il cappotto regia di Alberto Lattuada Italia 1952
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

il cappotto (1952)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film IL CAPPOTTO

Titolo Originale: IL CAPPOTTO

RegiaAlberto Lattuada

InterpretiGiulio Stival, Antonella Lualdi, Yvonne Sanson, Renato Rascel

Durata: h 1.35
NazionalitàItalia 1952
Generedrammatico
Tratto dal libro "Il cappotto" di Nikolaj Gogol'
Al cinema nel Maggio 1952

•  Altri film di Alberto Lattuada

Trama del film Il cappotto

Carmine, un umile impiegato, ha un sogno nel cassetto: comprarsi un cappotto. Quando finalmente riesce ad acquistare l'indumento, dopo parecchi sacrifici, viene derubato per strada da un ladro. Senza più il suo cappotto nuovo, Carmine vaga in piena notte per la città, alle prese con il freddo e il buio.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,75 / 10 (6 voti)8,75Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Il cappotto, 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

topsecret  @  06/09/2017 14:04:49
   7½ / 10
Per smuovere la coscienza dei politici arrivisti ci vogliono i fantasmi in cerca di giustizia.
Buona la regia di Lattuada e super interpretazione di Renato Rascel in questo dramma grottesco basato sull'omonimo racconto di Gogol.
Il messaggio critico politico e culturale è evidente, sorprende anche il suo essere attuale e senza tempo, raccontando con forza, e con sprazzi di ironia, una storia ricca di emozioni tangibili.
Si segue bene fino alla fine, senza cali di attenzione ma con interesse e assoluta partecipazione. Difetta leggermente nel ritmo in alcuni momenti ma nulla di inficiante o di fastidioso.
Un film che merita la visione.

Goldust  @  14/12/2016 18:27:17
   8½ / 10
Tratto dal libro di Nikolaj Gogol, una storia grottesca e dolorosa intrisa di un umorismo sottile, illuminata dall'interpretazione ora comica ora tragica di uno stupefacente Rascel ( che al primo ruolo serio della carriera ricorda in certi passaggi lo Charlot di Chaplin ) e splendidamente ambientata in una nevosa Pavia degli anni '30. Il rammendo distratto fatto alla finestra, la continua lotta con il sarto Giulio Calì, la scena del funerale ed il finale "ultraterreno" sul Ponte Vecchio

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
rendono il film indimenticabile.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  12/02/2015 22:01:02
   9 / 10
Uno dei migliori film di Lattuada, probabilmente il migliore in assoluto. Il cappotto non sembra una cesura con il neorealismo, anche se stilisticamente può darlo a pensare, quanto ad una sua evoluzione in chiave più letteraria. Il cappotto, come in fondo la bicicletta di Maggiorani, è il mezzo per raggiungere il sogno di un riscatto sociale. Rascel nell'intepretazione migliore della sua poco prolifica carriera cinematografica, è il fisico perfetto per il personaggio di questo piccolo uomo continuamente umiliato, cui basta tuttavia il cambio del "look" del cappotto nuovo per essere percepito dagli altri in maniera diversa e positiva. Essere accettato dagli altri, sia pure con un simbolo di pura apparenza. Un film straordinario con una grande intepretazione di Rascel, perfetta nell'equilibrare con una vena comico malinconica, una tragedia personale già in atto. Peccato che non gli siano state date altre possibilità del genere.

Invia una mail all'autore del commento marco986  @  07/07/2014 13:32:46
   9 / 10
Bel film.Rascel grande in versione grottesca

Invia una mail all'autore del commento Elly=)  @  19/10/2012 22:41:36
   10 / 10
Il genere fantastico in Italia non è mai stato approfondito al cinema come nella letteratura ma IL CAPPOTTO sa essere un valido concorrente insieme a LA CORONA DI FERRO del genere a livello internazionale. Un film che ha ancora le influenze del neorealismo ma che sa uscire da esso percorrendo nuove strade, un film che tocca la commedia e il dramma ma che mantiene i suoi toni fantastici, specialmente nell'ultima parte del film.
Lattuada è uno dei maggiori registi italiani della storia che ha saputo affrontare diversi generi altalenandosi fra commerciale e cinema d'autore ma la pellicola che ho amato di più è sicuramente questa, una pellicola che vede protagonista il sottovalutato attore Renato Rascel, che grazie alla sua capacità di mutare personaggio con interpretazioni di spessore Policarpo, De Carmine, ...) dovrebbe essere messo al pari di attori come Mastroianni, Tognazzi, Gassman. Un Rashel qui nei panni di De Carmine, un pover uomo che non chiede altro che rimettere a posto il suo cappotto tutto rattoppato e per ottenere il denaro necessario si farà calpestare la propria dignità, diventando un po' lo zimbello dei colleghi, un uomo che esprime tenerezza, un uomo con una certa dose di innocenza e di ingenuità, un uomo in pena che chiedeva solo giustizia per il suo cappotto, fonte di tanto dolore. La furbizia di Lattuada o meglio dello scrittore Gogol da cui è tratto il film ("La mantella") sta nel non trasformare questo ometto per bene in un assassino spietato proveniente dall'oltre tomba, infatti contrariamente a quanto ci si aspetta il fantasma di De Carmine mantiene il suo candore e questo rende il personaggio finale la perfetta reincarnazione del leggendario fantasma, quello con le catene che vaga disperato nelle strade desolate della città da qui all'eternità, tormentato da quel suo cappotto che tanto aveva desiderato e amato. Un capolavoro che sa toccare il cuore, una storia triste ma con un'umanità che rare volte si è vista al cinema, una storia che sa essere anche una tagliente denuncia, perchè no attuale, di una politica che pensa ad abbellire la propria immagine ("deve essere tutto perfetto per l'arrivo del santo padre") e non si degna di capire i veri problemi dei propri cittadini (i due compassionevoli e quasi comici pensionanti che continuano a chiedere una pensione più alta, "so stato in guerra, sa"), Non ci si stupisce se De Carmine impazzisce dalla disperazione e decide di porre fine alla sua povertà e alla sua tristezza: ha lottato "tutta la vita" per ottenere quel cappotto così bello che in un secondo gli è stato portato via, un colpo insostenibile per un uomo che viveva in una situazione di insoddisfazione generale data dalle continue martellate provenienti da una società in cui l'indifferenza rivolta a tutte quelle persone non appartenenti all'elite vengono derise pubblicamente ignorando ogni forma di giusnaturalismo. Il film nella sua drammaticità sa essere piuttosto sarcastico, l'emblema del film che lo rappresenta è forse un'inquadratura che la maggior parte della gente ha sfortunatamente dimenticato: ad un certo punto del film vediamo De Carmine felice e soddisfatto del suo cappotto ma l'inquadratura successiva fa un PP ai piedi, o meglio alle scarpe, di De Carmine, le quali sono tremendamente vecchie e rovinate! Una malinconia di fondo magistralmente elaborata da Zavattini e Lattuada che non si ferma solo alle inquadrature, ai personaggi e alla loro psicologia ma risiede nello sfondo in cui è ambientato, è cioè una fredda Pavia sotto il periodo di Natale e Capodanno.
Il tagliente dialogo finale, ambientato nelle fredde e desolate strade di Pavia, tra De Carmine e il sindaco risulta molto pirandeliano in questa situazione di amore gotico e se si attua una certa introspezione alla superficie filmica si può notare come il film nel suo misto di commedia e dramma sociale riesca ad essere molto surreale e gotico, una specie di horror gotico con accenni al surreale fiabesco. Il film venne ritenuto per lungo tempo un film di serie B, così come il filone di cui è parte. Pasquini in un'intervista recente ricorda che nemmeno con Argento questi filoni o sottogeneri vennero presi seriamente, bisognerà aspettare veramente i decenni successivi perchè essi vengano rivalutati. Si era tentato di sperimentare, di aprire le porte ancora sigillate di questo genere ma fu stroncato in breve tempo. Zavattini è probabilmente stato il più grande sceneggiatore di tutti i tempi ma la critica fu recidiva a rifiutare il film a cui lui prese parte insieme a Malerba e Lattuada, in fondo bisogna riconoscere la bravura e la cura che ha avuto nell'adattare un racconto così lontano alla nostra realtà e viene da pensare che non sia un caso se in alcuni tratti il film ricorda MIRACOLO A MILANO. E' giusto sottolineare questo aspetto visto che a distanza di sessant'anni giusti il cinema italiano non è ancora riuscito a spaccare quelle catene che tengono chiusi i cancelli del genere fantastico, una vergogna che dovrebbe far pensare, specialmente in tempi come questi dove la fabbrica dei sogni italiana si è soffermata sulle scarne commediole commerciali e i filmoni drammatici del cinema d'autore.

Lazzaro  @  04/11/2009 18:03:57
   8½ / 10
Assolutamente da vedere. E' un film perfetto.
Mi manca Lattuada.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
antebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1004761 commenti su 43482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net