la febbre regia di Alessandro D'Alatri Italia 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la febbre (2005)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA FEBBRE

Titolo Originale: LA FEBBRE

RegiaAlessandro D'Alatri

InterpretiFabio Volo, Valeria Solarino, Arnoldo Foà, Julie Depardieu, Cochi Ponzoni, Vittorio Franceschi, Massimo Bagliani, Thomas Trabacchi

Durata: h 1.48
NazionalitàItalia 2005
Generecommedia
Al cinema nell'Aprile 2005

•  Altri film di Alessandro D'Alatri

Trama del film La febbre

Mario Bettini, geometra di provincia, è un giovane ricco di idee, entusiasta della vita e pieno di voglia di viverla. Ha in cuore un sogno: aprire un locale con i propri amici. Dopotutto chi non ha mai sognato di aprirne uno? Per quel locale sarà disposto anche a vivere una porzione di vita provvisoria, accettando d'indossare panni diversi dai suoi. Tutto il suo entusiasmo, le sue idee, i suoi progetti saranno vissuti di colpo dal mondo che lo circonda come una malattia contagiosa da curare con urgenza. S'imbatterà così nella comica vita della burocrazia...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,26 / 10 (60 voti)6,26Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La febbre, 60 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

gaffe  @  02/07/2011 00:12:12
   4 / 10
Più che un film sembra di vedere Don Matteo in televisione, soliti luoghi comuni che funzionano sempre: la mamma protettiva che porta ancora il caffè al bamboccione Volo, il parroco che consiglia il giusto e la marmellata è fatta.
Se questo è il futuro del cinema italiano stiamo freschi.

paolo80  @  17/04/2009 15:01:47
   7 / 10
Questa pellicola permette di conoscere un ottimo regista, D'Alatri, che la confeziona in maniera semplice, ma incisiva, intimistica e molto pungente.
Diverte e fa riflettere.
Buone le musiche che, giustamente, hanno ricevuto il riconoscimento che meritavano.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  27/05/2008 12:46:53
   3 / 10
Sono indigesto a questo genere di film, e quindi non posso andare oltre il 3. Fabio Volo spesso irritante!

7HateHeaven  @  20/04/2008 13:44:04
   6 / 10
Filmetto senza pretese.
Volo si trova a genio in questo ruolo anche se come attore non è certo ai livelli dei suoi programmi radio o tv. Qualche fase troppo melensa e altre scene piene di luoghi comuni abbassano il livello del film ancje se il risultato finale è comunque discreto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  11/02/2008 16:23:36
   7 / 10
D'Alatri è un regista che non mi dispiace. La febbre è una pellicola leggera e molto scorrevole. Descrive in maniera attendibile le frustazioni del singolo dipendente preparato e volonteroso con l'ottusità del dirigente pieno di invidia e incapace. Buone le sequenze oniriche con il fantasma del padre interpretato da Cochi Ponzoni.

scorpion  @  11/02/2008 10:24:22
   8½ / 10
Davvero molto carino. Poi che dire di Fabio Volo? Lui è davvero un mito per me!

solitecose  @  31/01/2008 01:21:24
   1 / 10
leggo che qualcuno lo definisce "un film guardabilissimo"... sono d'accordo, a patto che mi abbiate iniettato del cianuro per endovena

la scena col presidente è tra le 3 cose peggiori mai viste al cinema, dopo i film di leos carax e le code ai botteghini le sere di natale

3 risposte al commento
Ultima risposta 02/04/2008 11.03.55
Visualizza / Rispondi al commento
Mister  @  23/01/2008 18:57:00
   7 / 10
Commedia intimistica di costume diseguale, ricca di invenzioni, ma dove tutto succede troppo in fretta

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  10/01/2008 11:20:19
   7 / 10
Dopo il buon "Casomai" (sempre con Fabio Volo) e un anno prima dello sput.tanamento totale con il cinepanettone "Commediasexi" (astuta rincorsa al botteghino dopo lo scoppio Boldi-De Sica),stiamavo D'Alatri,soprattutto grazie a quell'elegante leggerezza tipica delle sue commedie...La Febbre e'un ottimo prodotto,non immune da ingenuita'e cadute di tono(vedi il pessimo finale),ma cmq ben diretto e ben interpretato,con una denuncia sociale di fondo,riuscita e diretta.Ottima la costruzione dei personaggi,perfetto il cast in ogni singolo elemento.Gradevole e sincero.

wega  @  15/10/2007 18:24:26
   6½ / 10
la simpatia del volo,la bella canzone iniziale e la buona regia.
un film guardabilissimo

droppy  @  16/09/2007 09:27:19
   6½ / 10
Non è brutto, in mezzo alle porcate che si vedonono di solito emerge.
però poteva essere sviluppato meglio sopratutto la fine troppo demagogica: quello buono quello cattivo, il buono vole andarsene, è incomopreso.....visto e rivisto

Tuco ElPuerco  @  29/08/2007 17:38:38
   7½ / 10
Gran film,commedia inteligente e mai retorica....fatto molto bene.

Paolo70  @  06/08/2007 16:57:39
   6½ / 10
Commedia simpatica, non impegnativa adatta per trascorrere quasi due ore rilassandosi.

Sciamenna  @  18/05/2007 19:27:58
   6½ / 10
Commediuccia non male dai.. in molti ci si trova e ci si è trovati un pò " confusi" nei nostri vent'anni nel momento in cui si deve decidere cosa fare della propria vita..e poi anche io ho la maledetta fissazione di arrivare un giorno ad aprirmi un locale :)
E poi quant'è bella valeria solarino..mezzo voto in più solo per lei..esteticamente fa fare il salto di qualità alla pellicola..

Jumpy  @  03/04/2007 19:13:16
   4½ / 10
Un luogo comune dietro l'altro, gestiti male e superficialmente, il primo tempo è davvero brutto, recupera un po' il secondo... il finale fatto in quel modo potevano risparmiarselo però :/

Lory_noir  @  03/04/2007 19:00:35
   6½ / 10
Si, mi è piaciuto! La fine l'ha risolevvato perchè sono rimasto un pò perplesso per i tre quarti de film. Alla fine si è delineato quello che questa storia, un pò piatta è vero, voleva trasmettere e sn rimasto abbastanza soddisfatto. Volo mi è piaciuto!

The Legend  @  03/04/2007 01:09:52
   5 / 10
Appena visto su Raidue, commento fresco fresco di visione, dunque.

Che dire... mi ha lasciato insoddisfatto. La storia e' piatta, terribilmente piatta, come i suoi personaggi, sulle cui caratterizzazioni si poteva lavorare piu' e meglio.

Se l'intenzione del film era quella di svelare i lati meschini della burocrazia provincialotta italiana, e' rimasto in superficie. Davvero disgustoso poi quel finale moralizzante, i 3 minuti di dialogo in cui Volo rinfaccia al perfido dirigente comunale di essere l'emblema di tutti i mali d'Italia: un momento evitabile.

Il voto e' di 5 e non piu' basso perche' Volo, come sempre, si disimpegna bene, offrendo un'interpretazione piu' che decorosa; deliziosa anche la sua compagna (del film), un'attrice che vedevo per la prima volta, e che mi ha colpito per la sua grazia e naturalezza.

Sig. Chisciano  @  21/01/2007 04:07:07
   7½ / 10
Ottimo film, complimenti a D'alatri che non mi sembra per niente uno sprovveduto, infatti la regia mi è piaciuta parecchio, peccato per la colonna sonora veramente troppo invasiva, soprattutto nel primo tempo.
Il film è sicuramente pretenzioso, tenta di addentrarsi in meccanismi sociali difficilmente rappresentabili, non parlo delle difficoltà incontrate dal protagonista nel provare a fare quello che vuole veramente, ma delle reazioni degli amici, parenti, di fronte a certe scelte che prende il protagonista.
Bravissimo Volo aiutato comunque da una parte abbastanza su misura.

bussisotto  @  15/12/2006 08:11:19
   6½ / 10
Alessandro d'Alatri conferma un tocco leggero ed intelligente, già mostrato nel precedente "Casomai". Un film che, in maniera piuttosto spensierata, tratta di argomenti delicati, convincendo al 90%. Gli attori sono buoni, alcune riprese oniriche sono efficaci, la storia invece si rivela facilmente intuibile. Belle le musiche dei Negramaro (in veste acustica, in netto contrasto con le versioni del cd, più rockeggianti).

SuperLucky  @  21/10/2006 19:40:56
   7 / 10
...fa pensare...

alesfaer  @  12/09/2006 15:05:38
   2 / 10
il peggior film mai visto tra quelli di fabio volo. incoerente e irritante

renee  @  12/09/2006 13:28:21
   6½ / 10
niente di particolarmente entusiasante, ma carino

risikoo  @  28/08/2006 19:18:13
   5 / 10
Mi aspettavo ben altro, invece purtroppo il film mi ha deluso e annoiato. Probabilmente le intenzioni erano buone e Fabio Volo non è certo fuori ruolo..ma rimane il fatto che il film non mi sia proprio piaciuto.

Prof  @  04/07/2006 16:19:42
   7 / 10
Discreto. Rappresenta efficacemente lo spaccato di un preciso contesto sociogeografico. Il protagonista convince.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Zazzauser  @  05/06/2006 13:59:39
   7 / 10
Mi ha risollevato il morale... film italiano, non pesante, simpatico ed interpretato bene da Fabio Volo. Peccato per i dialoghi (come al solito) a tratti incomprensibili. Uno dei pochi film comici italiani degli ultimi tempi che vale la pena salvare. Consigliato...

Gruppo REDAZIONE Invia una mail all'autore del commento maremare  @  04/06/2006 23:47:41
   6½ / 10
Filmetto delicato con un Fabio Volo estremamente in parte

Anders Friden  @  21/04/2006 21:28:42
   8 / 10
Voglio esagerare, sarà perchè comunque D'Alatri è un ottimo regista e anche perchè Fabio Volo non è malaccio insomma. Il film è una bella mazzata il finale mi ha distrutto. Bello e basta!

gei§t  @  20/02/2006 14:44:36
   5 / 10
C'era Fabio Volo, pensavo fosse divertente. Invece...

tati  @  20/12/2005 15:20:57
   8½ / 10
mi ha lasciato sensazioni meravigliose .mi ha rilassato e mi ha fatto sorridere.davvero piacevole

delacroix  @  12/12/2005 23:12:09
   7 / 10
Altro bel tentativo di D'alatri, anche se non al livello di Casomai.
Ci prova a fare un film di denuncia (denuncia?), di sogni, illusioni e contenuti.
Peccato per alcune scene e alcuni stereotipi che abbassano il voto (una cubista che gira il mondo a caccia di poesia!?!?)

E poi, insomma, ci sono i Negramaro e la poesia di Walcott, e Linda (Valeria Solarino) che valgono il prezzo....

La frase:

"Bravo Mario! così mi piace quando lo prendi nel cccc con fierezza..."
di Bigio
-l'anticonformista-

O.D.  @  03/11/2005 12:44:44
   5 / 10
Insomma...., questo film mi ha quasi annoiato..., l'ho visto dopo la bella prova di "Casomai" ed invece sta pellicola proprio non decolla..., i personaggi sono anche simpatici e Volo si conferma discreto attore di commedie, per il resto non so proprio che dire...., un'occasione sprecata...

Invia una mail all'autore del commento bobo94  @  22/10/2005 22:11:52
   7 / 10
Prodotto sicuramente inferiore ai precedenti. La trama è carina, ma lascia sempre con l'aspettativa di qualcosa, che pero' non accade mai. Un pochino banale e scontata (già a metà film avevo predetto che si sarebbe fatto ricrescere il pizzetto, che sarebbe andato a vivere nella casa di campagna e che avrebbe cambiato lavoro). Nota negativa anche per la recitazione di Fabio Volo, che nei ruoli riflessivi non regge le espressioni.
Infine note positive dalle scenografie, dalla regia, dalla fotografia. Molto descrittive e curate sulla vita di provincia nelle sue varie sfaccettature, dall'impiego comunale ai sabati sera in discoteca.

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  07/10/2005 14:17:41
   6 / 10
Sicuramente non è un film di denuncia sociale quale forse era nelle intenzioni del regista ma in ogni caso si lascia vedere, è abbatsanza carino e, a mio parere, migliore del sopravvalutato casomai. Leggero.

max67  @  12/09/2005 11:59:45
   6 / 10
il film e un occasione mancata ,la trama e gli attori meritavano qualcosa di piu'
il regista non ripetel'ottimo lavoro che aveva fatto con casomai, molto piu' approfondito e bello nel suo svolgimento , molto bravo invece fabio volo che migliora la sua interpretazione pur ottima nel precedente film.
si puo' vedere niente di piu',

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR tylerdurden73  @  30/08/2005 10:11:51
   8 / 10
Torna la premiata ditta D'Alatri/Volo e lo fa' nel migliore dei modi,con una pellicola di tutto rispetto dotata di un impatto emotivo magari minore rispetto al precedente "casomai" ma intessuta di un numero maggiore di spunti attraverso i quali ci si puo' fermare a pensare.Il regista mette in primo piano la vita e i sogni di un giovane geometra di una cittadina del ricco nord Italia (Cremona),il ragazzo,interpretato da un Fabio Volo sempre piu' bravo si accorge ben presto che dovra' scendere a parecchi compromessi se vuole ottenere quello che desidera.Cio' che fa' maggiormente piacere è vedere un film italiano ricco di contenuti e di idee che riesce ad attaccare il potere e la burocrazia in generale senza scadere nelle solite banalita'.Da sottolineare la bravura di tutti gli attori(occhio alla Solarino),la fotografia davvero curata e le scene oniriche,un vero e proprio colpo di genio di D'Alatri.Film consigliatissimo,anche perche' ha realmente qualcosa da dire...

viagem  @  27/07/2005 08:32:02
   7 / 10
Film non facile per me da giudicare. Alcune scene sono di troppo, altre frutto di ottime idee. Il messaggio però è reso bene ed in modo originale: come la società è capace di rendere impalpabile il limite tra anticonformismo e follia.
E come ti faccia quasi sentire in colpa se vivi una vita felice.
Sarebbe un 6 e mezzo, ma la Solarino è un bel valore aggiunto!

2 risposte al commento
Ultima risposta 05/01/2006 18.48.19
Visualizza / Rispondi al commento
weblion  @  02/07/2005 17:14:12
   8 / 10
Il film è davvero bello! Fabio Volo si riconferma un ottimo attore ed anche la storia volutamente di denuncia nei confronti di un Italia sempre più in mano ai burocrati e contro i giovani. Il tema è di attualità ed è un film che dovrebbero vedere tutti per comprendere perchè in Italia oggi ci sono tanti giovani disoccupati perchè spesso chi inizia un lavoro con entusiasmo (chi riesce a trovarlo!) col tempo viene preso dallo sconforto...Personaggi invidiosi, boriosi e pieni di sè incapaci di capire la gioia di vivere e la voglia di fare che solo un giovane può avere sono presenti ovunque e pronti a mettere i bastoni tra le ruote a chi vuol cambiare lo stato di cose! Oramai è una vita che gli italiani pagano le tasse e non hanno servizi adeguati. Chi ricopre posti statali di prestigio con stipendio ottimo (il mitico posto fisso) spesso è inadeguato, incapace, egoista e non assolutamente orinetato per un corretto servizio al cittadino! Questo film è bello perchè racchiude da solo tante problematiche attuali non ancora affrontate da nessuno forse perchè sconosciute ai più! Bravo Alessandro D'alatri!

turbogio  @  10/06/2005 19:50:53
   7 / 10
E' il primo film di d'alatri che vedo e vi confesso che mi è piaciuto. Trovo interessante il messaggio di fondo: riscoprire le potenzialità in ciascuno di noi per fare del nostro paese un paese migliore, combattendo (forse dal "di fuori"?) le "corruzioni" di quel sistema politico che frustra l'iniziativa individuale per piegarla alla rassegnazione dei vecchi. Ribellarsi per riscoprire la creatività che è in ciascuno di noi, per consapevolmente scegliere il lavoro che più si addice alla propria personalità e non quello imposto dall'ambiente sociale o familiare. E con ciò riscoprire anche il gusto di fare le cose (soprammobili con materiale di recupero) solo per il gusto di farle. La domanda di Volo: "perchè le fai? ma le vendi?" non merita risposta. Le faccio perchè mi va di farle sembra significare il silenzio dello straordinario personaggio di Bicio (tutto scritto dallo stesso d'alatri). Se il tema non è facilmente affrontabile, altrettanto facilmente però si presta a scadere nel banale ed è questo che qualche volta d'alatri non è riuscito ad evitare. Ho trovato molto interessante l'uso degli effetti speciali, espressione di qualcosa che va oltre la mera riproduzione dell' "incredibile realtà" nella recente cinematografia. Cremona è perfetta come ambientazione, Il sistema non funziona tanto nel sud come nella piccola e benestante cittadina del nord. Anch'io come kowalsky trovo d'alatri interessante non solo come regista pubblicitario (campo in cui ha avuto modo di "allenarsi"), ma soprattutto come regista di cinema.

gibbogibbo  @  11/05/2005 22:31:54
   6 / 10
Lento, banale, scontato nel primo tempo, migliora nel secondo, anche grazie alla fotografia e alle musiche azzeccate.. peccato che si passi tutto il film ad aspettare che accade qualcosa che poi non arriverà, ovvero uno sviluppo della storia. non c'è paragone con l'interpretazione di Volo in Casomai... lì era molto più spontaneo e meno artificioso. off!!

sopranina  @  05/05/2005 22:53:28
   5 / 10
provincialotto.....un film da guardare in tv quella sera in cui non ti va propio di studiare!
banali i temi,il film sostanzialmente non lascia nulla a chi l'ha visto......
però è comunque piacevole,tutto merito di Fabio Volo che e bravo bello e simpatico......

Tetragon  @  27/04/2005 17:39:28
   7 / 10
A tratti divertente e, a tratti amaro e drammatico. Un film che ha l'ambizione di essere "di costume". Non evita alcune banalità ed offre poche e sfuggenti alternative al teorema enunciato, ma è comunque un affresco ispirato e sincero. Belle fotografia e colonna sonora.

1 risposta al commento
Ultima risposta 29/04/2005 19.16.27
Visualizza / Rispondi al commento
Mensanina  @  24/04/2005 17:10:44
   6 / 10
Sicuramente migliore la seconda parte rispetto alla prima ma comunque non ci sono grandi contenuti! Essendo una storia italiana, elementi di verità e situazioni reali non mancano, ma sicuramente doveva essere più frizzante!
Da vedere senza troppe aspettative...

Gruppo STAFF, Moderatore priss  @  19/04/2005 10:53:42
   6 / 10
siamo alla solita storia italiana, una storia che non ha grandi picchi, qualcosa che capita giornalmente alla maggior parte di noi... il posto fisso, i desideri dei genitori che si sovrappongono ai nostri, il grande amore, il desiderio di libertà, l'espressione della propria personalità...
qualche sequenza carina c'è, ma appunto siamo alla solita storia italiana. per me è un sei meno meno... ma siamo buoni va!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  18/04/2005 23:21:09
   7 / 10
"Mi piacciono i tuoi pensieri. Profumano. E questo rende tutto più difficile"

Tanto vale confessarlo: per me D'Alatri è un autore interessante, anche se almeno uno scheletro nell'armadio ce l'ha, quel "Giardini dell'eden" che pochi hanno avuto la sventura di vedere.
E qui di carne al fuoco ce n'è troppa, eppure sono riuscito ad amare questo film così com'è. E il primo tempo, quante sensazioni: forse languide come una giornata di sole, forse fortemente (palesemente) vaccinate contro il terreno del dolore, che pure traspare, altrove compresse in una Cremona suggestiva e popolare, o bizzarra e provinciale come la Carpi di Radiofreccia del Liga. Fabio Volo o Mario (un nome che garantisce la risonanza dell'uomo comune) nei primi vagiti rappresenta un giovanilismo "sospetto" per la sua età ma poi è il solito trentenne che vive ancora con la mamma - come molti italiani - e se condivide usi e costumi (la lettera di raccomandazioni, la festa dei parenti a cui molti vorrebbero davvero sottrarsi) altrettanto sa ribellarsi. Modello Six Feet Under, lo splendido tv movie americano su una madre e i suoi tormentati figli con l'impresa di pompe funebri... Ecco la madre di D'Alatri è indubbiamente un omaggio a quella, confusa e finto-comprensiva del bellissimo telefilm... Ma non a caso vita e morte si incrociano, in più contesti (la morte di un ragazzo e di un collega di lavoro) e riflessi (i Sepolcri imbanchiati non solo del Foscolo ma dei più noti poeti della storia d'Italia, da Montale allo "scandaloso" Sandro Penna) Ma c'è anche un'Italia che a tratti perdura la sua sconfitta e le responsabilità sulle nuove generazioni, altrove le assolve, radicata tra la brutale scoperta del monolitismo di potere e il bisogno di incentivarlo a proprio favore. E' un'ambiguità di fondo che credo che D'Alatri abbia voluto sottolineare. Con talento, con finezza ma anche con furbizia anche altezzosa (si parla di poeti e non a caso come caratterista appare Arnoldo Foà, semplicemente il miglior lettore di poesie nazionale - partecipazione breve ma intensa come sempre) E' un piccolo miracolo di stile, "La febbre" cui pero' nuoce l'ossessione di risaltare certe forzature di troppo che soprattutto verso la fine finiscono per nuocere: il cinismo di Cerquetti, per es,, che strabuzza gli occhi con eccessiva crudeltà, non va preso troppo sul serio, sembra patologico tanto è effettisticamente odioso Il pugno del fratello - quello forte che va a combattere in Kossovo? - con tanto di abbraccio fraterno scade nel ridicolo, e fors'anche il congedo dal lavoro e dalla vita del collega (troppo frettoloso, troppo preoccupato di essere un Segno nella sceneggiatura) Poi pero' ripensa a Truffaut (Le matins) e imbastisce la storia d'amore che tutti vorrebbero avere, che ha ben poco dei conflitti sociali di Mario al comune, dei suoi ideali smarriti, smorzando la tensione In questo divario tra invettiva e licenza (tanto siamo nel campo della poesia, posso citare Dario Bellezza no?) tra i primissimi film di Olmi e una leggerezza à la Emmer, tra i sepolcri dei poeti e quelli del capofamiglia, i borghesi piccoli piccoli (il padre) che diventa presenza oscura opprimente severa ma anche lieve (la parata da banda strapaesana molto "el abrazo perdido"), tra gli s***** giovanili (tardivi) e l'amore tanto grande da meritare rime tipo "siediti. è festa. La tua vita è in tavola" D'Alatri commette l'errore di voler lenire le piccole e grandi ferite della vita, e di trovare uno sguardo puro - forse troppo - sulla generazione che racconta (che se non vive fino in fondo la propria dipendenza affettiva e ideologica vuol dire che qualcosa non funziona vero?) Insomma, siamo consapevolmente su un terreno minato dove la denuncia sociale si combatte attraverso l'elegia dell'uomo che cammina con le proprie gambe e miracolosamente ce la fa. Alla fine tutti ritrovano nella voglia di provincia il covo idealizzato, ma si fermano lì ai baci nottanbuli con la ragazza e alla raccolta differenziata (materiale riciclabile? immagino che sia la dimora delle intenzioni... frammenti di necessità mah) Ma non vorrei essere troppo severo: il film è gradevolissimo anche quando scende a passi con l'invettiva facile, con il compromesso falsamente pasionario ("per combattere il marcio bisogna farlo da dentro" - ma quando mai?). E poi c'è quella Cremona fotografata splendidamente, un Volo che ha le doti giuste per ispirare simpatia/empatia, e sì, un certo benessere che tutto sommato infonde questa storia. Anche nell'esecuzione di una romanza splendida del "Trovatore" o nel canto inquieto e sornione di troppi fantasmi in casa e di città

3 risposte al commento
Ultima risposta 21/04/2005 15.37.57
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento MyKol  @  18/04/2005 08:47:57
   8 / 10
Sono andato a vedere questo film perchè a quell'orario era l'unico disponibile...
quindi sono entrato in sala molto titubante...
sono uscito dal cinema contento e soddisfatto!!!
proprio un bel film... bella la regia e bella la colonna sonora...
bravo fabio volo e bella la storia...
da vedere!!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 18/04/2005 12.11.09
Visualizza / Rispondi al commento
scottlumber  @  13/04/2005 15:45:26
   2 / 10
sono andato a vedere la febbre con le migliori intenzioni, senza aver visto casomai ma con una riserva sufficiente di giudizi positivi. e invece ho trovato il film veramente brutto. non è che sia portato a dover distruggere ogni cosa a tutti i costi ma film così veramente ne ho visti raramente. Questa apparente semplicità dell'ambientazione dietro la quale si nascondevano velleità nella forma e nella rappresentazione dell'umanità di oggi che invece si risolvevano in un'incredibile affresco di banalità e brutture. per correttezza devo anticipare che ho visto solo il primo tempo - per la prima volta in vita mia ho abbandonato un cinema - ma da quello che leggo sul forum non mi sembra che l'andazzo sia andato migliorando nella seconda parte del film. tra gli elementi del film vorrei citare gli intermezzi onirici senza alcun senso, i dialoghi strampalati, la storia che non si capisce dove vada a parare... mi raccomando, girare alla larga!!

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/04/2005 09.45.26
Visualizza / Rispondi al commento
Butch Coolidge  @  13/04/2005 00:37:50
   6 / 10
Partendo dal presupposto che Fabio Volo è un personaggio amato e stimato per la sua originalità e simpatia la pellicola " La Febbre" delude le aspettative in modo parziale prima di tutto perchè di commedia non si tratta ma di film drammatico. Recitazione mediocre, trama buona salvo alcune scene in cui il regista vuole a tutti i costi inculcare dei dogmi allo spettatore presumendo la totale stupidità di quest'ultimo. L'idea di base resta comunque molto buona danneggiata in parte da spaventosi "buchi" nella trama che non rendono assolutamente scorrevole la storia. Che dire, il finale anche se meno avvezzo agli spettatori duri di cuore mi è piaciuto molto, direi commovente. Concludendo un film non male ma che sicuramente poteva essere curato in modo piu' preciso tagliando scene di nessun senso e aggiungerei pietose. Se apprezzate fabio volo è consigliato il noleggio.

mic7  @  11/04/2005 12:45:27
   3 / 10
Scusate ma non capisco: parto da ciò che mi è piaciuto molto, cioè che ieri sera avevo voglidi proprio di un film italiano di atmosfera e di profumi, e ho trovato una colonna sonora splendida ed una cremona meravigliosa come sapevamo.. Ma ho anche visto un pessimo f.volo, che non riesce recitando, a mio parere, a caratterizzare minimamente il percorso psicologico di un ragazzo, al punto che non sono neanche riuscito bene a capire che percorso fa il protagonista.. ma soprattutto, dato che a me volo piace, quindi non avevo pregiudizi anzi, non sono ancora riuscito a capire il senso del percorso emizionale ed intellettuale del ragazzo, all'inizio pensavo fosse qualcosa alla checov(considerando anche il titolo della canzone del film "tutto scorre"), invece non ha avuto nessuna evoluzione, ma soprattutto ha avuto un cambiamento che il regista non è minimamente riuscito a ipingere e nè a caratterizzare in modo che rimanesse.. ed in tutto ciò ho trovato addirittura ridicoli i discorsi fatti col presidente in sogno, per cercare di spiegare qualcosa che non ho ritrovato nel film, oppure per cercare di dare dei dogmi.. altri film simili come "ricordati di me" o "che ne sarà di noi" hanno un percorso emozionale e psicologico dipinto, e dipinto anche bene al di là del fatto che i film siano piaciuti e ti lasciano addosso i loro profumi.. il tutto è una mia opinione, mi piacerebbe sapere se è solo mia..

4 risposte al commento
Ultima risposta 18/04/2005 18.09.00
Visualizza / Rispondi al commento
sandy  @  10/04/2005 23:27:48
   7 / 10
ho appena visto il film e mi è piaciuto molto, immagino che molti spettatori si siano ritrovati in alcune delle situazioni vissute dal protagonista e questo significa che abbiamo avuto una buona occasione per riflettere.
Certo, il finale è un po irreale, ma va bene così...andatelo a vedere

gabcam  @  09/04/2005 20:48:07
   8 / 10
Un inno alla semplicità e all'amore come vie di vita. Attraente messaggio morale, sviluppato dalla regia in maniera molto buona. Unico difetto: siamo sicuri che bisogna fuggire dalla società per incominciare a vivere?
Stupendi i paesaggi, stupenda Valeria Solarino, stupenda la musica.
Comunque, farà riflettere. Consigliato.

1 risposta al commento
Ultima risposta 12/04/2005 16.43.36
Visualizza / Rispondi al commento
lara93  @  08/04/2005 17:47:20
   7 / 10
Un tentativi di ritorno a una commedia di tipo sociale. C'è un po' di retorica di troppo ma il film non è male

polbot  @  08/04/2005 08:59:51
   7 / 10
Dunque... un film come CUORE SACRO è davvero una delusione... un film che si prefigge di mandare un messaggio.....che non si capisce qual è.... questa mi sembra una favola delicata.....e una favola vuol esser...nulla +... non necessariamente uno spaccato della società... quindi dal mio punto di vista il film è gradevolissimo. Non vincerà nessun premio. Ma m'è piaciuto. La colonna sonora poi è stupenda, come il centro di Cremona. Non so chi siano i Negramaro.....ma m'informerò: meritan davvero ! Bravo Fabio... mi sembravi solo un pazzo anni fa..invece hai qualità !

12 risposte al commento
Ultima risposta 18/04/2005 22.44.38
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Maria Lucia  @  07/04/2005 16:00:23
   3 / 10
Un'accozzaglia delirante di retorica e luoghi comuni.....
montato malissimo diretto altrettanto (peccato !! In quanto D'Alatri lo ritenevo veramente valido ed innovativo...), Fabio Volo è giusto che si dedici solo alla tv, almeno riesce più gradevole...
Null'altro da aggiungere....



semosole  @  06/04/2005 06:26:17
   5 / 10
Anch'io mi aspettavo molto di più ; si qualcosa di caruccio c'è (lei), il messaggio c'è (ma son tutte cose che si sanno), l'happy end è un pò troppo esagerato !, diciamo che si lascia guardare dentro in sala, fuori non ti lascia niente.

Massacratore  @  05/04/2005 00:57:33
   10 / 10
Mi sento un po' un liceale a dare 10 a questo film ma:
lei è una meraviglia
Cremona sembra un piccolo paradiso
mi ha fatto tornare la voglia di cambiare

mariolina  @  04/04/2005 16:35:28
   7 / 10
A me è piaciuto. Realistica fotografia del tipico giovane maschio italiano che, seppure in età avanzata ed economicamente autosufficiente, stenta ad emanciparsi dalla mamma. Il ragazzo è un idealista e coltiva un sogno; egli resta tale nonostante l'impatto con un mondo del lavoro che riscpecchia in modo lucido, fedele e fin troppo chiaro la realtà della nostra immutabile Italia: il Paese dove clientelismo, giochi politici, burocrazia, e tutto il noto e arcinoto, schiacciano la libera iniziativa dei giovani, annientandone i sogni e la creatività, e livellando tutti verso prestazioni mediocri, perchè i bravi suscitano invidia, e aggiungerei non soltanto nel settore pubblico. Mario Bettini improvvisamente deve crescere, e senza smettere di sognare e di credere ai suoi ideali puliti, compie le proprie scelte con la consapevolezza di non potere accontentare tutti, ma che ciò sia inevitabile. Senza ombra di dubbio la storia d'amore e il rapporto con gli amici del locale banalizzano e rappresentano l'aspetto più superficiale di questo film, che resta a mio parere divertente e intelligente, oltre che critico ma sostanzialmente positivo nel giudizio finale. Bellissima e appropriata la colonna sonora.

Frogger  @  04/04/2005 13:31:58
   4 / 10
Un vero peccato. Tutto il film è una grande occasione mancata : D'Alatri sciupa la grande occasione di confermare quanto di buono si era intravisto in "Casomai" offrendoci una storia che, solo nelle intenzioni, dovrebbe essere profonda e piena di significati. Invece viene lasciato tutto quasi al caso, con una superficialità insopportabile figlia di dialoghi orribili, immagini piatte, e ahimè, soprattutto una recitazione (Fabio Volo compreso) totalemente inadeguata. Anche il montaggio " a dissolvenza" proprio non mi è piaciuto, ma questo è solo un dettaglio legato a gusti personali.
SPOILER
Patetica la scena in cui gli amici accusano a Mario (Fabio Volo) di essere cambiato ecc...ecc.. salamente dopo 3 giorni che Lei è entrata nella sua vita... : un dialogo cosi osceno, mal recitato e banale non lo vedevo da tempo, anzi forse nn l'ho mai visto..sembrava di vedere quei filmetti in vhs delle vacanze.

1 risposta al commento
Ultima risposta 11/04/2005 20.53.05
Visualizza / Rispondi al commento
Musiny  @  03/04/2005 23:27:18
   10 / 10
Secondo me il film è carino, particolare, mi è piaciuto!! e poi la colonna sonora firmata dai mitici NEGRAMARO (www.negramaro.it) rende tutto + emozionante e coinvolgente!!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 11/04/2005 10.34.57
Visualizza / Rispondi al commento
robert75  @  03/04/2005 22:35:53
   4 / 10

Che delusione questo film!

Non mi capitava da tanto tempo di uscire dal cinema quasi incazzato per la delusione provata nei confronti di un film in cui avevo riposto molte speranze.

Avevo molta fiducia nell'intelligenza, ironia e bravura di Fabio Volo, mentre mi sono trovato a vedere un filmetto per nulla originale e dal sapore provinciale, popolato da personaggi-macchietta, stereotipati, che recitano senza convinzione e soprattutto senza passione.

La storia è poi davvero banale, scontata e farraginosa nel suo racconto, con un happy end tanto ridicolo quanto inverosimile.

Non emergono poi i messaggi o le domande esistenziali che il regista nelle sue intenzioni vorrebbe proporre, anzi, è tutto narrato con così tanta banalità da sembrare una fiction TV con Manuela Arcuri (la protagonista-pseudo velina riesce a recitare peggio).

Non voglio essere *******, ripeto, sono andato a vedere questo film aspettandomi grandi cose, mentre sono tornato a casa rimpiangendo di non avere fatto altro quella sera....



1 risposta al commento
Ultima risposta 09/05/2005 16.47.39
Visualizza / Rispondi al commento
Ciccio  @  02/04/2005 17:37:49
   10 / 10
Un capolavoro. Grazie Alessandro D'Alatri.

1 risposta al commento
Ultima risposta 06/04/2005 06.18.35
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1011074 commenti su 44504 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net