiato, in un respiro perchè mediamente tutto corrisponde alla definizione "più che ottimo", forse di meno la tensione generata e la trama comoda a costo della retorica e delle emozioni facili, ma non dimentichiamo quando è ambientato e quanto erano "emancipati" i giovani d'allora e aggiungiamo la Svezia poco conosciuta. Il fatto è che lo rivedi per la quinta volta e ti accorgi che non è poi tanto banale. Consigliato.

DarkRareMirko  @  11/04/2010 07:49:59
   9 / 10
Davvero un gran bel film, forse a tratti un pò traculento e compiaciuto, ma ad ogni modo molto profondo e molto ben diretto e sceneggiato.

Tutti bravi ed indicati gli attori; a prima vista potrebbe sembrare un film appartenente alla mischia, ma così non è.

Un pò di retorica è presente ma la non violenza è un tema che per fortuna non morirà mai.

Ottima prova dal regista di 1408.

2 risposte al commento
Ultima risposta 11/04/2010 16.18.24
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento giovanni79  @  11/12/2009 23:49:05
   8 / 10
Film drammatico di sicuro impatto emotivo e che riesce in maniera convicente a delineare la storia di un ragazzo che dopo aver subito violenza e suprusi per anni decide di ribellarsi e far valere se stesso, riuscendo a a prendersi la rivincita su coloro che l'hanno umiliato. Ottimi gli attori, la regia è nella norma...alcune scene sono volutamente "forti" e "disgustose", proprio per rendere al massimo il livello di umiliazione che deve subire il protagonista, ma non risultano mai gratuite...unico punto un po' criticabile è che è abbastanza intuibile lo svolgimento della storia, ma in fondo l'importante è che sia raccontata bene e in questo caso lo è... Voto 8+

lorddvedder  @  19/10/2009 23:27:58
   10 / 10
uno dei film che mi emozionato di piu..davvero molto bello e ben recitato da tutti i protagonisti....ma noi italiani quando faremo un bel film?pure gli svedesi tirano fuori un capolavoro:)

Max78  @  25/11/2008 21:34:17
   8 / 10
Di Gandhi ne ricorda l'ombra, predica il motto del "porgimi l'altra guancia"
che te mollo una pizza e te corco de botte fino allo svenimento.
Erik POnti è un personaggio a cui non è difficile affezionarsi perché in fondo incarna lo spirito eroico a cui tutti aspiriamo e che talvolta dobbiamo seppellire sotto un cumulo di monnezza con sommo dispiacere.

Coinvolgente fino alla fine grazie alle ottime interpretazioni, in particolare quella di Erik e il suo acerrimo nemico Silverhielm.

"C'è chi può e chi non può. Io può"

marfsime  @  19/11/2008 15:58:11
   9 / 10
Veramente un bel film..direi che i commenti precedenti lo descrivono a pieno. Interesante la storia seppur non molto originale..ma quello che ti affascina di più è l'azione morale..ci si può prendere le proprie rivincite e le soddisfazioni anche senza ricorrere all'uso della forza e della violenza..pur mantenendo alta la testa lottando sempre e non cedendo mai alle prevaricazioni e ai soprusi..gran film.

2 risposte al commento
Ultima risposta 28/04/2009 13.29.14
Visualizza / Rispondi al commento
topsecret  @  10/11/2008 17:45:17
   7½ / 10
Un bel film, così coinvolgente che ti viene voglia di urlare contro lo schermo incitando il protagonista a menare le mani a più non posso. Bella la storia e la recitazione. Consigliato.

pinhead88  @  04/11/2008 16:27:42
   9½ / 10
mi è piaciuto veramente molto,un film drammatico che non annoia mai e scorre piacevolmente.la storia non è neanche tanto originale,ma ti prende da subito e ti fa immergere nelle avventure del protagonista fino alla fine.superconsigliato

benzo24  @  04/12/2007 12:32:36
   7 / 10
bel film, non molto originale, ma che si lascia guardare senza annoiare.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento goat  @  03/12/2007 17:38:46
   10 / 10
appena conclusa la visione ho immediatamente ritenuto esagerata la media di questo film su diversi siti, ma dopo averci riflettutto con calma ora ritengo che sia uno dei migliori e più profondi film drammatici degli ultimi anni.
scavando oltre la patina 'leggera', probabilmente dettata dall'impianto scenico giovane, collegiale, ondskan si rivela uno studio sulla violenza terrificante e molto complesso, acuto e metaforico (che non si pensi che i riferimenti del film a gandhi o al nazismo siano casuali).
la caratterizzazione di erik, a prima vista affrettata nel suo repentino cambiamento appena arrivato nella nuova scuola, mi è sembrato in realtà un sottile gioco psicologico che il regista mette in atto con lo spettatore. ci fa sorprendere a pregare e sperare che il ragazzo reagisca come è in grado di fare, che spacchi qualche testa e la smetta di incassare umiliazioni e colpi bassi, ma... ehi, ferma un attimo. e i bei discorsi su 'il mondo può cambiare se i primi siamo noi' o 'la violenza genera violenza'? non sono quello con cui da bravi e civilizzati democratici ci riempiamo orgogliosamente la bocca? non cerchiamo forse una soluzione che ci metta al livello della feroce istituzione che regola l'andamento del collegio? questo sì che è saper scrivere un film.
magnifico, e a mio parere da vedere un paio di volte per assaporarlo al meglio.

pinnazza  @  27/11/2007 22:39:52
   6½ / 10
L'assurdità del sistema accademico penalizza molto la credibilità della trama.

Il film emana rabbia dall'inizio alla fine, ma l'artificiosità di alcune parti penalizza molto il risultato, altrimenti sarebbe stato veramente un bel film.

peccato.

Sestri Potente  @  19/11/2007 22:05:15
   9½ / 10
Ma guarda cosa ti combinano gli svedesi... Non sono solo gli americani a saper fare film da "college". Gran film, che però non è mai stato pubblicizzato a dovere. Sentimentalmente sono stato coinvolto dalle avventure-sventure del protagonista, non posso fare altro che consigliarne la visione!

Phelps  @  30/10/2007 16:03:09
   7½ / 10
Nella scuola gli alunni hanno piu' poteri dei professori,mangiano sempre nn studiano quasi mai e fanno a caz.z.otti..cavolo.....ah si film molto bello anche se a Evil da regista gli avrei fatto spaccare qualche testa in piu'....rammarico.

Invia una mail all'autore del commento luca986  @  01/03/2007 14:44:54
   8 / 10
Bisogna vederlo questo film....la morale è molto significativa:mai abbassare la testa. molto verosimile. Bravi tutti gli attori. Adesso anche il cinema svedese è migliore di quello italiano...basta andare al cinema di questi tempi in cui vengono prodotte solo commediuccie volgari e commerciali....Questo film è anche stato candidato all'oscar come miglior film straniero...quindi merita davvero.

marco1309  @  18/11/2006 17:07:46
   9 / 10
l'ho visto poki mesi fa.l'ho consigliato ad 1 amico e concorda pienamente cn me.il film è molto bello, forse nn tanto originale, ma mi ha coinvolto 1 sacco...

colex  @  20/10/2006 11:35:14
   10 / 10
sono molto d'accordo col commento di AMERICANFREE ... il film e' stupendo e scorrevole .. spero di vedere altri capolavori come questo

AMERICANFREE  @  25/09/2006 22:23:20
   10 / 10
bellissimo film davvero una bella sorpresa questo film svedese.......... ottima recitazione bella trama .........DA VEDERE!! mi ha fatto molto riflettere sulle ingiustizie che si hanno nei collegi o in altri ambienti simili........nn bisogna tacere fare finta di niente ma si deve combattere contro le avversita'.

Feedback  @  29/05/2006 18:12:03
   7 / 10
Bel film... il protagonista è un po' troppo un supereroe, suo patrigno e soprattutto la madre sono due macchiette, ma il film è gradevole e tutt'altro che stupido.

Invia una mail all'autore del commento ghughi  @  17/05/2006 18:15:28
   6 / 10
scorre fluido..... ma secondo me il prifilo psicologico del protagonista è inverosimile (non per scelta), di conseguenza, alla fine il personaggio risulta di poco spessore. Anche la mamma e il patrigno sono inconsistenti.
L'unico personaggio interessante è proprio il capo degli studenti.

bianco coniglio  @  29/07/2005 18:54:52
   9 / 10
Sicuramente uno dei film drammatici più belli visti sempre. Un film toccante e commovente ai livelli di mostri sacri come forrest gump e A beatiful mind.
Il registra ci trasmette un senso di rabbia verso il mondo, molte volte ingiusto e ci fà capire che l'unica cosa che l'uomo può fare per cambiare le cose è lottare, contro chi si sente superiore ed impone regole e dogmi assolutamente antidemocratici.
Questo mondo è visto attraverso gli occhi di Erik, un ragazzo che prima di entrare in quella scuola risolveva le cose solamente con la violenza, ed a la fine capisce che il rispetto si ottiene solamente con la parola.
Grande insegnamento di vita!

1 risposta al commento
Ultima risposta 27/09/2005 11.06.04
Visualizza / Rispondi al commento
Kr0nK  @  27/04/2005 03:30:44
   10 / 10
Stupendo sotto ogni punto di vista.
La morale è imponente: i problemi si affrontano a testa alta, senza paura.

grillo  @  17/11/2004 00:15:47
   9 / 10
Difficilmente potremmo riassumere in poche righe i molteplici significati che questo film ci vuole ( e l''intenzione è ben supportata da un "plot" ben sviluppato) infondere: libertà, onore, caparbietà, sacrificio, amicizia, giustizia sono i valori predominanti.
La figura di Erik, interpretato in maniera impeccabile, emana un certo fascino soprattutto se la si volesse tramutare in un contesto di disagio giovanile difficilmente controllabile stando alle dinamiche dell''attuale Società; in questo caso prevale la speranza, la razionalità, la volontà di credere che gli altri non siano per forza dei nemici. Gli artefici del nostro destino possiamo essere soltanti noi stessi; di fronte alle insidie, alla difficoltà di crescere l''unica arma possibile è credere che vivere e provare emozioni in un mondo diverso (se dicessi migliore la retorica salirebbe alle stelle ) non sia mai troppo tardi.
Da vedere e da rivedere.

Grillo

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanna (2023)another endanselmarcadianarrivederci berlinguer!augure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbad boys: ride or diebrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadall'alto di una fredda torredamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!eileenel paraisoennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'inganno
 NEW
fuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosa
 NEW
ghost: rite here rite nowghostbusters - minaccia glacialegirasoligli agnelli possono pascolare in pace
 NEW
gli immortaligodzilla e kong - il nuovo imperohotspot - amore senza retei dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso goldmanil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boy
 NEW
inside out 2io e il secco
 NEW
io, il tubo e le pizze
 NEW
jago into the whitekina e yuk alla scoperta del mondokinds of kindnesskung fu panda 4
 NEW
lĺamante dell'astronautala moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala stanza degli omicidila tartarugala terra promessa
 NEW
la trecciala zona d'interessel'esorcismo - ultimo attol'estate di cleol'imperolos colonosmade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomay decemberme contro te: il film - operazione spiememory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)noir casablancanon volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!prima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerpriscillaquell'estate con irene
 NEW
racconto di due stagionirace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricchi a tutti i costiricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)robo puffinroma bluessamadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdom
 NEW
the bikeridersthe fall guythe ministry of ungentlemanly warfarethe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirevita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1051533 commenti su 50864 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ANTHRACITE - STAGIONE 1CANI RANDAGICICLOCIRCONDATODALLA MIA FINESTRADALLA MIA FINESTRA - GUARDANDO TEEL CORREOFLASHFORWARD - STAGIONE 1IL BODYGUARD E LA PRINCIPESSAIL GUSTO DELL'ESTATEIL PROBLEMA DEI 3 CORPI - STAGIONE 1LA RAGAZZA D'ACCIAIOL'AMORE DIMENTICATOLASSIE - UNA NUOVA AVVENTURAL'UOMO INVISIBILE ATTRAVERSO LA CITTA'MARE FUORI - STAGIONE 1MARE FUORI - STAGIONE 2MARE FUORI - STAGIONE 3MARE FUORI - STAGIONE 4NOTTE DI MEZZA ESTATE - STAGIONE 1POIROT - TESTIMONE SILENZIOSORECENSIONE D'AMORERESIDENT ALIEN - STAGIONE 1RESIDENT ALIEN - STAGIONE 2RESIDENT ALIEN - STAGIONE 3SIMONE E MATTEO UN GIOCO DA RAGAZZITENERE CUGINETHE COLLECTIVETHE IDEA OF YOUUN SOLO ERRORE. BOLOGNA 2 AGOSTO 1980VACANZE SULLA NEVEVIOLA COME IL MARE - STAGIONE 1VIOLA COME IL MARE - STAGIONE 2ZERO IN CONDOTTA (1983)

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila KecskemÚthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, Istvßn G÷z, Bruna Asdorian, Tamßs Szabˇ Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net