le avventure acquatiche di steve zissou regia di Wes Anderson USA 2004
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

le avventure acquatiche di steve zissou (2004)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LE AVVENTURE ACQUATICHE DI STEVE ZISSOU

Titolo Originale: THE LIFE AQUATIC WITH STEVE ZISSOU

RegiaWes Anderson

InterpretiBill Murray, Owen Wilson, Cate Blanchett, Anjelica Huston, Willem Dafoe, Jeff Goldblum

Durata: h 1.58
NazionalitàUSA 2004
Generefantastico
Al cinema nel Marzo 2005

•  Altri film di Wes Anderson

Trama del film Le avventure acquatiche di steve zissou

Con lo scopo di vendicarsi di uno squalo che ha ucciso il suo partner tempo addietro, Steve Zissou mette su una squadra dove sono inclusi sua moglie, una giornalista, e un uomo che potrebbe essere o non essere suo figlio.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,22 / 10 (81 voti)6,22Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Le avventure acquatiche di steve zissou, 81 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

Filman  @  19/05/2020 23:56:54
   9 / 10
Tutti i film di Wes Anderson hanno una trama confusa, sfilacciata e senza senso, perché le sue commedie, come tutte le commedie d'autore agli inizi del millennio sono così: l'influenza francese le rende surreali e il post-modernismo annienta la loro funzionalità narrativa, "riducendole" ad un insieme di eventi sensazionali. Esse non hanno senso perché parlano del senso della vita, che non richiede senso e non trova senso.
THE LIFE AQUATIC WITH STEVE ZISSOU non è una commedia surreale ma un film surrealista spensierato e curioso che esagera così poco da non sembrare tale. Vive in un mondo tutto suo conducendo i personaggi in un viaggio che in realtà è un viaggio spirituale dell'anima per raggiungere l'illuminazione e risolvere interiormente traumi e mancanze.
Questo capolavoro a tinte chiare, chiazze azzurre e punti rossi offre una serie di inquadrature di grande impatto geometrico ed artistico nonostante la limitatezza di mezzi, unico difetto reale del film compensato da una artigianalità espressiva e goliardica.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  02/12/2019 18:00:23
   6 / 10
Lo stile di Anderson è subito visibile, ma sembra mancare qualcosa; la sceneggiatura risulta un po' confusionaria, come pasticciata, pur nel suo surrealismo di fondo, e nemmeno il buon cast riesce a ovviare. La visione assume una certa pesantezza perché l'ironia di fondo non si rivela abbastanza pungente. Ad oggi, questa è, probabilmente,la pellicola meno riuscita di Wes Anderson.

wicker  @  08/03/2019 20:09:14
   5 / 10
Mi ha lasciato perplesso ..
La cosa peggiore è che non capisco se vuole essere una edulcolarata commedia grottesca o un fine tramma sul disagio di un uomo verso il figlio perduto , la moglie e la sua vita marinaresca in generale .. Appena accenna a diventare troppo serio si ferma , appena la goliardia delle situazioni si innesca si ferma e le risate restano sempre soffocate.. in più decisamente lungo , peccato perchè sia l'interpretazioni che la regia sono comunche buone

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  27/03/2016 23:12:24
   6 / 10
Anche rivedendolo a distanza di anni Zissou mi ha dato l'impressione di essere un film meno compiuto del precedente I Tenenbaum. Pur essendo popolato da molti personaggi, in questo caso Anderson rinuncia ad una certa coralità della messa in scena per concentrarsi sulla figura istrionica di Steve Zissou/Bill Murray. Un novello Achab surreale deciso a condurre la sua altrettanto strampalata e multiforme ciurma alla caccia di un animale più o meno immaginario. Una sceneggiatura meno solida rispetto alla pellicola precedente, più a briglia sciolta che tuttavia offre dei buoni momenti alternati ad alcuni passaggi a vuoto.

Nova  @  26/01/2016 12:16:46
   7½ / 10
Dopo aver visto i film più famosi di Wes Anderson, da The Royal Tenenbaum a Grand Budapest Hotel passando per The Darjeeling Limited e Moonrise Kingdom, pensavo di aver compreso appieno questo regista e il suo stile: eccentrico, strambo, divertente, colorato. Tutto corretto, ma un qualcosa che non salta immediatamente agli occhi, mi era sfuggito: la malinconia.

Le avventure acquatiche di Steve Zissou è un film che mi ha profondamente colpito, tanto più perché mi aspettavo la solita commedia andersoniana divertente e stravagante, cosa che questo film è, ma c'è anche qualcosa di più: la malinconia intrinseca nel personaggio di Steve Zissou e che non lo abbandona mai, neanche nei momenti più ironici della pellicola, cattura lo spettatore e lo costringe ad affezionarsi a questo stravagante avventuriero dei mari, interpretato da un eccezionale Bill Murray.
Steve Zissou, moderno Jacques Cousteau, intraprende un viaggio alla ricerca della creatura chimerica che in una spedizione precedente ha divorato il suo migliore amico e più fidato collaboratore. Vuole vendicarsi ma anche far vedere al mondo che i suoi documentari sono ancora validi, che lui è ancora valido, nonostante l'età, la crisi con la moglie, la mancanza di denaro, nonostante tutto. La squadra che lo accompagna è tanto eterogenea quanto stravagante: una moglie snob interpretata dalla carismatica Angelica Huston, una giornalista incinta, la giovane ma artisticamente già matura Cate Blanchett, un presunto figlio illegittimo, un Owen Wilson meno odioso del solito, e tutta una serie di collaboratori eccentrici tra cui spicca Willem Dafoe.
Wes Anderson dà prova di tutta la sua bravura: una regia ottima che riesce sempre e perfettamente a seguire le ingarbugliate vicissitudini del team Zissou senza che ci sia mai un attimo di confusione, una colonna sonora azzeccatissima - da David Bowie rivisitato in portoghese da Seu Jorge ai Sigur Ros - e lo zampino di Henry Selick che dà vita con la tecnica della stop-motion alle colorate creature marine, fanno di questo film un piccolo gioiello.

demarch  @  29/10/2015 19:57:17
   6½ / 10
una pellicola grottesca e malinconica, tipica di Anderson. Bill Murray e'un idolo per me ma il suo effetto benefico sul film viene bilanciato dal disprezzo che provo per Owen Wilson.
Resto del cast di gran livello, così come le musiche, regia buona.
Questo tipo di film non e'il mio genere perciò non gli do un mega voto anche a causa di una prima parte del film lenta che mi ha messo alla prova.
Un buon film ma c'e'di meglio.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  15/10/2015 14:36:58
   5½ / 10
Mi trovo pienamente daccordo con il commento sottostante. Un film dalle tante promesse, a cominciare dal nutrito cast, non mantenute. Troppo lungo e poco divertente.
Il risultato della spedizione non interessa piu' di tanto. Ci troviamo di fronte solo a una marea di discorsi assurdi e scene grottesche di dubbio gusto.
Salvo solo il cast e la colonna sonora...Portoghese...

Testu  @  11/02/2015 03:08:17
   6 / 10
beh un'opera che non cerca sicuramente consensi facili, ma obbiettivamente non si può dire che intrattenga in modo ideale. La storia è poco interessante e tirata con le pinze, il secondo tempo però è stato vivacizzato in modo giocoso, a tratti amatoriale e un po si riprende. Il film merita una visione per lo più per i bravi interpreti (tra cui l'elfica Blanchett), i dialoghi divertentemente self-control e alcune trovate visive tipiche di Anderson, come il chitarrista, la nave modellino e la fauna marina. A gusti va la possibile gestione drammatica di alcuni personaggi.

Goldust  @  19/12/2014 11:35:59
   6½ / 10
Collocato in una dimensione fin troppo volutamente artificiosa e, lacuna ben più grave, zoppicante nel ritmo poichè si porta a spasso quasi due ore di durata, Le avventure acquatiche di Steve Zissou è da considerarsi il meno riuscito tra i film di Wes Anderson. La strampalata ciurma allestita dal regista non mancherà di divertire e negli ultimi venti minuti finali addirittura di emozionare, ma il lavoro del regista ( anche sceneggiatore ) è troppo squilibrato per funzionare a dovere, pur contenendo tutto il suo irresistibile universo pop fatto di antieroi depressi, morti incombenti, successi effimeri, padri debosciati, figli sui generis, personaggi secondari eccentrici e sognatori. Ed è proprio la qualità dei personaggi, qui come sempre, insieme alla genialità di alcuni dialoghi a rendere questa sua opera più che sufficiente: il mozzo che canta Bowie in portoghese, l'insicura giornalista della Blanchett che viene accolta con un poco lusinghiero " da dove sbuchi, sembri incinta", Goldbum che dichiara di essere un pò gay, Wilson che scambia la sirena della chiatta per rifiuti per un canto di balene, qua e là le fiammate comiche non mancano, ed in questi momenti il fascino del pazzo mondo tanto caro al regista è più vivo che mai!
Certo in questo mondo bisogna pure entrarci, e posso capire che qualcuno storca il naso o possa trovare il tutto troppo auto compiaciuto o naif. Però il risultato cromatico è ancora una volta molto riuscito - a cominciare dall'affettuoso inchino parodico al buon Jacques Cousteau ed al suo inseparabile berretto rosso - e le musiche clamorosamente azzeccate.

hghgg  @  15/12/2014 15:02:42
   7½ / 10
Ammazza che media ingenerosa per quello che alla fin dei conti credo sia uno dei migliori di Wes Anderson, lasciando "The Royal Tenenbaum" da parte perché quello veramente è di un'altra categoria all'interno della filmografia di questo stralunato, colorato e malinconico regista.

Questo era un Anderson ancora ispirato, originale e fresco che nonostante tutti i colori sfavillanti, le sequenze e i dialoghi stralunati, la regia sopra le righe e le scenette grottesco-surreali-demenziali riusciva a non risultare mai e dico mai noioso e stucchevole, cosa invece più frequente nei suoi ultimi lavori, soprattutto in "Moonrise Kingdome" che sicuramente è il suo film che mi ha convinto meno; anzi Wes Anderson riusciva anche a sorprendere e soprattutto ad emozionare, con semplicità e spontaneità, grazie ad una delicatezza non comune e al sapiente utilizzo di musiche straordinarie. Nel 2001 c'erano Nick Drake, Elliott Smith, Nico e Van Morrison ad illuminare di immenso il suo film migliore, qui il livello scende un poco (per forza, quei 4 che ho nominato sono degli Everest musicali) ma abbiamo scelte azzeccatissime: ci sono i Devo, c'è il cantante di Bossa che interpreta Pelè (non il calciatore eh) e che per tutto il film canta in portoghese, accompagnandosi con una chitarra, alcune celebri canzoni di David Bowie (scelta simpatica), c'è "Search and Destroy" di Iggy and the Stooges (prodotta da Bowie, non sarà un caso) nell'esilarante sequenza in cui Steve Zissou si ribella da solo ai pirati e soprattutto nell'ultimo splendido quarto d'ora, nella commovente sequenza dell'incontro con lo squalo-giaguaro ci sono i Sigur Ros, gente che nei loro momenti più ispirati riuscirebbe a commuovere anche il più strònzo degli insensibili.

In quella scena l'unione regia-musica è perfetta e sublime ed emoziona davvero così come in generale è splendido tutto l'ultimo quarto d'ora di film che nobilita l'intera pellicola, Anderson e i Sigur Ros in quelle sequenze strepitose mettono i brividi e la ciliegina sulla torta ce la mettono le bellissime animazioni curate da Henry Selick, il genietto dello stop-motion che aveva già diretto una "robetta" come "The Nightmare Before Christmas" e che ci regalerà successivamente un capolavoro assoluto dell'animazione come "Coraline".

15-20 minuti finali che valgono davvero il prezzo del biglietto, un Bill Murray fantastico, il binomio Anderson-Selick e i Sigur Ros a fare da colonna sonora, con un'atmosfera da brividi e una sequenza che è davvero grande cinema, se non vi scappa una lacrimuccia siete delle brutte persone :) Anche i titoli di coda e prima la presentazione del documentario di Zissou sono momenti ottimi, d'altronde facenti parte del gran finale.

In precedenza ci si diverte all'inizio e purtroppo ci si annoia un po' in mezzo quando le situazioni stralunate-bizzarre si fanno più ripetitive e meno interessanti, pur avendo comunque momenti riusciti (ripeto, la cacciata dei pirati dal Belafonte).

Film corale con un bel cast, ben diretto da Anderson (una sua specialità assai gradita) e in gran forma. Murray è perfetto, di gran lunga il migliore ma anche gente come Willem Dafoe (che ovviamente fa il matto, ma essendo un film di Anderson è un matto simpatico) Cate Blanchett (brava e in questo film particolarmente bella, non so perché), la Houston, Jeff Goldblum, è tutta gente che sa il fatto loro e sforna buone interpretazioni, valorizzando i propri personaggi. Pure Wilson è abbastanza convincente pur essendo nel complesso un gran cane, ma ripeto Anderson sa dirigere i suoi attori benissimo.

Un piccolo gioiello di commedia malinconica e stralunata, tra i migliori di Anderson, la parte finale resta impressa a lungo nella memoria.

RDN92  @  10/07/2014 21:47:52
   7 / 10
Adoro Bill Murray quando si cimenta in ruoli del genere. Un attore capace di far ridere e piangere, di stamparsi un sorriso goliardico sul volto oppure un'espressione malinconica. Ogni modo, non perde mai il suo sense of humor. Per quanto drammatici, i suoi personaggi restano comunque spassosi e divertenti. Grazie ad Anderson, Murray riesce a tirar fuori il meglio. Il film però non mi ha detto niente di che, buono ma abbastanza lento. Ho trovato interessanti le scene d'azione, di sparatorie, molto ironiche, ma è evidente quando il resto del film scorre quasi a fatica. Noioso non è, comunque. Di chiaro stampo Andersoniano nella regia, fotografia e costumi, ma la storia non mi ha acceso nessuna lampadina come nel caso dei Tenenbaum. Eppure la trama in se non è male, la vita di questo oceanografo alle prese con una vendetta contro un fantasioso squalo, una crisi professionale, familiare e il rapporto con un figlio mai conosciuto. Non ho colto le sfumature, sempre che ce ne siano. Probabilmente lo apprezzerò meglio ad una seconda visione.

Invia una mail all'autore del commento Jason XI  @  29/05/2014 09:34:36
   7½ / 10
Uno spasso Anderson style, nient'altro da aggiungere... se non.... delirante e leggendaria la classica scaletta Bowiana completa reinterpretata in portoghese dal Brasileiro Seu Jorge che ci accompagna per tutto il film..... mito

antoeboli  @  15/04/2014 14:00:20
   4 / 10
Ai tempi non ero riuscito a vederlo al cinema . Oggi ho finalmente rimediato il famoso film sull esploratore Zissou che tanto mi incuriosiva.
Rimasto molto deluso per un due ore di pellicola che sembra partire bene , per ben presto trasformarsi in qualcosa di fiacco e noioso , dove almeno nel finale mi aspettavo un colpo di genio del buon Anderson , e che non arriva .
A tratti riflessivo , a tratti strano come lo sono i film di questo regista , tecnicamente è fatto bene , e con quel pizzico di trucco ed effetti speciali anni 50, che da un tono particolare .
Non mi sono piaciuti gli attori , specie il protagonista , un Murray assolutamente inconsistente , e un Goldblum sprecatissimo che si vede molto poco .Senza dimenticare artisti del calibro della Blanchett , Wilson o Defoe , tutto un cast di stelle con troppe stalle , che non brillano .
Anderson è un regista che ho scoperto tipo un anno fa con Moonrais kingdom e mi è piaciuto molto quel film per il suo raccontare in modo affascinante , cosa che qui non accade . Noioso !

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

BrundleFly  @  15/03/2014 13:10:02
   6½ / 10
Una cosa che non riesco a buttar giù dei film di Anderson è che son fatti con lo stampino, cambiano solo i personaggi (gusto personale).
Alla fine si tratta sì di commedie gradevoli e a tratti divertenti, ma tra quelli che ho visto fin'ora il capolavoro ancora non c'è stato.
Forse sono io che non capisco una mazza, però lo trovo un regista sì capace, ma altamente sopravvalutato.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  21/12/2013 22:57:33
   6½ / 10
Intrappolato in uno stile che a tratti diventa mero esercizio di tecnica, questo film successivo al bellissimo "I Tenembaum" non bissa la qualità del precedente. Nonostante l'ottimo inizio poi sembra impaludarsi in avventure surreali messe a casaccio e poco incisive, e non basta lo stile unico di Anderson o il cast stellare (su tutti l'ottimo Murray) a tenere alta l'asticella dell'attenzione.
In compenso gli ultimi venti minuti sono fantastici e commoventi, proprio quando meno te lo aspetti.

Invia una mail all'autore del commento INAMOTO89  @  21/10/2013 23:44:47
   7½ / 10
Non ho mai amato wes anderson , tantomeno bill murray pero' quando è partita staralfur e murray in lacrime ha detto ''chi sa se si ricorda di me...'' ebbene li mi sono commosso.... *_*
Il piu' toccante e meno zuccheroso anderson ,colonne sonore fantastiche !

Dicono che la gente quando parla male di te lo fa x invidia.
Pero' fa male lo stesso....

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  20/10/2013 23:15:46
   5 / 10
Un Anderson autoreferenziale ed egoriferito in un film che non riesce a trovare una propria strada narrativa perdendosi subito in un gottesco mal riuscito.

Veramente strano e straniante, si salva in parte solo per l'originalità dello stile ma lo stile da solo non fa un film

Gruppo COLLABORATORI julian  @  23/09/2013 23:02:40
   6½ / 10
Un pò troppo impantanato nei soliti temi del regista, nelle convenzionali problematiche storie familiari, annunci choc da fiction, parabole di fallimenti che però conservano al loro interno un ambiguo messaggio consolatorio.
Boccio tutta la prima parte, ma il film si salva grazie alla seconda, quella del viaggio.
Un altro piccolo problema di Wes: si circonda sempre dello stesso cast, risultando monotono anche in questo. Alcuni, come Anjelica Huston o Jason Schwartzman, li chiama praticamente solo lui.
Azzeccato lo stile naif degli effetti speciali marini.

Manu90  @  14/08/2010 09:56:21
   6 / 10
Molto probabilmente il "peggior" film di Anderson. Troppo lungo, e in alcune scene subentra la noia. Un vero peccato, visto anche l'ottimo cast e la storia davvero carina...
Gli do la sufficienza per lo stile del regista, che personalmente adoro.

Sig. Chisciano  @  20/05/2010 19:30:04
   5 / 10
Non è un film facile da valutare, penso che ci siano diversi stili ed emozioni che a volte si contrastano, in particolare la vena grottesca-demenziale è spesso repressa da una certa malinconia. La scenografia è molto bella, così come inquadrature ed immagini però il tutto spesso risulta troppo costruito e finisce con l'annoiare.

Clint Eastwood  @  07/02/2010 23:28:52
   5 / 10
Adesso ho capito perchè anni fa non ho resistito all'intera visione del film troncando ai primi 20-30 minuti e riportandolo al noleggio : piatto/ottimo rimedio per chi soffre d'insonnia.
Tanti nomi come Murray (in un'altra delle sue recite imperdibili alla Broken Flowers o Lost in Translation)/Dafoe/Wilson/Blanchett/Huston/Goldblum e soprattutto Anderson per combinarne un film che magari sulla carta aveva ottime chance ma nel tentativo di portarlo sullo schermo fallisce l'impresa creando qualcosa di incompiuto per una certa mancanza di incisività e vitalità. Almeno nel finale si riprende.

gandyovo  @  17/01/2010 17:49:16
   7 / 10
non c'è niente da fare: a me le commedie di Wes Anderson piacciono.
E' originale, con battute esilaranti e personaggi assurdi. Non ai livelli dei Tenenabaum ma spassoso lo stesso

baskettaro00  @  03/08/2009 15:23:34
   7 / 10
molto simpatica questa commedia che ho visto solo per il divieto ai minori di 14 anni anche se per me nn dovrebbe essere vietata.......
bravo murray che dimostra che e nn è più un baldo giovane di cinema se ne intende e sa come muoversi davanti ad una video-camera......
piuttosto volgare e che dire ancora:consigliato!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Andre85  @  16/03/2009 16:32:14
   7½ / 10
A metà film stavo per spegnere il lettore dvd.
Gli ultimi 20/25 minuti invece sono meravigliosi, perfetti e mi han fatto rivalutare il tutto

carrie  @  28/01/2009 13:08:46
   9 / 10
Anche questo sempre per la "cerchia" di Wes Anderson.
Non vedetelo immaginando un filmetto divertente che parla degli animali parlanti magici dell'oceano.
Assolutamente no.
Il film è un piccolo gioiellino firmato Wes Anderson.
E' colorato, vivace e divertente come lo si vede nella locandina, ma la sua comicità è intelligente e sottile, fatta di sguardi e di frasi quasi senza senso!
Bill Murray ancora una volta dimostra di essere un grande attore, qui ci regala una delle sue più belle intepretazioni.
Bravi tutti gli attori, Willem Dafoe è irresistibile!
Può piacere come non piacere, io lo adoro!


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Curiosità:
-Cate Blanchett non aveva incontrato quasi nessun membro del cast prima di girare la sua prima scena del film, per farla sembrare più spontanea.
-il film è stato girato tutto in italia.

Clein  @  03/11/2008 16:07:55
   7½ / 10
Film Molto simpatico, coglie in pieno certe verita' che si vedono in alcuni documentari in tv. Certo che non lo consiglierei a gente che ride solo con banalita' alla American Pie etc.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento matteo200486  @  19/08/2008 23:58:21
   6 / 10
“Perché non dici le parolacce per intero?". "Voglio perdere l'abitudine prima di avere questo ***** di bambino!”

Dopo due prove molto buone come Rushmore e I Tenenbaum, Wes Anderson, prova a ripetersi una terza volta senza però, a mio parere, non raggiungere pienamente la sua finalità.
Infatti, Le avventure acquatiche di Steve Zissou, sua quarta pellicola, fa leva sugli aspetti interessanti presenti in I Tenenbaum senza però, ahimè, cogliere nel segno.Ma andiamo con ordine.
Come in I Tenenbaum il cast è d'eccezione: Bill Murray (anche presente in Rushmore), Wilson, Dafoe, la Blanchett (personaggio femminile che non sfonda e non riesce ad attirare lo spettatore a differenza della Paltrow nel precedente film). Ma escludendo il grande Bill, che sorregge l'intera pellicola, il resto del cast è poco vivace e diciamocelo i personaggi non riescono fino in fondo a divertire lo spettatori.
Proprio come i Tenenbaum, la colonna sonora è splendida e Nelle Avventure Acquatica di Steve Zissou, risulta alla fine l'aspetto più interessante. Un misto tra musiche originali e non originali. Quest' ultime basate su riarrangiamenti di Bowie per chitarra e tradotte in portoghese. Inoltre c'è da aggiungere la splendida Staràlfur dei Sigur Ros nel finale.
La trama della pellicola personalmente non mi ha appassionato molto, e in molti punti si perde in superficialità evitabili.
Anderson cerca di trattare nuovamente il tema dell'assenza del padre e del tentativo di recupero del rapporto. Ma la tematica non appassiona come nei Tenenbaum dove tutto risultava più originale e privo di banaltà grauite.
Le Avventure Acquatiche di Steve Zissou rimane probabilmente l pecca di questo, a mio parere, ottimo regista.

“Si dice che quando qualcuno parla male di te in fondo lo fa per invidia. Però fa male, fa male parecchio”
"Non siamo stati dei buoni mariti, vero?". "Be', io una scusa ce l'ho,in parte sono gay!". "Tutti in parte siamo gay!"

somberlain  @  15/06/2008 17:20:47
   7 / 10
Non male, una comicità raffinata e ben pensata e un grande Murray rendono più che piacevole questo film, nonostante alcune parti un po' scontate rendino il film a tratti noioso.
Gli spezzoni del film girato da Zissou sono semplicemente geniali!

7HateHeaven  @  19/05/2008 13:40:14
   6½ / 10
Penso che la media sia stata rovinata da chi cercava in questo film solo demenza e risate, questo non è american pie !!!
Comunque non è certo un capolavoro ma di sicuro una bella commedia con un humor quasi inglese e un buon ritmo. Bravo Murray e tutto il cast, belle anche le colonne sonore.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

bridge  @  19/05/2008 12:17:15
   6 / 10
da vedere solo in un weekend di pioggia.

Invia una mail all'autore del commento yasujiro  @  07/01/2008 21:14:54
   7½ / 10
Ottimo Bill Murray, apatico quanto basta.. Wes Anderson in ottima forma, pare, con un'ironia sottile, quasi nascosta, e abbastanza disturbante..

Invia una mail all'autore del commento ilgiusto  @  27/08/2007 11:10:23
   1 / 10
Ok, gli esami sono finiti!

La visione di Rushmore mi disgustava ma non potevo fare a meno di notare il coraggio e l'originalità del regista (annotandomi il nome).

I Tenenbaum si presentava come un potenziale blockbuster da paura, cast perfetto, trama micidiale, regista originale, cosa ne esce ?...di nuovo un film ne carne e ne pesce! ma perchè??? perchè 'rovinare' anche tutto questo ben di Dio con questa 'poetica del vuoto' a oltranza!!! non è una commedia (poche risate, qualche sorriso), non è un dramma (i personaggi sono talmente grotteschi da risultare troppo artificiosi e persino falsi nei loro dolori e quindi altrettanto poco coinvolgono lo spettatore).
Percorrere la strada dell'originalità è un pregio ma che per ostinarsi a non uscirne si arrivi poi a una poetica del 'vuoto? insensibilità ? ne carne ne pesce perchè altrimenti farei qualcosa di già visto ?'; chiamatela come vi pare ma questo è praticamente il risultato!, ebbene ciò mi pare un tantino stupido...e in ogni caso mi piace veramente poco!

Comunque ne esce un film freddino ma carino (un mezzo flop...), diciamo che l'Anderson è rimandato a settembre...

Ecco settembre con queste avventure acquatiche (che temendo il peggio evito di guardare a prezzo pieno aspettando un passaggio televisivo...) e cosa succede ?

Siamo sempre lì! anzi pure peggio! il coinvolgimento è nullo! la trama attira come una calamita attrae il legno, non si ride MAI e spariscono persino i sorrisi saltuari! i drammi dei protagonisti paiono un nulla in confronto a quello degli spettatori che realizzano di avere buttato al vento un paio d'ore che potevano essere impiegate sempre e comunque meglio che guardando questa roba!!!!

Ok, ormai è chiaro che Anderson vuole questo e 'arriva fino a lì', ora o si promuove o si boccia...

Cosa volete che vi dica ? che porterò ancora pazienza aspettando che maturi verso un di meglio ?

Che mi adegui ad un politicamente corretto che vuole ormai non si stronchi più nulla o nessuno perchè male che vada sarà un 'cult' per qualcuno?

Che realizzi la mia è solo la mia opinione e quindi la 'smussi' per far piacere agli altri che magari la pensano diversamente?

Nò.
Io dico la mia e finita lì.

Mai più perderò 1 minuto a guardare qualcosa di Anderson.
Il suo stile mi fa assolutamente Sc*ifo!
Mi auguro che Hollywood non sprechi più soldi investendo nelle opere di questo 'probabile raccomandato' e che lui capisca che è meglio se cambia mestiere o si da ai documentari sulla natura in stile National Geographic dove spero che faccia poi il meno danni possibile!

Bye bye Anderson.

5 risposte al commento
Ultima risposta 24/02/2009 09.14.58
Visualizza / Rispondi al commento
Signor Wolf  @  22/08/2007 15:21:47
   6 / 10
un film che mi ha lasciato perplesso, uno stile originale certo, forse un pò troppo originale! comunque non me la sento di dargli un insufficenza, mi è rimasto troppo impresso.

bella la colonna sonora, di chi è??

Gruppo COLLABORATORI Victor  @  28/04/2007 18:09:25
   6½ / 10
Mi ha lasciato un po' perplesso il quarto film targato Wes Anderson...
Visti i precedenti mi aspettavo qualcosa di più...
Pur mantenendo lo stile e l'originalità che dall'inizio hanno sempre caratterizzato il suo cinema, perde un po' dello spirito e dell'umorismo per cui era divenuto celebre.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  22/04/2007 21:47:27
   7½ / 10
Wes Anderson e'un'ottimo regista e gia'con i Tanebaum aveva dimostrato di avere stoffa da vendere:Le Avventure Aquitiche di Steve Zissou ne e'un'ideale seguito,in quanto ne ricalca sia stile che atmosfera.Stepitosa la prova di Bill Murray,vera e propia colonna portante della pellicola...peccato che pochi ne abbiano colto il valore.

Constantine  @  20/04/2007 19:07:06
   6 / 10
Divertente, ben diretto, ben interpretato, un pò vuoto. Alla fine di questa "fantastica" visione il film vi avrà divertito, ma nulla di più; si perchè anche se ci sono ottime idee, belle sequenze, rimane nettae forte la sensazione di incompletezza, sembra quasi di esserci vicini ma non essere arrivati al punto. Comunque il tutto si lascia come detto vedere senza alcun problema con un Murray eccezionale, un come solito grande Defoe, e poi tanti altri da Wilson alla Blanchett e Glodblum. Peccato perchè all'inizio si ha la percezione di potersi aspettare qualcosa che in realtà c'è troppo poco...

piernelweb  @  25/02/2007 16:09:55
   8 / 10
Lieve, romantica e poetica favola moderna del talentuoso Wes Anderson. Un film che fa magnifico uso di dialoghi scarni ma pungenti, di un eccellente fotografia e di un cast di primo livello. Si ride di frequente, ma tra le righe c'è ben altro: Anderson risveglia l'immaginaro dell'avventura mixandolo con il cinismo dell'età del business e della notorietà videovisiva. Fra assurde creature marine, fantomatiche tecnologie, isole misteriose, pirati filippini, crisi coniugali e figli ritrovati il cuore aleggia leggero e si sogna (se ben disposti) ad occhi aperti. Ogni membro dell'eccentrica ciurma e i relativi ospiti è una varipinta caricatura vivente delle svariegate sfaccettature dell'animo umano. Menzione speciale per Bill Murray, davvero uno dei più grandi attori sul pianeta terra. Umorismo intelligente e originale che ammette ben pochi confronti nel cinema contemporaneo.

frangipani79  @  14/11/2006 01:45:20
   9½ / 10
E' un vero peccato che così in pochi abbiano capito l'essenza grottescamente sublime di questo film, di per sé un'accozzaglia di strampalati personaggi apparentemente senza un vero collante se non la follia pura.
Alzi la mano in questo momento un altro sceneggiatore capace di riunire in un solo film tante parodie di personaggi, situazioni talmente viste e straviste da appartenere a chiunque abbia visto una dozzina di film qualsiasi.
Ogni personaggio è di una perfezione millimetrica nel suo ruolo. Dall'Ammutinamento del Bounty in chiave moderna (e pacifista), alla anchor-woman arruolata stile giornalismo d'assalto (la storia dello squalo giaguaro è ridicolmente appassionante). Ma sono i piccoli dettagli che soddisfano il cinefilo e se egli è dotato anche di quell'umorismo sottile, allora come si fa a non ridere di Klaus e del suo maldestro orgoglio, dell'algida Eleanor e di quelle citazioni volute, stra-volute che fanno il verso ai film d'azione o d'amore, di spionaggio, documentaristici, ho perso il conto.
La regia è sublime, Anderson è una giovanissima promessa, forse è fin troppo associabile a i Tenenbaum per la coralità del cast (simile) e alla surrealità delle situazioni, ma non per questo è da deprecare.
Certo è un film dal quale, in sala, ho visto non poche fughe prima della fine del primo tempo, ma la ciliegina è il finale, intenso e inaspettato, con le musiche dei Sigur Ròs, che adoro letteralmente.
Girato tra la costiera amalfitana, Cinecittà e la Toscana, contiene una colonna sonora bellissima (cantata in parte dallo stonatissimo "Pelé", anche quello una macchietta niente male! non mi sovviene di chi sia il ritratto), è un film che meriterebbe un voto più dignitoso.

AleAle  @  03/11/2006 16:32:13
   8 / 10
che film...film...CURIOSO... (si, direi che questo sia il termine più appropiato..curioso..)

qual'è la ragione scientifica per la quale vuole trovare lo squalo leopardato?...
: VENDETTA!

diquiz  @  20/08/2006 20:37:05
   1 / 10
ma che roba è sta qua???? una trama inesistente,colpi di scena anche....e il pesce che sembrava arlecchino...ma dai....pienamente d'accordo con jack88...uno schifo TOTALE!!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 28/01/2009 13.15.11
Visualizza / Rispondi al commento
Diames  @  13/08/2006 03:16:32
   8½ / 10
Un film grandioso, con un Bill Murray strepitoso. La colonna sonora, come negli altri film di Anderson, è perfetta. Meglio del già notevole "i Tenenbaum". Volendo fare una critica (ma serve proprio?), diciamo che avrei forse tagliato un pochino qua e là; dovendo essere onesti, però, il film, in certi punti, sfiora la perfezione. Estremamente originale. La sequenza dello "squalo", verso la fine, riesce a suscitare sincera commozione, nonostante il tono grottesco di tutta la pellicola. Si ride molto, ma di una risata strana, non "comica". Senza dubbio da vedere. Sarebbe interessante un commento ai commentatori che hanno dato l'insufficienza a questo "piccolo" capolavoro, ma mi astengo. Dove l'avete vista la noia poi, non si sa. Non riesco a capacitarmi della media (6), evidentemente troppo bassa per un film di questo livello; ho capito i gusti, ma dai... c'è un limite a tutto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  07/08/2006 11:53:58
   6 / 10
Rispetto ad i Tenebaum, quest'opera di Anderson non mi ha convinta totalmente. Sicuramente è un film particolare, molto stravagante, con una colonna sonora da sbellicarsi dal ridere. La trama è noiosa e un po' insulsa ma la recitazione, l'ironia ed il sarcasmo sono ad alti livelli.

budd  @  06/08/2006 15:08:14
   8 / 10
Non capisco questo completo accanimento contro il film..certo il film è particolare e la recitazione è inusuale ma ciò non è da criticare ma da lodare...ogni attore del film merita una lode..Bill Murray sempre in ottima forma e un Owen Wilson che io pensavo un atore da quattro soldi davvero strepitoso..sicuramente il mezzo punto in + che gli ho dato invece del 7 e mezzo lo attribuisco a Anjelica Huston probabilmente una delle mie attrici preferite..la coopia Murray-Houston è fantastica e ogni loro incontro fa morire dalle risate...poi nei commenti sotto che parlano della sparatorie irrealistiche..ma dai è ovvio che è stata una scelta del regista x rendere tutto + ironico e irreale..

originale

gei§t  @  18/02/2006 11:53:43
   7½ / 10
film strano
non saprei definire il genere: commedia? drammatico? comico? mah!

spoonji  @  06/01/2006 11:26:29
   7½ / 10
Un film stranissimo, non tanto per la storia che in fondo è molto semplice, ma per tutto il resto. Una resa fotografica molto particolare, con colori pastello, molto chiari, in superficie, e colori accesissimi nell'oceano.
Per tutta la durata del film non c'è mai un primissimo piano, caratterizzazione dei personaggi fuori dal comune.
Fantastica l'idea di inventarsi tutte le specie di animali acquatici presenti nel film, perchè contribuisce a creare quell'atmosfera di fantasia, di scoperta e di viaggio che Steve Zissou vuole trasmetterci.
Un 10 va alla colonna sonora suonata quasi interamente da Seu Jorge, che ho scoperto essere un vero cantante, e composta quasi interamente da pezzi di david bowie, fatta eccezione per il momento dell'avvistamento dello squalo giaguaro, dove i Sigur Ros ricamano in maniera splendida il momento più emozionante del film.

albyhfintegrale  @  30/12/2005 20:52:33
   6 / 10
strambo...molto strambo come film, senza però essere in alcun modo comico

x certe cose gli darei 2..per certe altre 10....direi ke 6 è la giusta media

la trama mi è piaciuta a tratti, come pure la fotografia nuda e cruda...mentre gli effetti speciali (vedi pesci) potevano decisamente essere fatti meglio

.....ma mi sorge il dubbio ke tali effetti fossero volutamente fatti male....mah

anke le sparatorie erano ridicole....

comunque è un film assolutamente sconsigliato ad un mente razionale

Invia una mail all'autore del commento cnf2  @  30/12/2005 13:33:20
   7½ / 10
indubbiamente non è uno dei miliori di Anderson ma è piacevole,la fotografia è eccezionale e vi sono molti spunti creativi.forse il problema di questo film stà nella trama troppo ricca:non si segue bene il filo del discorso

benzo24  @  28/12/2005 12:41:32
   10 / 10
Film eccezionale, toccante e profondo come pochi. Regia geniale e ipnotica.

FedericoBlasco  @  23/12/2005 17:45:29
   4 / 10
non si capisce niente di stò film......che genere è?
poi a tratti è simpatico...poi boh
mi fa schifo il fatto che hanno abbandonato il cane sull'isola,mi fa troppa pena quella scena...è semplice ma mi fa pena

norah  @  06/12/2005 12:08:24
   6½ / 10
Mah, tutto sommato non me la sento di stroncare completamente questo filmetto, che poi filmetto si fa per dire, con un cast del genere…
Dopo il successo di Lost in translation, ritroviamo Bill Murray nei panni dell oceanografo delirante Zissou(l'acquatico lunatico, bwahahahah), una sorta di parodia di Jacques Cousteau, a partire dallo zuccotto rosso.
Una vita acquatica sulla scia del kitsch, per il folle Zissou ed il suo equipaggio, dai pesci finti multicolore, ai costumi veramente improponibili.
Il film palesemente improntato sui toni del burlesco e del surreale, a volte psichedelico ed incomprensibile, manca di quel brio e di quel ritmo che avrebbero potuto rendere meno noiosa la visione allo spettatore.
Nota di merito per le musiche, il brasiliano che canta i pezzi di David Bowie in portoghese è geniale.
Peccato, é proprio il caso di dire: poteva essere migliore.

alexw  @  21/11/2005 14:22:12
   6 / 10
è il primo film ke vedo realizzato da wes anderson e nn posso dire ke mi abbia molto convinta.
trovo ke la trama è originale ma interpretata male, le scene d'azione(sparatoie) NO coment.. però mi è piaciuto molto la fotografia. un cast fantastico x questo film.
metto 6 x gli attori, sopratutto per Owen Wilson...

Gruppo REDAZIONE Cagliostro  @  19/11/2005 03:22:56
   4 / 10
Film di grandi promesse, con interpreti eccellenti. Bill Murray gioca perfettamente i panni di Zissou (forse fin troppo Cousteau) e da solo sembra essere capace di reggere l'intero film. Ottimi anche tutti gli altri, anche se è evidente che le loro particine sono un po' troppo strette. La regia è qualcosa di più che semplice mestiere.
Molto apprezzabili i minuti iniziali e quelli finali girati al teatro San Carlo di Napoli. Se a questo si aggiunge che l'idea di fondo è piuttosto interessante e che il soggetto viene presentato come una commedia intelligente, bizzarra e graffiante, parodia dei film d'avventura, nonché sberleffo di chi ha scelto una vita avventursa, il voto dovrebbe essere un bel 10.
Purtroppo il film non mantiene quasi nessuna delle promesse che fa. Inanzitutto si tratta di una pellicola che non diverte. Alcune situazione e alcune bizzarrie vengono ostentate eccessivamente dal regista Anderson trasformando momenti spiritosi in comicità quasi demenziale. Si ride? Forse, ma a denti stretti. Alcuni dialoghi sono noiosi e sembrano quasi dei momenti riempitivi di una sceneggiatura carente e prolissa. Inoltre la commedia viene meno e tutto il film è permeato da una malinconia che raggiunge anche livelli elevati. Interessante la vena poetica che viene espressa attraverso alcune immagini "acquatiche" giocando con il contrasto di colori e di forme delle creature marine. Ciò viene annunciato dal cavalluccio marino che il bambino dona all'inizio del film a Zissou e trova il suo apice nella visione dello squalo giaguaro, passando da un'infinita varietà di altri animali fra cui le meduse arenate che illuminano la spiaggia nella notte e quei pesci fucsia che indicano la presenza dello squalo.
L'elemento grottesco e bizzarro, che inizialmente vorrebbe sembrare il vero protagonista del film, lascia troppo spesso posto a una realtà malinconica e triste, deludendo così le aspettative di uno spettatore che pensava di trovarsi di fronte a una commedia divertente e non volgare. Se magari i contenuti che denaturano questa pellicola fossero profondi o espressi in modo aulico forse il film sarebbe ancora salvabile, anche se ibrido. Ma, invece, questi contenuti non hanno alcuna originalità ed esprimono emozioni, situazioni e sensazione che autori di ben altro livelllo hanno saputo raccontare e trasmettere in modo ineccepibile.
Il film non appassiona e a tratti risulta noioso. A parte qualche seduzione visiva, non lascia assolutamemnte niente se non la sensazione di aver sprecato il proprio tempo. Peccato!

jack88  @  17/10/2005 12:33:39
   1 / 10
una boiata stratosferica
film prettamente senza senso
non vi disturbate a perdere un ora e mezza della vostra vita per questo
INSULSO!!!!!!!!!!


1 risposta al commento
Ultima risposta 17/10/2005 14.55.32
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE maremare  @  02/10/2005 15:05:31
   4 / 10
Un film a dir poco sconcertante che deluderà gli estimatori di Anderson.
La comicità corrosiva delle sue opere precedenti cede il passo ad un film inconcludente e vacuo. Nonostante l'ottima fotografia appare irritante notare lo spreco di danaro, attori e mezzi per raccontare le noiose peripezie di uno scemo di guerra. Certamente Anderson vuole parodiare la commedia avventurosa anni '60 ma il risultato è alquanto deludente, riducendosi unicamente ad un mero esercizio di stile.

1 risposta al commento
Ultima risposta 25/02/2007 16.32.44
Visualizza / Rispondi al commento
O.D.  @  01/10/2005 17:56:10
   7 / 10
Questo film a me è piaciuto..., Murray bravissimo come il resto della squadra...., il film scorre liscio senza annoiare.
Od almeno a me ha fatto questa impressione, mi sono divertito parecchio in alcune scene, le musiche di David Bowie arrangiate in portoghese sono perfette e la scena dell'isola dei pirati è magnifica!!!!
Ho sentito e visto un sacco si bei dialoghi e battute divertenti.
Mi spiace leggere tanti commenti negativi su questo regista che non conosco, in effetti è il primo film di Anderson che vedo e se dite che è il peggiore allora non vedo l'ra di vedere gli altri per farmi luccicare gli occhi!!!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR tylerdurden73  @  20/09/2005 09:41:45
   6 / 10
Wes Anderson è un regista che continuo a non riuscire ad inquadrare,come mi era gia' capitato con "I Tenenbaum" il suo film non mi ha convinto molto,anche se bisogna ammettere che il regista ha idee e voglia di rischiare e per questo motivo non mi sento di stroncare totalmente il suo operato.Sicuramente bisogna ammettere che la trama è piuttosto noiosetta oltre che condita con una comicita' abbastanza deludente,un peccato poi vedere un cast di tutto rispetto utilizzato in maniera approssimativa...mi chiedo come si faccia ad avere a disposizione Cate Blanchett,Willem Dafoe,Anjelica Huston e costringerli a ruoli molto marginali.Bravo è invece Bill Murray,un attore che invecchiando sta' diventando veramente sempre piu' interessante.Aspetto di vedere il prossimo film di questo regista,anche se credo che ancora una volta non riusciro' nè ad amarlo nè ad odiarlo completamente,forse perchè è talmente folle che riesce ad uscire dagli schemi precostituiti ma non credo che lo faccia nella maniera piu' opportuna,un po' di sincerita' in piu' e un po' di autocompiacimento e narcisismo in meno forse lo aiuterebbero a trovare la giusta via e a diventare davvero un grande filmaker.

JoJo  @  18/09/2005 12:06:59
   4 / 10
Il gusto autoreferenziale di questa (presunta) pellicola ilare è lapalissiano, vien pomposamente ostentato da Wes Anderson, cineasta houstoniano che si sollazza nel tentativo di scimmiottare l'umorismo europeo. Il tentativo, nel destreggiarsi dell'intreccio tra metanarrativa e surrealismo, si risolve nondimeno in un fallimento se non altro parziale: la rappresentazione delle imprese di codesto Steve Zissou, mediocre documentarista nonché millantato uomo di scienza che rifugge i dettami dell'epistemologia moderna altresì adottando metodi che sarebbero difficilmente giustificabili dai migliori giuslavoristi, si fonda sulla ricerca in una deflagrazione prorompente di colori d'una risata financo intellettuale e sofisticata, ma malauguratamente la meta non viene conquistata, col risultato che un'ovattata aura d'insoddisfazione aleggia su d'uno spettatore perennemente in attesa di poter liberare un fragoroso moto d'ilarità, scaturito da quel coacervo di bizzarrie che invece nella sua ineffabile incompiutezza risulta fine a sé stesso. L'ostinazione adamantina del protagonista (un Bill Murray ch'ondeggia tra il suo esser in parte ed una sua presenza quasi inappropriata che par dare ragione ai teorici della fisiognomica lombrosiana: i tratti somatici dell'attore vagamente depresso si riflettono su d'un personaggio che forse quella vena malinconica non doveva averla), che permette a questi d'affrontare una sfilza di situazioni che forniscono il casus belli a litigi puntuali come la messa ebdomadaria e che fioriscono in una sorta di geremiade, è il fulcro della narrazione, il motore (neanche troppo) immobile attorno al quale ogni cosa rota, come se fossero gl'avvenimenti a frantumarsi contro l'eccentrico documentarista, quasi lo spettatore stesse osservando la parallasse d'una stella.
L'esplosione dei vividissimi colori, il forte tinteggiar che starebbe a sottolineare nei propositi del regista l'irrealità dell'intera narrazione, eziandio rovinato da una sceneggiatura che a tratti si dimostra essere allettante quanto una disamina del Deuteronomio, è invero alquanto azzeccato, ma cotal dettagli son tendenzialmente apprezzati da un pubblico che qualche difficoltà potrebbe avere a non ritener sovente ingenua la comicità sin troppo ostentata in questa pellicola che in un impeto di (indubbiamente coraggiosa) arroganza par voler sfidare certi canoni quasi fossilizzati nella gnoseologia cinematografica classica (in particolare americana).
Nonostante tutto, Le avventure acquatiche di Steve Zissou è un'opera men che mediocre.

15 risposte al commento
Ultima risposta 14/04/2014 14.29.06
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  15/09/2005 10:38:10
   5 / 10
Wes Anderson si pone lontano dalle produzioni hollywoodiane odierne.
Il suo film e il suo cast sembrano quasi la perfetta antitesi di produzioni tipo quelle alla Soderbergh.
"Le avventure acquatiche di Steve Zizzou" comunque è divertente, non c'è niente da dire , ma alla fine è un film vuoto e inutile, del quale poco rimane, oltre alla faccia irresistile di Bill Murray, che - è il caso di dirlo - è il vero, assoluto mattatore.
La pellicola per il resto procede tra follia , farsa, parodia, presa per i fondelli di jacques Coustou e qualche gag divertentissima (la prima sequenza), senza però dire assolutamente nulla. Ed è un peccato, perchè per 2 ore (anche troppe ) lo spettatore si trova davanti a un film certo fuori da schemi, strano, ma alla fine girato per divertimento e nient'altro.

Il cast comunque è fantastico.
Oltre al bravissimo Murray, troviamo Anjelica Huston la Blanchet e i geniali Willem Defoe e Jeff Goldblum.

freedom  @  12/09/2005 17:23:54
   2 / 10
ORRENDO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

+ volte incomprensibile
Noioso
Lento
Per non parlare della fotografia ... pessimi fotomontaggi

1 risposta al commento
Ultima risposta 14/04/2014 14.29.55
Visualizza / Rispondi al commento
kekkolorusso  @  01/06/2005 18:53:17
   5 / 10
capisco che le cose strane contengono un fascino particolare.....ma stò film è un pò troppo strano! a tratti simpatico ma per lo più incomprensibile!

zaami  @  28/05/2005 21:01:00
   10 / 10
Bellissimo! Un film per chi osa ancora sognare. Un grande cast!

f.pippo6  @  19/04/2005 12:58:25
   7 / 10
Film piuttosto stano a tratti bello e divertente e a tratti lento e noioso, però se amate la comicità di Bill Murray non perdetevelo sicuramente lui da un tocco in più al film.

Invia una mail all'autore del commento vlad  @  04/04/2005 18:06:57
   7 / 10
E' certamente un film acquatico, questo è poco ma sicuro. Simpatico e divertente, lo stile favolistico e surreale con cui viene raccontata la storia, può far storcere un po' la bocca e strappare qualche sbadiglio quà e là ma rimane tuttavia un lavoro molto gradevole e originale, accompagnato per tutta la durata da una sottile ironia mista a momenti che, viceversa, suscitano una tenera e tiepida malinconia. Bill Murray, che per una vita ha fatto il cinico-for-ever, in questo rivela un aspetto quasi annoiato, ai limiti del disincantato; probabilmente l'attore più indicato per una parte del genere: un sognatore, un visionario al limite della credibilità, un personaggio stravagante che ha vissuto per i suoi sogni ed ha catturato, quasi inconsapevolmente, il cuore di altri stravaganti sognatori che poi si rivelano le uniche persone che, a dispetto del mondo sulla terra ferma, barboso e cerimonioso, siano riuscite a permeare il mondo fantastico del Capitano dei loro sogni da bambini. Sì, il personaggio di Steve Zissou mi è proprio piaciuto...la giusta via di mezzo tra un Akab e un Capitan Findus.
Chiaramente, anche il resto del cast è più che valido: un Dafoe eccezionale con battute e mimiche facciali che ti lasciano indeciso fino in fondo se ridere o intenerirti (ma tanto alla fine ridi!). Wilson anche ha fatto un buon lavoro e negli anni si sta rivelando molto versatile e capace ma, forse per la caratterizzazione del personaggio, non mi ha convinto fino in fondo. Così anche la Blanchett, bellissima, ma un po' accessoria ai fini della storia.
La colonna sonora è molto bella e azzeccatamente surreale già di per sé ma il modo in cui è stata integrata nella storia , a mio avviso, è una vera perla.
Poi c'è la fotografia, il montaggio, le riprese che ti portano per mano attraverso tutti gli assurdi compartimenti di quella assurda nave...insomma, un film da vedere senza ombra di dubbio.

13 risposte al commento
Ultima risposta 18/04/2005 23.40.27
Visualizza / Rispondi al commento
datarex  @  03/04/2005 19:39:29
   4 / 10
noioso, non mi è per niente piaciuto mi aspettavo un film + spiritoso e frizzante. Una grande delusione.

bogob  @  03/04/2005 13:25:40
   7 / 10
Wes Anderson fa di nuovo centro con un film assurdo e ironico dove tra un sorriso e una risatina c'è anche una storia, la storia di Zissou, i suoi successi e i suoi fallimenti. Bill Murray è semplicemente perfetto nella parte e anche Owen Wilson non è da meno. Concordo con chi sostiene che Dafoe è eclatante nel ruolo fa ridere quando si offende per nulla...
Da vedere con occhio ironico, bello.


1 risposta al commento
Ultima risposta 31/10/2005 17.32.05
Visualizza / Rispondi al commento
baraonda  @  29/03/2005 22:18:14
   5 / 10
film troppo strano ,pri vo di una trama e alquanto noioso

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/03/2005 00.57.13
Visualizza / Rispondi al commento
Nightcrawler  @  25/03/2005 18:42:26
   7 / 10
Film d'un'ironia che ho trovato quasi "europea", distante anni luce dalle commedie spegni-cervello che di solito arrivano da oltre oceano

Invia una mail all'autore del commento Holly  @  19/03/2005 19:53:08
   8 / 10
Ragazzi,a me questo regista mi garba...Ironico,al limite del demenziale e contemporaneamente elegante nelle inquadrature e nella capacità di creare meravigliosi personaggi,stratificati e sfaccettati,cinici,dolcissimi,sopra le righe...Ha uno stile nuovo,personalissimo,difficile.In questo film,poi,ha lasciato davvero libero sfogo al suo estro.

pardossi  @  17/03/2005 23:48:59
   7 / 10
Certamente rientra nel settore dei film particolari quasi indefinibile, con momenti di surrealismo che diventano piacevoli sorprese e scaturiscono curiosità nello spettatore, a tratti può diventare noioso per dei dialoghi e situazioni lente, ma nulla vi distoglierà dall'idea di vedere il mitico squalo giaguaro.
Il cavalluccio marino lo pagherei a peso d'oro per averlo nel mio acquario!

davmus  @  17/03/2005 16:03:03
   3 / 10
Non l'ho proprio capito....non sò se era brutto volutamente o apposta!

2 risposte al commento
Ultima risposta 27/03/2005 19.27.04
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI martina74  @  15/03/2005 15:48:44
   7 / 10
Forse darei una mezza stella in più: di certo è un film inusuale, ironico e surreale, a cominciare dalla trovata degli animali marini (compresi i granchi caramellati in amore... amore violento, direi!). Un Bill Murray stralunato, all'altezza del suo ruolo in "Lost in transaltion", ruoli azzeccatissimi per Willem Dafoe e Anjelica Houston, e un "bravo" a chi ha scelto il look di Jeff Golblum.
Da vedere.

Massimiliano73  @  14/03/2005 14:08:57
   1 / 10
Forse il film più brutto che ho visto negli ultimi 3 o 4 anni.
Mai divertente e qualche volta addirittura imbarazzante tanto è girato e recitato male .
Che schifezza!

6 risposte al commento
Ultima risposta 12/06/2005 16.03.19
Visualizza / Rispondi al commento
Massacratore  @  12/03/2005 10:43:57
   8 / 10
Credevo di ridere un pochino di più... in realtà, pur essendo un po' lento è un film che mi ha messo veramente di buon umore.
Forse il più grande Dafoe di sempre!!!!

Asia17  @  12/03/2005 00:57:06
   8 / 10
Concordo in tutto e per tutto con edo.

il_drugo  @  10/03/2005 12:05:56
   3 / 10
... ma che film è?

2 risposte al commento
Ultima risposta 12/06/2005 16.04.31
Visualizza / Rispondi al commento
Edo  @  09/03/2005 18:27:37
   8 / 10
Assolutamente non 'e per chi si sollucchera con "Ti presento i miei" e compagnia bella: 'e certamente un film lento, con tempi e dialoghi dilatati, ma in perfetta armonia con lo stile che non e' corretto definire "demenziale", meglio forse "demenzialpoetico", sul cinema, sull'ambizione, la vita, il sogno... UN Bill Murray strepitoso come sempre, un DAfoe tenero e fragile, una colonna sonora riletta in portoghese sulle grandi canzoni di Bowie...
Dopo tante ca(zz)atine alla Costantine e Blade, un film che non ti lascia certamente vuoto il cervello quando esci, mi dispiace per chi se ne esce o si addormenta, certi film sono come perle ai porci

Pierluigi  @  08/03/2005 18:26:05
   7 / 10
Rispetto certamente tutti coloro che riterranno il film monotono o demenziale ma a mio avviso c'è qualcosa di più profondo da considerare nelle trame della sneneggiatura. Secondo me è un film sul cinema, un atto d'accusa veemente contro l 'odierno sistema di strutturare una storia raccontata per immagini. C'è una forte, caustica ironia nei confronti delle scene strapplacrime (vedi rapporto tra padre e figlio) o le scene d'azione alla S.W.AT. (vedi Bill Murray che sgomina uno stuolo di idioti pirati). C'è una riflessione triste sulla scarsa autonomia e indipendenze dei filmmakers nei confronti di quei pescecani dei produttori. C'è un doloroso vaff....... indirizzato alle stupide platee di cinema (Bill Murray è sfrontatamente crudele con i suoi ammiratori e dimostra sistematica apatia alle serate di gala in suo onore). Certamente non è un capolavoro e neanche un bel film ma merita più considerazione delle banali riflessioni sul suo ritmo .

1 risposta al commento
Ultima risposta 17/03/2005 23.52.51
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Miss Blonde  @  07/03/2005 17:33:57
   7 / 10
Sicuramente un film raffinato, non stupido come può sembrare dalla pubblicità...un fantastico cast (angelica huston è unica) per un film demenziale ma allo stesso tempo così reale..non è vuoto come sembra, ti lascia qualcosa...forse un pò noioso verso la fine, ma comunque da vedere.

maxcim  @  07/03/2005 17:26:06
   5 / 10
Devo ammettere che mi aspettavo un'altro tipo di film e sulle prime sono rimasto piuttosto interdetto. Il film è piuttosto lento, soprattutto nella prima parte e occorre un certo sforzo a non appisolarsi. D'altra parte il film ha una sua originalità ed è senza dubbio fuori dai soliti schemi della commedia americana classica. Gli attori sono bravi ma alla fine direi che è più un film da vedersi comodamente in TV che ad un cinema con salato ingresso.


Alice...  @  05/03/2005 12:05:23
   5 / 10
Dire che siamo di fronte ad un film "brutto" sarebbe superficiale e riduttivo, ma se arrivassi ad elogiarlo mi sentirei un'ipocrita.
Una trama sviluppata su un'idea originale, una regia attenta ai particolari e un cast di gran fama che non si disonora: tutto questo non è bastato? no, ahimè, non è bastato.
Gl'ingredienti positivi di questo film sono parte di una realizzazione estremamente lenta e noiosa: io sono anche dell'idea che il parere del pubblico sia spesso l'opposto della qualità cinematografica, ma in questo caso la fuga di alcuni spettatori poco dopo l'inizio del film e l'addormentarsi degl'impavidi rimasti... sono state reazioni pertinenti alla situazione.

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1011195 commenti su 44513 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net