saimir regia di Francesco Munzi Italia 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

saimir (2004)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film SAIMIR

Titolo Originale: SAIMIR

RegiaFrancesco Munzi

InterpretiMishel Manoku, Xhevdet Feri, Lavinia Guglielman, Anna Ferruzzo

Durata: h 1.28
NazionalitàItalia 2004
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 2005

•  Altri film di Francesco Munzi

Trama del film Saimir

Saimir, quindici anni, e suo padre Edmond sono immigrati in Italia dall'Albania. Tra i due c'è un legame profondo, ma un difficile rapporto di comunicazione. Edmond lotta per creare per se e per il figlio un futuro diverso. Per fare ciò continua ad usare, tuttavia, metodi illeciti, gli unici che conosce: il traffico di clandestini provenienti dall'Europa dell'est.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,43 / 10 (7 voti)7,43Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Saimir, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Ciaby  @  14/05/2015 12:53:25
   6½ / 10
Un social drama che (più nell'approccio che nella regia) vorrebbe essere un Dardenne, ma dove il mediocrissimo livello della recitazione ne impedisce il pieno coinvolgimento.

TheLegend  @  24/03/2015 05:57:41
   6½ / 10
Asciutto ed essenziale nel raccontare la realtà del traffico di esseri umani.
Troppo frettoloso nella parte finale.

Mordecai Chase  @  01/02/2009 15:49:22
   7½ / 10
Questo film non è di facile comprensione, almeno per me; è recitato quasi tutto in albanese e io ho capito a grandi linee la trama leggendo commenti e recensioni prima dellla visione. In caso contrario ci avrei capito ben poco. La mia opinione? Un buon lavoro davvero. ma adesso vorrei aggiungere anche una cosa; io mi ritengo, presuntuosamente forse, una persona appassionata di cinema. Le pellicole sono state come degli amici durante la mia adolescenza,visto che ho sempre avuto pochi amici e passavo tanto tempo in solitudine. Dunque a me e agli esperti ed appassionati viene spontaneo non fermarsi alle 5-6 locandine esposte nelle sale e andare a cercare titoli meno pubblicizzati. Ma se io non avessi letto un giudizio invitante ed un buon voto su Ciak, mai e poi mai avrei sognato che esistesse questo film..perchè certi lavori sono pubblicizzati ed altri no? misteri (leggere ingiustizie) del cinema...
Scusate l'arringa, tuuto questo non c'entra con il film..
Secondo me é un buon lavoro perchè mi sembra imparziale, essenziale: niente fronzoli. Una storia drammatica girata in modo quasi documentaristico, bravi gli attori, a cominciare dai due protagonisti ed anche i comprimari non sono da meno. Mi dispiace davvero di non conoscere la lingua albanese e se posso fare una piccola critica, avrei preferito che ci fossero i sottotitoli. Diverse le scene secondo me degne di nota: Ho saputo che l'attore che interpreta Saimir é un non professionista, nonostante questo è perfettamente nella parte. Complimenti a chi a prodotto questo film, a chi lo ha girato ed interpretato. Complimenti a tutta la troupe


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento bouree  @  15/09/2006 11:01:29
   6½ / 10
Racconta perfettamente il problema e il disagio degli extracomunitari presenti nelle nostre citta. Bravo il ragazzo e il padre ( come attori intendo).
Avrei preferito che si parlasse sempre in italiano o almeno con sottotitoli, il non capire la loro lingua rende il film a tratti lento e noioso.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  14/06/2006 15:04:18
   7 / 10
Saimir è un opera anomala nel panorama cinematografico italiano,lo si potrebbe definire quasi un documentario per lo stile con cui è girato e per argomenti trattati.
La pellicola tocca il delicato tema dell'immigrazione,mettendo in luce il malessere di un adolescente albanese che "costretto" a sopravvivere mediante crimini piu' o meno gravi dimostra quanto lontano sia quell' immaginario paradiso in cui pensava di essere giunto.
L'Italia è rappresentata in maniera brutale,paesaggi fatiscenti,personaggi privi di scrupoli il tutto sottolineato da una fotografia plumbea simile a quella de "L'enfant" dei Dardenne fanno del bel paese un posto tutt'altro che idilliaco.
Munzi firma un film interessante che fa riflettere ma che non risulta esente da qualche pecca,ad esempio la presenza di alcuni personaggi eccessivamente stereotipati oppure il frettoloso finale dove lo struggimento del protagonista non viene approfondito nella giusta maniera.
Saimir è comunque un opera di tutto rispetto che è stata giustamente accolta positivamente all'ultimo festival di Venezia.

Gruppo COLLABORATORI Invia una mail all'autore del commento gerardo  @  10/07/2005 17:59:39
   8 / 10
"Saimir" scandaglia l'invisibile mondo neoborgataro del litorale romano, quell'enorme periferia urbana e umana che un tempo era il punto d'approdo dell'immigrazione interna, dal Sud Italia, dalle campagne romane e laziali, ora il regno dei rom e dell'immigrazione clandestina dal Sud del mondo e dall'Est europeo. Il film non dà giuzi e non formula concetti fornendo soluzioni sociologiche e morali: adotta invece lo sguardo di un adolescente albanese e ne segue i passi.
Saimir è un ragazzo che osserva e vive il suo mondo in bilico tra il rifiuto e la naturale, costitutiva partecipazione: la sua convivenza col padre (il quale tenta di rifarsi una vita in Italia sperando in una "piena" integrazione) è un'esistenza all'insegna del reato, il traffico di clandestini. Ma anche la stessa vita parallela di Saimir è costellata di reati, come i furti e le rapine nelle ville. Ma Saimir ha qualcosa di diverso dal suo mondo (suo cugino è un magnaccia, un suo "amico"/"datore" di lavoro albanese è un mafioso), di più pulito e candidamente adolescenziale. Saimir, però, vive una condizione di spaesamento rispetto a tutto: alla sua famiglia, alle sue radici e all'ambiente microdelinquenziale da cui è circondato: la sua partecipazione ai reati è sempre più distaccata. Ma lo è anche rispetto alla società di cui è "ospite": non pienamente integrato, Saimir può solo osservare i suoi coetanei italiani e quando s'innamora, corrisposto, di una bella ragazza romana, non sa amarla per quello che è. Il regalo costoso che le fa per conquistarla definitivamente è un modo goffo e volgare, anche se ingenuo e innocente, di "comprarla". E' un gesto, questo, che riporta Saimir a certe radici culturali e antropologiche albanesi per le quali la donna è pressochè una merce. La sua lontananza dalla società italiana e piccolo-borghese - sogno proibito di ogni immigrato che giunge in Italia - è ora incolmabile. La sua integrazione sfuma sul nascere di quella minima opportunità.
Ma quando un'altra sfortunata immigrata sua coetanea finisce nelle mani del clan mafioso che gestisce la prostituzione, Saimir acquista piena consapevolezza delle proprie possibilità e comprende che un taglio netto col proprio mondo e con la propria famiglia è l'unica via per giungere a un'integrazione morale e sociale con l'"altro" mondo, il nostro. Forse.

tilzi  @  09/05/2005 21:52:36
   10 / 10
Saimir e' un film veramente bello nel senso piu' completo della parola..e lo e' per svariati motivi. Mi limitero' a dire che l'argomento, quello dell'immigrazione e dei disagi che ne derivano, e' trattato con grande profondita' e passione, con un realismo e una forza che ricordano Pasolini. La musica, la fotografia, gli attori..tutti concorrono in egual misura alla completezza e alla riuscita di questo film, una vera perla rara nel mare in tempesta dell'odierna cimatografia italiana e anche una risposta al predominio di quella americana. Un film diverso, personale , pluripremiato che vi consiglio di andare a vedere. Bravo Francesco Munzi ! Ero indecisa fra un 9 e un 10..ho optato per quest'ultimo perche' ho fatto un'operazione di confronto con certa robaccia che e' attualmente nelle sale...

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

50 km all'oraa dire il veroamerican fictionappuntamento a land’s endarfargylle - la super spiabang bankbob marley: one lovecane rabbioso
 NEW
caracaschi segna vincecity hunter: the movie - angel dustcover story - vent'anni di vanity fairdeserto particulardieci minutidobbiamo stare vicini
 NEW
dune - parte dueemma e il giaguaro neroenea
 NEW
estraneifinalmente l'albagenoa. comunque e ovunquehazbin hotel - stagione 1how to have sexi soliti idioti 3 - il ritornoi tre moschettieri - miladyil colore viola (2023)il confine verdeil fantasma di canterville (2024)il punto di rugiadail ragazzo e l’airone
 NEW
il vento soffia dove vuolein the land of saints and sinnerskriptonla natura dell'amorela petitela quercia e i suoi abitanti
 NEW
la sala professorila zona d'interessel'amour et les foretsland of badl'anima in pacele avventure del piccolo nicolasle seduzionimadame webmartedi' e venerdi'maschile pluralemean girls (2024)mr. & mrs. smith - stagione 1
 NEW
my sweet monsternight swimno activity - niente da segnalareno way up (2024)pare parecchio parigipast livesperfect daysperipheric lovepigiama party! carolina e nunù alla grande festa dello zecchino d'oro
 R
povere creature!prima danza, poi pensa - alla ricerca di beckettpuffin rock - il filmred roomsrenaissance: a film by beyoncerobot dreamsromeo e' giulietta (2024)runnersansone e margot - due cuccioli all'operasuccede anche nelle migliori famigliesuncoastte l'avevo dettothe beekeeperthe cage - nella gabbiathe holdovers - lezioni di vitathe miracle clubthe piper (2023)the warrior - the iron clawtrue detective - stagione 4tutti tranne teuna bugia per dueupon entry - l'arrivoviaggio in giapponevolarewonder: white birdyannick - la rivincita dello spettatore

1048083 commenti su 50513 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

5 PER L'INFERNOA DREAM HOUSEA LITTLE WHITE LIEARE YOU THERE, GOD? IT'S ME, MARGARETATTI DEGLI APOSTOLIBIG BOSSBLACK SITE - LA TANA DEL LUPOBUONA PARTE DI PAOLINACLIFF WALKERSCOLPO MAESTRO AL SERVIZIO DI SUA MAESTA' BRITANNICADESTROY ALL NEIGHBORSDOMANI NON SIAMO PIU' QUIE' CADUTA UNA DONNAELVIS AND ANABELLEFAMILY SWITCHFREE WILLY - LA GRANDE FUGAFULL RIVER REDGANGS OF PARISGIORNI D'AMORE SUL FILO DI UNA LAMAI VIZI SEGRETI DELLA DONNA NEL MONDOIL GIORNO PERFETTOIL MARE (1963)IL PREZZO DEL PERICOLOINSEGNAMI AD UCCIDEREINVITO A UN OMICIDIOLA NOTTE DELL'ULTIMO GIORNOLA RAGAZZA ALLA PARILA TRAPPOLA DI MORGANLA VENDETTA DELL'UOMO INVISIBILEL'ALTRA CASA AI MARGINI DEL BOSCOL'AMORE QUOTIDIANOLAST NIGHT AT TERRACE LANESLE ALTRELE AVVENTURE DI HUCK FINN (1993)LE LADREMANI LORDEMANIAC 2: MR. ROBBIEMARGHERITA DELLE STELLEMICKEY'S MOUSE TRAPMIO PADRE E' UN SICARIOMORTE DI UN AMICONATALE A 4 ZAMPEPARIS PIGALLEPECCATO MORTALEPENSATI SEXYPER UN CALICE D'AMOREPERDONACI I NOSTRI PECCATIPIU' TARDI CLAIRE, PIU' TARDI…PUNCH (2023)RISCATTO D'AMORESCHERZI MALIGNIT.I.M.TECNICA DI UN AMORETHE BOATTHE SEEDINGTHE WELLTHEY TURNED US INTO KILLERSUN VAMPIRO IN FAMIGLIAWE ARE THE WORLD: LA NOTTE CHE HA CAMBIATO IL POPZAPPATORE (1950)

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net